ANA Ducks
6
VEGAS Knights
5
fine
(0-0 : 4-2 : 2-3)
EDM Oilers
5
PIT Penguins
2
fine
(2-1 : 0-1 : 3-0)
allievi-affetti-da-adhd-il-governo-si-al-tavolo-di-lavoro
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Il braccialetto elettronico? Lo paga (pure) lo stalker

Il Consiglio di Stato: la partecipazione ai costi anche come deterrente. Allestito il regolamento per applicare la nuova norma del Codice civile
Ticino
1 ora

Telethon sollecita la generosità dei ticinesi

La raccolta fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare torna nel finesettimana in piazza. Eventi su tutto il territorio
Locarnese
1 ora

Centro balneare, quella perizia che promuove la gestione

È ‘nelle primissime posizioni’ in Svizzera secondo l’esperto. Eppure la Città con un colpo di mano ha liquidato l’amministratore delegato (e non solo lui)
Luganese
1 ora

Beltraminelli torna in pista: ‘La mia, una malattia cronica’

Dalla passione per la politica alla positività al coronavirus, dallo sport all’aut aut della moglie: il neo presidente Ppd di Lugano a 360 gradi
Ticino
9 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
10 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
10 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
11 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
11 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
11 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
12 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
12 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
13 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Ticino
18.05.2021 - 17:030
Aggiornamento : 19:56

Allievi affetti da Adhd, il governo: sì al tavolo di lavoro

Il Consiglio di Stato accoglie la mozione dei Ppd Fonio e Dadò: ‘Metteremo in contatto i diversi attori per offrire ai ragazzi interventi adeguati’

Il Consiglio di Stato è pronto a offrire un aiuto in più ai bambini affetti da disturbi dell’attenzione e iperattività (Adhd). Con un messaggio il governo ha infatti dato una sostanziale, anche se parziale, luce verde alla richiesta contenuta in una mozione dei deputati popolari democratici Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò di creare “un gruppo di lavoro istituzionale composto da rappresentanti del corpo docenti, associazioni di genitori di allievi con Dsa e Adhd, clinici e specialisti nel settore”. Sostegno parziale, si diceva, perché per il governo nel campo dei Disturbi specifici dell’apprendimento “a sette anni di distanza dalla loro introduzione, dopo un costante monitoraggio, si è deciso di apportare alcune modifiche alle direttive migliorandone la specificità per ordine scolastico. I lavori sono in corso e l’impatto delle modifiche applicate sarà valutato in base alle prime verifiche svolte”. Di conseguenza, “non si ritiene utile in questo momento entrare nel merito di ulteriori adattamenti o modifiche”.

Al momento non esistono direttive specifiche

Ma per quanto riguarda gli allievi con Adhd il discorso è radicalmente diverso. Nel senso che, scrive il governo, “come osservato dai mozionanti non esistono direttive specifiche e, in questo ambito, si riconosce l’esistenza di un margine di miglioramento e la necessità di un approfondimento della tematica”. Quanto proposto da Fonio e Dadò, quindi la creazione di un gruppo di lavoro istituzionale, per il Consiglio di Stato “potrebbe allora rappresentare uno dei ‘luoghi’ nel quale svolgere un confronto su questa casistica, che, come detto, è ritenuto necessario e può certamente contribuire a far evolvere le modalità a cui la scuola ricorre per sostenere questi allievi”.

Per queste ragioni, l’Esecutivo “valuta positivamente la richiesta di aprire un tavolo di dialogo attorno al tema dell’Adhd, con lo scopo di mettere in contatto i diversi attori che, dentro e fuori dall’aula, sono chiamati a collaborare per fare in modo che la scuola, quindi la società, possa offrire agli allievi che presentano bisogni educativi particolari degli interventi adeguati, personalizzati e inclusivi”.

Questo tavolo di lavoro, continua il governo nel proprio messaggio, “offrirebbe uno spazio di co-orientamento all’interno del quale mettere a confronto percezioni, esperienze e conoscenze. Il tavolo assumerebbe anche una funzione ‘consultiva’ nell’ambito dei processi di adeguamento e innovazione delle strategie adottate dal sistema scolastico riguardanti i ‘bisogni educativi particolari’’.

Materialmente chi andrà a sedersi a questo costituendo tavolo di lavoro? Il Consiglio di Stato propone che “la composizione del tavolo potrebbe includere il direttore della Sezione della pedagogia speciale e un/a rappresentante della Sezione delle scuole comunali, della Sezione dell’insegnamento medio, la responsabile cantonale della logopedia, un/a rappresentante del collegio dei capigruppo del sostegno pedagogico delle scuole medie e delle scuole comunali e una persona in rappresentanza del corpo docenti”. Assieme a loro, “un/a rappresentante dei servizi di pediatria dell’Ente ospedaliero cantonale e dei rappresentanti dell’Associazione Dsa Adhd Ticino”. Il coordinamento, infine, sarà affidato alla Divisione della scuola del Dipartimento educazione, cultura e sport. 

Fonio: ‘Sono davvero felice, accolte le preoccupazioni di cui eravamo portavoce’

«Sono evidentemente molto soddisfatto», commenta Fonio interpellato dalla ‘Regione’ per una reazione. «Sono davvero felice perché vengono accolte le preoccupazioni di addetti ai lavori e famiglie di cui noi siamo stati portavoce. Con questa idea riusciremo a mettere allo stesso tavolo tutte le persone coinvolte, con importanti benefici in primis per i bambini, che erano al centro delle nostre attenzioni, ma non dimenticando che il coinvolgimento dei docenti sarà anche di grande aiuto alle famiglie». Insomma, da Fonio arriva «un plauso al Consiglio di Stato e al Decs, a tutti coloro che si sono occupati di questo importante tema. Si tratta di un ulteriore step verso l'aiuto di cui hanno bisogno questi bambini».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved