ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
3 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
4 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
4 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
5 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
5 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
6 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
6 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
6 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
6 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
6 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
6 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
Luganese
6 ore

Lugano, dibattito sulla protezione dei diritti umani

Convegno all’Usi, sabato 10 dicembre, per discutere del tema partendo dall’Esame periodico universale dell’Assemblea generale dell’Onu
Bellinzonese
7 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per il 12 dicembre alle 19 al centro culturale Areapangeart
Luganese
7 ore

Il ballo aiuta a convivere con il Parkinson

La Croce Rossa Svizzera propone un corso dedicato alla sede di Lugano. Si inizia il 19 gennaio
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona, Veglia d’Avvento con il vescovo Alain De Raemy

L’evento organizzato dalla Pastorale giovanile avrà luogo sabato 17 dicembre dalle 20.30 nella chiesa di San Giovanni
Bellinzonese
7 ore

La Saga di Teodorico da Verona farà tappa a Sementina

Sabato 10 dicembre alle 17 nel centro Ciossetto verrà proposta la seconda rappresentazione del ciclo di poemi sinfonici composto da Matteo Manzolini
Luganese
7 ore

Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan

Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
Bellinzonese
7 ore

La Fondazione Idea sostiene attività destinate ai bambini

Consegnato un assegno di 6’000 franchi all’Associazione Feste dei Bambini di Monte Carasso
Grigioni
7 ore

Grono, presentazione del libro ‘Vola bass 6: sbassa la cresta!’

Appuntamento lunedì 12 dicembre in compagnia dell’autore Christian Demarta, Franco Lazzarotto e Lulo Tognola
Mendrisiotto
7 ore

Fiera dell’antiquariato in veste natalizia a Mendrisio

Domenica nel nucleo storico si propone la prima edizione ‘fuori stagione’, tra oggetti da collezionismo e specialità gastronomiche
laR
 
21.05.2021 - 05:15

’Ndrangheta, faremmo meglio a preoccuparci sul serio

In un nuovo libro Madeleine Rossi racconta una mafia potente, onnipresente e destinata a crescere ancora con la crisi post-Covid

ndrangheta-faremmo-meglio-a-preoccuparci-sul-serio
Madeleine Rossi (L.E.)

«Lo vedi questo quaderno?». La domanda viene da Madeleine Rossi, giornalista specializzata nelle attività delle mafie italiane in Svizzera. Lo spessore del taccuino è di pochi millimetri. «Un milione di franchi in banconote da mille è così, se lo metti sottovuoto. Lo puoi infilare sotto un sedile, in una Bibbia. Difficile che qualcuno se ne accorga». Per parlare di criminalità organizzata Rossi parte dal denaro, perché ricorda un vecchio monito del magistrato Giovanni Falcone al collega ticinese Paolo Bernasconi: «Dopo i soldi della mafia arriveranno in Svizzera anche i mafiosi». Ora sono passati trent’anni e in effetti di mafiosi ne sono arrivati parecchi, non solo siciliani: in Ticino e nel resto della Confederazione è anzitutto la ‘ndrangheta a sfondare. Rossi ne parla in un volume appena stampato dalle edizioni Attinger – ‘La mafia en Suisse, au cœur du crime organisé’ – «uno studio quasi entomologico» del fenomeno, incredibilmente scorrevole eppure ricco di storie, sorprese, implicazioni che lei stessa definisce «vertiginose».

Tramezzini e scontrini

Certo, sono lontani gli anni delle inchieste clamorose sul riciclaggio e il narcotraffico, di Pizza Connection e Lebanon Connection, «ma questo non significa che la criminalità organizzata se ne sia andata, anzi. Clan potentissimi come la cosca Ferrazzo sono ancora qui in Ticino, intimidiscono i loro stessi compaesani, la polizia e le istituzioni non riescono a liberarsene. Anche perché gli investigatori che se ne occupano sono solo tre, e il coordinamento con la Fedpol e tra gli inquirenti cantonali e quelli federali, secondo molti osservatori locali, non è ottimale. Per fare di più servirebbero risorse aggiuntive, ma allora ci vuole più forza di volontà. Volontà politica».

Neppure la fine del segreto bancario è stata sufficiente a invertire la tendenza, «anche perché si trovano sempre un prestanome, un compro oro, persone e sistemi fatti apposta per ripulire il denaro, tanto più che le leggi svizzere, incluse le più recenti sulle fiduciarie, hanno ancora maglie troppo larghe. Come ha detto un giudice istruttore francese ai suoi tempi, sono leggi ‘fatte per contadini che al sabato sera suonano il corno delle Alpi’».

Invece il richiamo in cui soffia la ‘ndrangheta è quello dei soldi, «tanti soldi, contanti pronti da investire ad esempio nei bar che vedi qui attorno. Quelli che cambiano arredamento ogni sei mesi e magari servono 300 franchi di caffè e tramezzini al giorno, ma emettono scontrini per 3mila, così da ‘pulire’ la differenza. Attività che compreranno sempre più dagli esercenti onesti messi in crisi dal Covid-19, nel silenzio e nella complicità di chi un po’ ha paura, un po’ è con le spalle al muro o vive di un certo indotto». Secondo un sondaggio, ricorda la giornalista, «in Lombardia dall’inizio di questa crisi un ristoratore su cinque è stato contattato da investitori in odore di mafia: difficile credere che in Ticino non accada lo stesso».

Manca la consapevolezza

Magari basterebbe qualche controllo incrociato per scoprire di più. Ma Rossi – che ha girato l’Italia in lungo e in largo, ha parlato con i principali magistrati e poliziotti dell’antimafia, ha letto le carte dei processi vedendo spesso ricorrere nomi e luoghi legati al Ticino e alla Svizzera – teme che a mancare sia anzitutto la consapevolezza: «Se almeno in Ticino ci si preoccupa ad esempio dei permessi facili e si ha presente il problema, non si può dire lo stesso oltre Gottardo. Tra l’altro molti degli atti e delle interrogazioni a Berna vengono da ticinesi». Una scorsa alle tabelle in fondo al libro rivela tra l’altro un aspetto interessante: vengono quasi tutte dal centro e dalla destra. «Molto attivi sono ad esempio Fabio Regazzi e Marco Romano (consiglieri nazionali Ppd, ndr) e a livello cantonale Giorgio Galusero (granconsigliere Plr ed ex tenente). Poi si vedono molti atti di Lega e Udc, che però tendono a legare il fenomeno a una demonizzazione più generale degli stranieri. D’altra parte, la sinistra pare guardare al problema con un idealismo che sconfina nel buonismo».

Ma la politica è distratta anche perché lo è l’elettorato, anche perché «le mafie si nutrono di legami familiari e si muovono nell’ombra, non ci si può aspettare di scorgere il mafioso-tipo con mitra e Borsalino. Infatti quando ne arrestano la reazione dei vicini è spesso stupita, del tipo ‘era molto gentile’, ‘salutava sempre’». Anche per questo «è importante sensibilizzare, informare, come si propone di fare il nuovo Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata» dell’Università della Svizzera italiana. Una messa in rete di informazioni altrettanto importante deve avvenire a livello di autorità, come cerca di fare la piattaforma della Fedpol denominata Coc (Countering organized crime), che «permette di incrociare dati anagrafici, catastali, patrimoniali in un’ottica simile a quella della prevenzione antiterrorismo. Questo ha già consentito di riaprire inchieste su quelli che in un primo tempo parevano crimini comuni. Magari prima o poi ci accorgeremo che c’è stato anche qualche omicidio». Importante sarebbe infine che cittadini e istituzioni si parlassero anche tra di loro: «Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri apre la porta del suo ufficio a tutta la cittadinanza un pomeriggio a settimana. Gli tocca sorbirsi anche il balordo che dice di aver visto un Ufo, ma tra i tanti testimoni raccoglie anche segnalazioni decisive. Alcuni si fanno tutta la strada dalla Svizzera e dall’Austria perché qui non sanno dove trovare ascolto. Ecco, sarebbe bello se qualcosa del genere si facesse anche presso l’antenna Fedpol di Lugano».

Vitamine e confetti

Il problema non è ‘solo’ il riciclaggio «dei proventi di droga, prostituzione, traffico di esseri umani, alimenti e agricoltura, beni archeologici e tutto quello che è redditizio trattare illegalmente». Ci sono anche «le armi e le munizioni, che qui in Svizzera è facilissimo procurarsi. Basta entrare in un’armeria per procurarsi ‘confetti’ o ‘vitamine’, come si chiamano in gergo i proiettili, ma anche pistole e fucili. Poi ci sono quelli rubate nei poligoni, quelli dell’esercito rivenduti anche solo dal privato cittadino a corto di soldi, che incassa qualche franco e ne denuncia il furto fittizio». Armi usate per agguati e omicidi, e mica solo pistole e fucili convenzionali: «Dall’esercito svizzero sono arrivati in Calabria anche fucili anticarro, per sventrare le auto blindate dei boss». Poi c’è lo spaccio di droga in Ticino, dove «anche se spesso finiscono nelle inchieste persone che paiono lontane dai clan, ad esempio complici di altri Paesi, spesso a capo delle filiere di traffico ci sono proprio le mafie italiane».

Le mani sui cantieri

Soprattutto c’è una penetrazione economica che dai caveau arriva fino ai cantieri, dalla finanza all’economia reale. Rossi ritiene emblematico il caso del tunnel di base del Ceneri. Era la notte del 22 settembre 2010 quando una roccia si staccò da una delle pareti durante lo scavo: sette metri sotto c’era il minatore calabrese Pietro Mirabelli, che morì schiacciato. “Quando gli inquirenti arrivarono – notò l’allora procuratore generale John Noseda –, il luogo dell’incidente era stato completamente stravolto, con l’aggiunta di misure di sicurezza in precedenza non presenti. Ma nessuno dei trenta operai ha voluto parlare, perché avevano paura per il loro lavoro e la loro famiglia”. Non si sono trovati colpevoli per quell’incidente, ma Rossi ricorda: «La ditta responsabile del cantiere si era vista ritirare il certificato antimafia in Italia per subappalti illeciti, e dopo il crollo di un tunnel era stata implicata in un’inchiesta contro la ‘ndrangheta a Reggio Calabria». Ora, «si può dire che gli incidenti capitano, che il lavoro di minatore è pericoloso. Resta il fatto che in quel tunnel – dove molti operai incluso Mirabelli avevano denunciato condizioni di lavoro disumane – grazie a un appalto a prezzi stracciati si sono inseriti interessi economici in odore di ‘ndrangheta. C’è solo da sperare che non si sia risparmiato anche sui materiali e la sicurezza dell’infrastruttura». Il fatto che si tratti di una delle opere-simbolo della Svizzera contemporanea «fa capire quanto le mafie italiane possano penetrare fino al cuore della Confederazione».

Anche per questo servono regole e attenzioni speciali: «Se non si fanno controlli, si lasciano proliferare i subappalti e si cede sempre alle lusinghe dell’offerta più economica, allora si spiana la strada alla ‘ndrangheta. A restare schiacciati sono i lavoratori, ma anche la cittadinanza nel suo complesso. Perché più questa presenza e questo potere aumentano, più finiranno per colonizzare i processi decisionali e le sedi politiche». Ormai, conclude Rossi, «uno scandalo di corruzione che coinvolga funzionari pubblici e rappresentanti eletti non è questione di se, ma di quando».

Il libro di Madeleine Rossi può essere ordinato sul sito della casa editrice oppure nelle librerie in Svizzera romanda

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved