risanamento-energetico-ecco-il-decalogo-del-cantone
Archivio Ti-Press
Pannelli fotovoltaici dove è possibile
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 min

Finanze, Lugano vede sempre più rosso

Preventivo 2022: deficit d’esercizio di 24,2 milioni di franchi. Foletti: ‘Resto fiducioso ma faticheremo a sopportare altri due anni di pandemia’
Locarnese
14 min

Loco e Intragna, i musei domenica chiudono

Stagione espositiva al termine per le due realtà etnografiche regionali
Mendrisiotto
15 min

I volti del nuovo Ufficio presidenziale del Plr di Mendrisio

Rinnovato il comitato del prossimo quadriennio: ‘Ci impegneremo sempre per la nostra cittadina, più bella, più coraggiosa e più trasparente’
Locarnese
17 min

Minusio, Quartiere Rivapiana in seduta

L’assemblea dell’associazione domenica 14 novembre a Casa San Vittore di Muralto. All’ordine del giorno anche le nomine statutarie
Luganese
19 min

Al via nel weekend la prima edizione di Lugano Classic

La kermesse, dedicata alle auto d’epoca ma non solo, animerà nell’ultimo fine settimana di ottobre alcune fra le più belle piazze del centro
Locarnese
44 min

Salva, il nuovo Regolamento dei dipendenti e la sua incidenza

Il Servizio ambulanza del Locarnese sta valutando cosa cambierà con la sua introduzione. Ai Comuni un fabbisogno da coprire di 2,41 milioni
Locarnese
1 ora

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

‘Dopo le Comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto’. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
1 ora

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Bellinzonese
1 ora

‘Sentire con le protesi acustiche’ a Bellinzona

Il corso si terrà dalle 14 alle 15 alla sede di ATiDU (Salita Mariotti 2) il 12 e il 19 novembre, così come il 3 dicembre
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale a Quinto

L’evento si terrà l’8 dicembre (9.30-12.30) sul piazzale esterno dello Stadio multifunzionale di Ambrì e sarà abbinato alla vendita di alberelli di Natale
Bellinzonese
1 ora

Lottigna, finissage della rassegna ‘50 di voce 50 di blenio’

Appuntamento per domenica 7 novembre al Museo storico etnografico. Alle 16 si esibirà anche il gruppo di musica popolare Vox Blenii
Grigioni
1 ora

Guida in stato di inettitudine, impatta con il muro e si ribalta

L’incidente sulla strada cantonale H29 lungo il lago di Poschiavo, fra Le Prese e Miralago. Il 19enne guidava con una patente in prova
Mendrisiotto
1 ora

Doppio credito di circa 600mila franchi per Morbio Inferiore

Da interventi per la sistemazione della canalizzazione comunale alla sostituzione delle condotte dell’acqua potabile in via Maestri Comacini
Mendrisiotto
1 ora

Morbio Inferiore mantiene il moltiplicatore all’86%

Disavanzo d’esercizio preventivato di 839mila franchi ‘che, considerata la prudenza, risulta ampiamente sopportabile’
Luganese
3 ore

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Ticino
14.05.2021 - 18:390

Risanamento energetico, ecco il decalogo del Cantone

Il governo ha approvato il rapporto per la pianificazione energetica per il patrimonio immobiliare dello Stato. Vitta: ‘L’obiettivo è la neutralità delle emissioni di CO2’

È un decalogo con obiettivi vincolanti che il Consiglio di Stato si è dato per contribuire a rendere il patrimonio immobiliare cantonale efficiente sia dal punto di vista energetico e anche finanziario. È in estrema sintesi il contenuto del rapporto approvato dal governo cantonale la cui attuazione è stata affidata alla Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia. «Si tratta di un vero e proprio inventario per ripensare il consumo energetico degli immobili di proprietà del Cantone», spiega il consigliere di Stato Christian Vitta, direttore del Dfe. «Ogni stabile, quindi, avrà un quadro chiaro di cosa è il proprio livello di efficienza energetica per dare un ordine di priorità di intervento e ulteriormente migliorarci. Lo scopo da un lato è la riduzione dei consumi, dall’altro arrivare alla neutralità delle emissioni di CO2, obiettivo stabilito dalla Confederazione e da raggiungere entro il 2050», continua Vitta.

Ricordiamo che il Consiglio di Stato, a maggio 2015, ha incaricato la Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) e la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo del Dipartimento del territorio (Dt) di elaborare un concetto di progressiva dismissione del riscaldamento tramite combustibili fossili degli stabili dello Stato con il passaggio a vettori energetici rinnovabili, possibilmente di produzione indigena, favorendo l’allacciamento a reti di teleriscaldamento esistenti o previste, in particolare alimentate a legna. Ma l’impegno del Consiglio di Stato in questo ambito viene da lontano. In totale, dal 2008 a oggi, sono stati stanziati oltre 200 milioni di franchi per la ristrutturazione degli edifici pubblici. «L’ultimo credito quadro, per il periodo 2020-2027, approvato dal parlamento è stato aumentato lo scorso anno a 100 milioni di franchi. Importo adeguato al rialzo anche per i due crediti quadro precedenti (rispettivamente da 38 milioni e 50 milioni poi incrementato di altri 14,5 milioni). Questo ci permette di intervenire anche sulla manutenzione, e non solo sui nuovi progetti, tenendo anche conto dell’efficienza energetica degli stabili e del relativo consumo di energia, scegliendo anche nuovi vettori. L’obiettivo è quello di abbandonare definitivamente le energie fossili, sostituendole con quelle rinnovabili, come ad esempio il fotovoltaico o l’allacciamento a reti di teleriscaldamento», continua ancora Vitta che precisa che il Cantone, «con la strategia delle riversioni (il riscatto delle concessioni per gli impianti idroelettrici, ndr), il discorso della sostenibilità ambientale e finanziaria lo stiamo declinando in più ambiti. Il Ticino è anche produttore di energia elettrica pulita e a chilometro zero».

Per dare seguito a questo mandato è stato istituito un Gruppo di lavoro – composto da rappresentanti delle due sezioni – che ha elaborato il rapporto per la “Pianificazione energetica per il patrimonio immobiliare dello Stato” che il Governo ha approvato mercoledì.

La pianificazione è stata definita sulla base della Strategia energetica federale 2050, del Piano energetico cantonale (Pec), del Modello di prescrizioni energetiche dei Cantoni MoPec e dell’attuale strategia immobiliare dello Stato che, tra gli altri, prescrive anche l’adozione di principi di sviluppo sostenibile.

In questo contesto, la strategia energetica dello Stato persegue l’obiettivo del risparmio energetico attraverso la realizzazione di nuovi edifici ad alta efficienza energetica, il risanamento degli edifici esistenti, la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, l’abbandono dell’impiego di fonti energetiche fossili e l’allacciamento di edifici a reti di teleriscaldamento urbani.

Al fine di poter conseguire gli obiettivi prefissati sono stati definiti appunto dieci provvedimenti, alcuni dei quali a oggi già in atto: si va dalla creazione di un catasto energetico degli edifici in cui vengono rilevate e registrate tutte le informazioni energetiche relative al patrimonio immobiliare dello Stato; al monitoraggio e l’ottimizzazione dei consumi di energia, ma anche idrici, elettrici, e della produzione di rifiuti.

«Entra in considerazione anche la produzione autonoma di elettricità attraverso la realizzazione di impianti fotovoltaici», spiega ancora Christian Vitta. Questo però solo sui tetti degli immobili di nuova costruzione e dove è possibile tecnicamente. Ma anche la sostituzione degli impianti di illuminazione è una delle vie per il risparmio. «È possibile ottenere dei miglioramenti sul fronte del consumo energetico anche con interventi mirati, come ad esempio la sostituzione di vecchie lampade a incandescenza con quelle a tecnologia Led», commenta il direttore del Dfe. Tutte queste misure hanno l’obiettivo finale di permettere un uso parsimonioso dell’energia elettrica.

Questi provvedimenti permetteranno di perseguire efficacemente, limitatamente agli immobili del Cantone, gli obiettivi stabiliti nella strategia 2050 della Confederazione, nelle varie disposizioni federali e cantonali e nel Pec; l’obiettivo finale è quello di raggiungere a termine sia la neutralità in termini di emissioni di CO2 (raggiungimento di un equilibrio tra le emissioni e l’assorbimento del carbonio) sia la riduzione del fabbisogno energetico per il parco immobiliare dello Stato.

Ti-Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved