Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
20:00
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
infermieri-migliori-condizioni-per-il-bene-dei-pazienti
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 min

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
26 min

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
1 ora

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
1 ora

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
1 ora

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
1 ora

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
1 ora

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
2 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
2 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
2 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Locarnese
2 ore

Locarno e Ascona, Concerto dell’Avvento con il Coro Calliope

Due date (sabato 4 e mercoledì 8 dicembre) e due siti diversi in cui le voci della corale si esibiranno con l’Orchestra da camera locarnese
Mendrisiotto
3 ore

Mercatino di Natale a Riva San Vitale

Domenica 5 dicembre dalle 11 alle 17 nel piazzale a lago. In caso di brutto tempo sarà annullato
Ticino
12.05.2021 - 13:050
Aggiornamento : 13.05.2021 - 16:05

Infermieri: ‘Migliori condizioni per il bene dei pazienti’

Il 29 maggio è prevista una manifestazione a Bellinzona per tutto il settore sociosanitario

Ore straordinarie, poco tempo per effettuare i compiti, salari non adeguati. Sono queste alcune delle recriminazioni dei sindacati e delle associazioni di categoria riguardo alle condizioni di lavoro del personale sociosanitario. Per rendere attenti riguardo a questa tematica e chiedere al Cantone e ai Comuni di migliorare il finanziamento dei contratti di prestazione con le strutture, il 29 maggio è prevista una manifestazione in Piazza Governo a Bellinzona alle ore 14. 

«Gli infermieri effettuano una moltitudine di attività, tra cui la prevenzione, la cura, la riabilitazione e la formazione di nuove leve», ricorda Luzia Mariani Abächerli, presidente della sezione ticinese dell’Associazione svizzera infermiere e infermieri (Asi), in occasione della giornata internazionale dell'infermiere avvenuta questo mercoledì. «Prima o poi avremo bisogno tutti di cure e chiunque desidera venir preso a carico nella maniera migliore possibile», con questo appello la presidente chiede alla popolazione di sostenere il settore anche a livello politico. Nel 2017 l’Asi aveva lanciato l’iniziativa popolare ‘Per cure infermieristiche forti’, testo respinto poi sia dal Consiglio Federale sia dal Parlamento. In seguito è stato elaborato un controprogetto avallato dal Consiglio Nazionale. Il 18 giugno il Consiglio Nazionale ne discuterà. «La conferenza di conciliazione sulle cure ha permesso di trovare dei compromessi, ma non è stata accettata nessuna proposta in merito al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla dotazione di infermieri sulla base della casistica dei reparti», continua Luzia Mariani Abächerli.

Alto tasso di abbandono della professione

Problemi contrattuali e di lavoro che portano a un forte abbandono della professione, spiega Mattia Bosco, segretario cantonale dei Sindacati indipendenti ticinesi (Sit): «L’aspetto previdenziale riveste sempre più importanza nel rendere una professione attrattiva. Il settore delle cure è uno dei rami con una durata di vita professionale più breve. Questo porta ad accumulare enormi lacune contributive che produrranno drammatici effetti nella vita dopo la carriera». Per Bosco bisogna dunque facilitare il rientro sul lavoro e creare delle condizioni che evitino l’abbandono della professione. Per il segretario del sindacato Vpod Ticino Raoul Ghisletta, il Cantone deve lavorare per creare una situazione contrattuale uniforme in tutto il settore sociosanitario, questo per permettere alle persone di scegliere l’impiego e il datore di lavoro in base alla propria passione e non secondo le condizioni di lavorative. «Nel settore delle case anziani e dei servizi di assistenza a domicilio vi sono delle differenze contrattuali nelle varie zone del cantone. Differenze che si ripresentano anche nel settore acuto, dove esiste un inspiegabile divario tra gli ospedali dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e le cliniche private», precisa Ghisletta.

Rischio di ammalarsi a causa del lavoro

«Da molti anni il personale sociosanitario è costretto a lavorare a ritmi sempre più serrati, trovandosi così confrontato con un carico di lavoro troppo elevato che genera malattie professionali, infortuni e l’abbandono precoce della professione», ribadisce Marcella Palladino, del sindacato Ocst, che aggiunge: «Gli strumenti per ponderare il numero di dipendenti necessari nelle strutture, così come gli importi definiti nei contratti di prestazione, non sono più aggiornati e non prendono in considerazione gli attuali bisogni dell’utenza».

Altra preoccupazione è quella legata al buco finanziario creato dalla pandemia di coronavirus: «Non è ancora chiaro se a coprirlo saranno i Cantoni o le casse malati e ci sono problemi anche nella quantificazione dei costi e dei mancati introiti in caso di intervento cantonale». Difficoltà emerse, secondo Ghisletta, anche con il caso della clinica Santa Chiara di Locarno «in forti cifre rosse, che mettono a rischio posti di lavoro e di formazione».

Il segretario di Vpod Ticino denuncia anche un clima militaresco durante la pandemia: «La crisi sanitaria ha reso difficile la discussione sul posto di lavoro e l'organizzazione di risposte sindacali ai problemi. Si pensi alla difficoltà per riunirsi, per ricevere informazioni e anche la pressione verso chi sollevava critiche interne alle strutture o la pensa diversamente». Alcuni lavoratori probabilmente si sono sentiti un po' abbandonati, ma Marcella Palladino ha comunque ribadito che i sindacati hanno fatto di tutto per sostenere a distanza i lavoratori. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved