ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

Chiasso, maccheroni offerti davanti allo schermo gigante

L’evento è in programma venerdì 9 dicembre nello chalet di piazza Bernasconi. Organizzano gruppo Urani e rioni
Mendrisiotto
49 min

Mendrisio, distinzione comunale a Gardi Hutter

Dopo due anni di sospensione forzata, torna la cerimonia di fine anno. Migliore sportivo è Martino Valsangiacomo
Mendrisiotto
58 min

Chiasso celebra la Giornata del volontariato

Le associazioni attive sul territorio sono state accolte il 5 dicembre al Cinema Teatro
Luganese
1 ora

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
6 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
6 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
11 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
14 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
15 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
16 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
16 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
17 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
11.05.2021 - 20:01
Aggiornamento: 23:12

‘Prestazione ponte Covid sì, dal 1. marzo’

Matteo Quadranti: la commissione di principio favorevole alla retroattività della misura straordinaria di sostegno

prestazione-ponte-covid-si-dal-1-marzo
Archivio Ti-Press
Importi aumentanti e criteri di accesso allentati

Prestazione ponte Covid, sì alla retroattività del decreto legislativo bis. La commissione parlamentare della Gestione è intenzionata a far partire dal 1. marzo, quando è entrato in vigore il primo decreto, le nuove disposizioni varate la scorsa settimana dal governo all’indirizzo del Gran Consiglio per ampliare, tramite una revisione dei criteri di accesso alla prestazione, la cerchia dei potenziali beneficiari di questo aiuto che, come ricordava il Consiglio di Stato, è destinato “alle persone che stanno attraversando un periodo di difficoltà economica a causa della pandemia”, con particolare attenzione ai lavoratori indipendenti e dipendenti che non possono contare sulle indennità “ai sensi della Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione”. L’estensione della durata della prestazione ponte Covid, da fine giugno al 31 dicembre, e l’aumento dell’importo mensile dell’aiuto, da mille a duemila franchi per il primo componente e da 500 a 800 franchi per ogni ulteriore componente dell’economia domestica, sono le altre proposte dell’Esecutivo contenute nel secondo decreto. Che nelle intenzioni dello stesso governo dovrebbe scattare all’inizio del prossimo mese.

Stamattina in Gestione il relatore Lorenzo Jelmini (Ppd) ha proposto di rendere retroattiva la prestazione. «Tutti i gruppi si sono detti di principio d’accordo con la retroattività delle nuove disposizioni - peraltro condivise - al 1. marzo», dice il presidente della commissione Matteo Quadranti (Plr) contattato dalla ’Regione’. Jelmini ha fatto sapere di voler comunque procedere con alcuni approfondimenti. «Non sono state manifestate opposizioni a questa proposta», spiega Lorenzo Jelmini alla 'Regione', che precisa: «La retroattività permetterebbe di garantire una parità di trattamento tra tutti i richiedenti che si trovano nella medesima situazione di difficoltà». Le domande già evase, accolte o meno, nelle intenzioni del relatore dovrebbero quindi essere riviste in modo automatico adeguando nel contempo gli importi a favore dei beneficiari. «Siamo coscienti che questo potrebbe essere un aggravio di tempo per i Comuni, enti delegati dalla legge ad accogliere e trattare le domande. L’esperienza di marzo insegna che sono state 480 le domande trattate di cui 190 con esito positivo e 290 negativo. Non si tratta di migliaia di casi, quindi. Confidiamo nei supporti informartici e nel fatto che la maggior parte dei casi riguardano Comuni grandi con una struttura amministrativa adeguata», conclude Jelmini. Il tempo però stringe, essendo quella di martedì 18 l’ultima riunione utile della Gestione per poter sottoporre il proprio rapporto sul messaggio governativo al voto del plenum del Gran Consiglio nella seduta che si aprirà il 31 maggio. Rapporto, assicura Quadranti, che «il 18 verrà firmato, con quasi certamente il sì alla retroattività delle nuove disposizioni al 1. marzo».

Osserva a sua volta il capogruppo dei popolari democratici in Gran Consiglio Maurizio Agustoni: «In fondo si tratta di andare indietro di tre mesi e le somme in ballo non mettono di certo in ginocchio le finanze cantonali, somme però, in questo particolare momento, importanti per le persone che potrebbero riceverle. Ci è sembrato allora giusto che si vada a riesaminare anche le decisioni che sono state prese con la prima versione del decreto per adeguarle ai nuovi criteri». Decisioni negative e positive: «Erogando così, se del caso, l’aiuto finanziario che era stato negato o aumentando l’aiuto che era stato accordato». In ogni caso, aggiunge Agustoni, «anche con i nuovi parametri non si supererà l’importo previsto e approvato a suo tempo di 7,9 milioni di franchi». Ovvero l'impatto finanziario stimato: il 75 per cento a carico del Cantone e il 25 a carico dei Comuni. Riprende Agustoni: «Un plauso poi al Consiglio di Stato per aver adeguato subito i criteri per allargare la cerchia dei beneficiari: una correzione in tempi così rapidi non è frequente…».

Al di là della retroattività, il “rafforzamento”, per usare le parole del Consiglio di Stato, della Prestazione ponte Covid convince. «È una misura che il Ps ha subito condiviso, anche perché deriva da una nostra mozione - evidenzia il capogruppo socialista Ivo Durisch -. Lo strumento, e ne eravamo consapevoli, andava affinato. Il Dipartimento sanità e socialità ha monitorato in maniera rapida la situazione e ha proposto nel giro di poco tempo dei correttivi per fare in modo che diventi uno strumento veramente efficace per le persone che oggi non avendo altri sostegni hanno serie difficoltà economiche dovute alla pandemia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved