giovani-viaggiatori-della-multiculturalita-cercansi
Dialogue en route
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
41 min

Il patriziato di Lugano in assemblea

L’appuntamento è previsto a Palazzo dei congressi per giovedì 28 ottobre alle 17.45. Servirà un certificato covid.
Locarnese
42 min

Adolescenza e comportamenti a rischio, una conferenza

Lunedì 25 ottobre alle Medie di Cevio si parla di prevenzione con l’Assemblea Genitori e l’Associazione Radix della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

In Ticino 20 contagi, 2 persone in più in ospedale

Aumentano da 7 a 9 le persone ricoverate per Covid, di cui una ancora in cure intense
Locarnese
1 ora

Ascona-Brissago, automobilisti armatevi di pazienza

Da oggi iniziano i lavori per accrescere la sicurezza del pendio soprastante la cantonale a Moscia. Gli interventi saranno svolti prevalentemente la notte
Video
Mendrisiotto
2 ore

Nebiopoli 2022 si farà con il certificato Covid

Discusso il piano di protezione che permetterà lo svolgimento della manifestazione dal 10 al 14 febbraio 2022
Locarnese
5 ore

Locarno, estetica solidale per i malati tumorali

Una nuova associazione no profit raccoglie fondi per rendere più accessibili i trattamenti contro alcuni effetti delle terapie farmacologiche
Locarnese
5 ore

Locarnese, 35 anni fa lo schianto sui monti di Mondovì

Nell’incidente aereo persero la vita 6 persone conosciute della regione. Il velivolo, decollato da Ascona e diretto in Spagna, perse la rotta nella nebbia
Luganese
5 ore

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla commissione di quartiere né ai mozionanti
Mendrisiotto
13 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
14 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
14 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
15 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Ticino
 
19.05.2021 - 22:230
Aggiornamento : 20.05.2021 - 10:54

Giovani viaggiatori della multiculturalità cercansi

Il progetto ‘Dialogue en Route’ propone attività e visite guidate che mirano al dialogo fra persone di fede e cultura diverse. L’incontro online alle 20

Sono giovani e con la voglia di contribuire a una società più inclusiva dando spazio a tematiche culturali e religiose. Sono le guide del progetto nazionale ‘Dialogue en Route’, che propone visite per gruppi e classi di scuola in Ticino dal 2018. «È un programma ideato da ‘Iras Cotis’, comunità di lavoro interreligiosa in Svizzera e rete nazionale che mira allo scambio tra persone di fede e background culturale diversi», ci spiega Ambra Ostinelli, 25 anni, co–coordinatrice, insieme a Tatiana Roveri, del progetto per la Svizzera italiana. Un’opportunità per adolescenti e adulti di confrontarsi con questioni legate al vivere insieme e toccare temi religiosi poco trattati a causa, spesso, della loro complessità. Fra le varie offerte, anche la visita al museo Vincenzo Vela di Ligornetto, completata dallo scambio con un gruppo di giovani minori non accompagnati che hanno un passato migratorio. 

Momenti arricchenti per i partecipanti, ma soprattutto per le giovani guide, che hanno occasione di fare un’esperienza lavorativa, prendere parte a un progetto e ricevere una formazione certificata in comunicazione interculturale da un’alta scuola pedagogica. «Siamo sempre alla ricerca di ragazzi e ragazze, indicativamente tra i 18 e i 25 anni, ma non è facile – prosegue la co–coordinatrice –. Le visite avvengono in Ticino e molti giovani di questa fascia d’età si trovano nelle città universitarie per gli studi. In ogni caso si tratta di un impegno flessibile e gratificante. I ragazzi si sentono parte di qualcosa, ricevono un piccolo salario e danno un contributo concreto nell’organizzazione di eventi o attività di cui loro stessi potranno beneficiare». Attualmente la rete di guide per il Ticino è composta da sette giovani di confessione diversa e non religiosi, un team dinamico di ragazze e ragazzi dalle riflessioni consapevoli e spinti da una forte curiosità”.

Le visite sono solo una parte del progetto, Dialogue en Route promuove anche workshop per le giovani guide e tavole rotonde. Di queste ultime, in Ticino, ne viene organizzata una all’anno: «L’obiettivo è di creare uno spazio di dialogo per la riflessione su temi di attualità nel campo della convivenza. Questo insieme a diversi attori coinvolti, come esperti esterni, guide e partner del progetto. Viene poi pubblicato un piccolo testo che riassume gli aspetti sollevati dall’incontro e le proposte discusse», spiega Ambra Ostinelli.

Il progetto, senza scopo di lucro, si finanzia tramite il costo simbolico delle visite, i contributi di Iras Cotis, finanziamenti pubblici e programmi d'integrazione e viene inoltre patrocinato dalla Commissione svizzera per l’Unesco. «Utilizziamo anche lo strumento del crowdfunding, che ci permette di aiutare le classi che faticano a pagare le visite», aggiunge Ambra Ostinelli. Oltre al compenso per le guide, nel prezzo delle attività è compreso quello per l’eventuale entrata e visita accompagnata nei musei. «Noi organizziamo le attività e offriamo del materiale didattico gratuito, ma non siamo mai i responsabili del luogo d'interesse che andiamo a visitare. Abbiamo sempre dei partner, che possono essere enti culturali o associazioni religiose o confessionali, che concretamente accolgono il gruppo di visitatori». 

Perché è così importante avere un progetto simile in Svizzera e nel nostro cantone? «Il nostro è un Paese multiculturale e plurireligioso – prosegue co–coordinatrice –, e la diversità confessionale è in costante evoluzione, come si evince dal rapporto del 2019 sulla lingua, la religione e la cultura dell’Ufficio federale di statistica. In Ticino è magari meno visibile rispetto ad altri cantoni con città più grandi, ma è presente. Quello delle religioni o delle confessioni è un tema che spesso viene interpretato come qualcosa che concerne unicamente la sfera privata. Noi vogliamo invece portarlo alla luce creando un dialogo trasversale e legato all’attualità».

L’offerta di attività di Dialogue en Route è consultabile sul sito internet www.enroute.ch e verrà presentata domani sera alle ore 20 durante un webinar informativo sulla piattaforma Zoom. Gli accessi per partecipare all’incontro si possono ottenere inviando una mail a ambra@enroute.ch

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved