una-rete-per-gli-indipendenti-per-tutelare-il-lavoro
Archivio Ti-Press
La protezione sociale non è uguale per tutti i lavoratori
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
14 min

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Bellinzonese
14 min

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Ticino
27 min

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
32 min

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
48 min

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
52 min

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
1 ora

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
1 ora

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
1 ora

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
2 ore

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
2 ore

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
2 ore

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
3 ore

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
3 ore

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
Locarnese
3 ore

Locarno, due nuovi membri nel Cda della Raiffeisen

L’assemblea generale degli oltre 1’500 soci approva (per corrispondenza) nomine e conti
Locarnese
5 ore

Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione

Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
laR
 
26.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 11:19

Una rete per gli indipendenti per tutelare il lavoro

Uno studio della Supsi fotografa la situazione dei lavoratori autonomi alla luce della crisi pandemica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Si tratta di un primo passo verso la conoscenza di come si configura il mondo dei lavoratori indipendenti, in particolare alla luce dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19. Il lockdown e i confinamenti che ne sono seguiti hanno colpito in maniera grave molte categorie professionali, svelandone la condizione di precarietà e l’estrema varietà». Così il professor Christian Marazzi, coautore dello studio ‘Gli indipendenti in Svizzera - Composizione, protezione sociale, crisi pandemica’. Le conclusioni del rapporto sono state presentate a Berna durante una conferenza stampa del gruppo parlamentare del Partito socialista che ha preso spunto da questo documento per chiedere una maggiore protezione sociale a favore di questa categoria di lavoratori. «Una categoria che non è più quella legata a un’immagine ormai antica delle professioni liberali: ingegneri, avvocati, medici, architetti, eccetera», aggiunge Marazzi. «E questo in vista di un ripensamento non solo della sicurezza sociale in quanto tale, ma anche del loro futuro. E questo riguarda non solo gli indipendenti, ma tutto il mondo del lavoro che negli ultimi tre decenni è profondamente cambiato sulla spinta dell’innovazione tecnologica, delle forme di organizzazione aziendale e della digitalizzazione», precisa l’economista della Supsi.

«Più di un universo sociale, si tratta di un ‘pluriverso’ poco rappresentato e poco conosciuto, sia dal punto di vista politico e sociologico, sia da quello statistico, anche se esprime un profondo cambiamento del mondo del lavoro e dei modi di produrre e scambiare beni e servizi», aggiunge ancora Marazzi. 

Nello studio si fa riferimento anche alla Gig Economy, l‘economia dei lavoretti e quindi all’economia digitale che ha di fatto trasformato i rapporti di lavoro subordinato, salariato quindi, in lavoro autonomo. «Si può affermare, in generale, che il processo di digitalizzazione dell’economia e la globalizzazione hanno dato un notevole impulso alle trasformazioni del mondo del lavoro e hanno in qualche modo determinato anche la nascita di nuove forme di rapporti di lavoro basati su una forma di indipendenza che a volte nasconde un vero e proprio rapporto di subordinazione. Anche perché sulle piattaforme dell'economia digitale l'attività lavorativa si svolge in condizioni molto diverse rispetto al tradizionale modo di lavorare», afferma da parte sua il professor Spartaco Greppi, responsabile Centro competenze lavoro, welfare e società della Supsi, direttore della ricerca. «L’economia digitale in generale permette maggiore flessibilità e quindi intermittenza lavorativa che si traduce in precarietà reddituale e sociale». 

Elementi che sono emersi durante la crisi sanitaria. «Certo, perché la pandemia ha determinato un deterioramento delle condizioni lavorative e reddituali delle persone che prima dello scoppio della crisi riuscivano appunto a guadagnare anche se non in modo continuo. Un reddito basso magari integrato da altre risorse come prestazioni sociali erogate a vario titolo oppure risorse personali o famigliari. La pandemia ha scombussolato tutto questo», aggiunge il professor Greppi.

Ma quando si parla di nuovi indipendenti, non bisogna sempre pensare per forza a mestieri nuovi. «Pensiamo alle persone attive nel mondo dello spettacolo e della cultura, nei servizi alla persona, ai piccoli artigiani titolari di una società a garanzia limitata, agli addetti alle pulizie, ai migranti, tutti accomunati da condizioni contrattuali deboli e da vulnerabilità sociale e occupazionale. La crisi pandemica ha rilevato i limiti dell’interpretazione della realtà del lavoro indipendente da parte del sistema di sicurezza sociale», precisa invece Marazzi. 

Eppure, appena decretato il lockdown, le misure straordinarie varate dal Consiglio federale hanno permesso di parare il colpo. Pensiamo alle indennità Ipg Corona o quelle straordinarie per gli indipendenti o titolari di azienda. 

«Si è intervenuti con sostegni mirati al reddito. Le Ipg sono ‘indennità di perdita di guadagno’ temporanee, ma non di ‘perdita di attività’. Di fatto tutti i costi fissi degli indipendenti non sono coperti e il rischio di chiusura o fallimento al termine di questo periodo straordinario è elevato», afferma Greppi.

Emerge quindi la necessità di ripensare tutto il sistema di welfare svizzero, tenendo quindi conto anche degli indipendenti e di tutti i soggetti fragili che la pandemia ha palesato. «Questo è un programma politico ambizioso che compete alla politica. Dal punto di vista dello studio degli effetti della pandemia emerge la reattività del nostro sistema di welfare, in particolare delle assicurazioni sociali. Serve però altro», commenta Christian Marazzi.

Il gruppo parlamentare socialista propone un’assicurazione obbligatoria in caso di malattia o infortunio per tutti i lavoratori, un’assicurazione Ipg universale e una legge sul lavoro applicabile in tutti i settori, compresa la Gig Economy e le piattaforme come Uber.

«Gli indipendenti incarnano delle tendenze che vanno al di là del loro statuto e che ci riguardano in modo trasversale. È tutto il mondo del lavoro che diventa intermittente con forme contrattuali deboli e che creano vulnerabilità economica e sociale. Tutte cose che la pandemia ha svelato nella loro ampiezza visto che gli indipendenti, diversamente dai lavoratori salariati, si sono trovati senza rete. E quando queste tutele sono arrivate, ancorché urgenti e temporanee, non sempre hanno funzionato perché il sistema di calcolo delle Ipg si basa su redditi spesso bassi e soprattutto al netto delle spese di esercizio. Artisti e lavoratori dello spettacolo, pur essendo una minoranza dell’insieme degli indipendenti, in questo sono paradigmatici», conclude Marazzi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lavoratori autonomi welfare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved