GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
16:45
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 1-2)
imponimento-147-persone-rinviate-a-giudizio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 sec

Bus della Tpl, 2020 da dimenticare: disavanzo di 1,5 milioni

La pandemia ha scalfito l'esercizio, che ha visto una flessione dei passeggeri, inferiori ai 10 milioni. Angelo Jelmini lascia la presidenza del CdA
Bellinzonese
11 min

Centro professionale di Biasca, Davide Pedretti nuovo direttore

È stato nominato dal Consiglio di Stato e sostituisce Andrea Galbusera, a capo dell'istituto durante l'ultimo quadriennio
Locarnese
26 min

Bosco Gurin, la slittovia è finalmente pronta

Completato il collaudo dell'alpin bob della località turistica, inaugurazione il weekend del 3-4 luglio. Costi lievitati, sicurezza aggiornata ai nuovi standard
Luganese
1 ora

Emanuele Dati a capo dell'ospedale regionale di Lugano

L'Eoc ha nominato il nuovo direttore "chiamato alle impegnative sfide del dopo pandemia e in un contesto di continuo sviluppo"
Bellinzonese
4 ore

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

La sede provvisoria completa ne richiederà 6,5 in più di quella inizialmente prevista, e quasi 11 in più l'edificio da risanare completamente
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona e Valli, prodotti turistici acquistabili online

Lanciato un mercato digitale dove sarà possibile prenotare biglietti, prodotti e servizi dei principali attrattori del comprensorio
Luganese
4 ore

Medie di Barbengo, nuova palestra da 3,7 milioni

Il Consiglio di Stato ha licenziato il credito per sostituire la struttura provvisoria edificata nel 2011 dopo l'incendio doloso dell'anno prima
Luganese
4 ore

Processo per furti con scasso, condannati due giovani Rom

Tra le vittime pure un noto avvocato penalista. Inflitte condanne sospese con la condizionale in virtù della loro confessione. Espulsi dalla Svizzera
Locarnese
5 ore

Centovalli, annullate anche quest’anno le feste di Comino

Le tradizionali manifestazioni sui monti non si terranno a causa delle difficoltà logistiche-organizzative legate alla pandemia
Bellinzonese
5 ore

Casa anziani Sementina, 'capo struttura appaltata?'

L'Mps in un'interpellanza sostiene che il personale dirigente della struttura sia stato esternalizzato e chiede dunque lumi al Municipio di Bellinzona
Ticino
16.05.2021 - 18:310

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri

Si è conclusa con la richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli imputati la lunghissima requisitoria, e non poteva essere diversamente considerati il numero delle posizioni da esaminare e i capi d'imputazione, dei pm della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Antonio Di Bernardo e il procuratore aggiunto Vicenzo Capomolla, nel procedimento nato dall'operazione 'Imponimento', la cui udienza preliminare (si concluderà il 21 maggio) è in corso nell'aula bunker di Lamezia Terme dinanzi al gup distrettuale Francesco Rinaldi. Le richieste di rinvio a giudizio avanzate dai due pm sono in totale 147, mentre i capi d'imputazione sono 162, una ventina dei quali per fatti accaduti in Svizzera, in Ticino, ma soprattutto nel Canton Argovia, dove era di casa il 59enne Rocco Anello capo della cosca Anello-Fruci di Filadelfia.

In Svizzera il capo clan si recava per controllare gli affari gestiti da uomini di fiducia coinvolti nell'operazione 'Imponimento'. Associazione mafiosa, corruzione elettorale, corruzione aggravata dalle finalità mafiose, concorso esterno in associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, estorsione, danneggiamento, usura, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, turbata libertà degli incanti, alterazione delle aste pubbliche, falso, truffa, traffico internazionale di reati, detenzione e spendita di soldi fasi: questi i reati contestati a vario titolo ai 147 imputati. Un centinaio dei quali considerati 'ndranghetisti aderenti a consorterie del Vibonese, prima fra tutti la cosca Anello di Filadelfia, che, stando all'accusa della Dda di Catanzaro e del Ministero pubblico della Confederazione che hanno congiuntamente coordinato l'operazione 'Imponimento', è attiva in Svizzera da decenni. Fra i 147 imputati per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio ci sono tre calabresi residenti nel Canton Argovia: due sono a piede libero, il terzo in stato di detenzione, in quanto arrestato nel luglio dello scorso anno in Calabria dove ignaro del blitz delle forze dell'ordine si era recato in vacanza. L'uomo ha inutilmente cercato di essere processato in Svizzera, assieme a sei persone che risultano essere ancora sotto inchiesta. Fra loro anche una sorella di Rocco Anello, che in occasione dell'operazione 'Imponimento' era stata fermata a Berna, dove l'avevano trovata in possesso di 100mila euro. La donna aveva il ruolo di gestire, assieme al marito, deceduto due anni fa, gli affari svizzeri del fratello. Affari che spaziavano dal riciclaggio dei proventi criminosi (traffico di droga per il quale il capo cosca in occasione del blitz era già in carcere per estorsioni e traffico di armi). A tradire Rocco Anello sono stati numerosi pentiti, fra cui Andrea Mantella, un fiume in piena, e Gennaro Pulice, il killer 'togato' della ''ndrangheta, le cui confessioni hanno disarticolato numerose cosche 'dranghetiste del lametino.

Un ruolo importante nell'inchiesta lo ha svolto un agente sotto copertura della Fedpol, la polizia federale, la cui infiltrazione nell'ambiente criminale, nel quale gravitavano i tre sotto processo a Lamezia Terme, e i due fratelli calabresi, uno dei quali residente nel Luganese, l'altro nel Canton Argovia, ha confermato quanto dichiarato dai collaboratori di giustizia nel descrivere l'attività della cosca Anello nel traffico di armi dalla Svizzera alla Calabria, nello spaccio di moneta falsa, nella gestione di attività commerciali in territorio elvetico attraverso prestanomi in particolare nella gestione di locali notturni e trasporto di valuta verso la Calabria su richiesta del clan. Cinquantadue le parti offese in Italia che possono avanzare richieste di costituzione di parte civile nel processo. Ci sono il Ministero dell'economia e delle finanze, il Ministero della salute e il Ministero dell'ambiente, la Regione Calabria, la direzione provinciale dell'Agenzia delle entrate e sedici comuni.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved