Finlandia
Russia
15:00
 
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
Federer R. (SUI)
14:55
 
BENCIC B. (SUI)
MARTIC P. (CRO)
14:25
 
dado-affonda-su-speziali-non-dica-bugie-quando-sa-la-verita
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Ecco i vincitori del Festival del film non commerciale

Sono stati presentati 22 filmati realizzati in Ticino. Cinque parteciperanno al Festival nazionale Swiss.movie di Soletta.
Ticino
1 ora

Aggiornato il preventivo, disavanzo stimato di -175.5 milioni

L'aumento di ricavi rispetto al previsto disavanzo di 230,7 milioni è dovuto soprattutto alla quota sull’utile di Bns, che cresce di 80,4 milioni più del previsto
Luganese
1 ora

Uffici vuoti a Lugano: 'Facciamoci residenze primarie'

Municipio e Commissione della pianificazione aderiscono parzialmente alla richiesta formulata tramite mozione da Lukas Bernasconi
Grigioni
2 ore

Incidente aereo di Bivio, identificate le vittime

Si tratta di tre uomini di 44,51, 72 anni, una donna di 41 anni e un bambino di 6 anni
Ticino
3 ore

Covid-19: numeri ancora bassi, in attesa del... cocktail

Sono 9 le persone che hanno contratto il virus nelle ultime 24 ore, due in più rispetto a ieri. Tre le persone ricoverate.
Bellinzonese
5 ore

Non dire gatto se... non trova il padrone

Un micio castrato, grigio e beige è stato trovato dalla Spab in via Portone a Bellinzona: si cerca il proprietario
Gallery
Locarnese
6 ore

Quel che resta del Monna Lisa. E spuntano i militari.

Si sono concluse nella notte le opere di spegnimento dell'incendio divampato ieri in serata nello stabile che ospitava il locale notturno di Gambarogno
Bellinzonese
8 ore

Appalto milionario ad Airolo: un ricorso contro Valbianca

Si è rivolta al Taf una delle cinque concorrenti per il servizio decennale di vitto e alloggio degli operai impiegati sotto il Gottardo
Locarnese
14 ore

Violento incendio all'ex Monna Lisa di Contone

La zona è stata isolata dalla Polizia cantonale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Cadenazzo e Bellinzona. Non vi sono persone ferite.
Locarnese
17 ore

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio: 'In via Vela non si vive dal rumore'

Un residente nella parte alta della strada chiede da tempo al Municipio di introdurre una zona 30. 'Oggi c'è troppo traffico, senza contare i bus'
Ticino
17 ore

Autogestione, Schnellmann ritira la mozione

Il deputato del Plr: 'Risposte del governo all'atto parlamentare già esaustive, e settimana prossima si sarebbe parlato di tutto fuorché di questo'
Mendrisiotto
18 ore

Basso Mendrisiotto, entusiasmo a geometria variabile

Dopo l'invito al dialogo arrivato da Vacallo, abbiamo chiesto un parere ai sindaci da sempre coinvolti nella discussione
Bellinzonese
18 ore

Massimo Della Vecchia nominato presidente del Plr di Airolo

È membro del comitato cantonale del partito e consigliere comunale. Sostituisce Alberto Dotta che termina il suo mandato dopo 9 anni.
Ticino
18 ore

De Rosa sul voto degli Stati: 'Grande delusione'

Casse malati, la bocciatura dell'iniziativa cantonale sull'obbligo di ridurre le riserve. Il direttore del Dss: forse a Berna il tema non è ben conosciuto...
Ticino
19 ore

Cedraschi (Plr): 'Mancano logopedisti, è un problema'

Con un'interpellanza al governo il deputato liberale radicale chiede delucidazioni su questa mancanza che non fa bene 'alle necessità degli allievi'
Bellinzonese
19 ore

Ecco i vincitori della lotteria del Consorzio Distillazione Gudo

1° premio a Lorenzo Codiroli, 2° Ivo Grossi, 3° Fabrizio Gianettoni e 4° Nello Codiroli.
Bellinzonese
19 ore

L'associazione Abba in assemblea nel suo 25° anno di attività

L'appuntamento è per sabato 19 giugno alle 10 nella sala del Centro civico di Arbedo
Bellinzonese
19 ore

Lavori sulla via Franco Zorzi a Bellinzona

Dal 21 giugno al 4 settembre, tra le 20 e le 5.30, è prevista la posa della pavimentazione fonoassorbente
Gallery
Luganese
19 ore

A Massagno consegnati gli attestati dei corsi di italiano

Per il periodo estivo sono confermati i corsi intensivi di lingua italiana per stranieri della durata di una o due settimane
Ticino
08.05.2021 - 05:100
Aggiornamento : 10:51

Dadò affonda su Speziali: ‘Non dica bugie quando sa la verità’

Il presidente del Ppd reagisce e attacca sul caso Ghisolfi ma non solo. E sul rilancio del Cantone ‘se il Plr ci sarà bene, sennò ci rivolgeremo ad altri’

«Speziali è giovane e si vede che non ha ancora alcuna esperienza di politica, perché la prima cosa che un politico serio e coscienzioso non deve fare è dire bugie quando conosce la verità. Spero sappia quali sono i tenori della discussione avvenuta nel suo gruppo e i messaggi che si sono scritti nella loro chat, se no ha un grosso problema. In questi casi, invece di girare il bambino nella culla, sarebbe più prudente tacere». Spara a zero il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò che, con 'laRegione', interviene sulla polemica tra il suo partito e il Plr a seguito dell’elezione della popolare democratica Ghisolfi alla vicepresidenza del Gran Consiglio al posto della candidata ufficiale Ermotti-Lepori. Una polemica che sta raggiungendo temperature incandescenti. E quanto affermato dal presidente del Plr Alessandro Speziali ieri - “le accuse di Dadò nei nostri confronti sono infondate” - hanno gettato altra benzina sul fuoco.

‘In 14 anni di Gran Consiglio non ho mai visto una situazione così’

È così? Sono accuse infondate? «Doverlo dire mi spiace molto, soprattutto per i moltissimi liberali radicali perbene, tra i quali tanti amici. Le mie non sono accuse, sono amare constatazioni sul clima di sfiducia che si respira oggi in parlamento. Io sono stato capogruppo per sei anni, assieme a Vitta per il Plr, Kandemir Bordoli per il Ps e Foletti per la Lega. Abbiamo avuto delle divergenze sui temi, ma ci sono sempre state correttezza e lealtà, tra di noi non ci siamo mai raccontati bugie e non abbiamo mai ingannato gli altri. Una situazione come quella che si vive oggi in parlamento, in 14 anni, io non l’ho mai vista», risponde Dadò. Che quando parla di fiducia tradita, afferma che «la questione non è affatto chi è stata eletta, va benissimo che sia stata eletta Ghisolfi, come sarebbe andata benissimo Ermotti-Lepori. L’elezione è stata gestita dai capigruppo, il nostro Maurizio Agustoni e gli altri. Se tutti avessero detto le loro intenzioni in modo trasparente, come hanno fatto sia la Lega sia il Ps, non sarebbe stata umiliata un’ottima deputata come Ermotti-Lepori, perché Agustoni le avrebbe consigliato di ritirarsi. Non si calpestano così le persone, la gravità è anche questa. Ciò mina la fiducia tra i gruppi, proprio in un momento nel quale il Paese ne ha bisogno come il pane. Ha bisogno di fiducia, lealtà e che tutti remino nella stessa direzione: l’ho detto più volte a Speziali, ancora recentemente alla tv. Ma la loro risposta è stata questa».

In un contesto dove «né il Ps, né la Lega, né il Ppd si sono permessi in Gran Consiglio di applaudire quando è stata affossata l’inchiesta sugli abusi sessuali all’interno dello Stato incuranti del dolore delle vittime. Ciò esprime chiaramente la diversità tra i politici, tra chi pensa alle vittorie di Pirro e chi mette le persone al primo posto».

Agustoni indebolito? ‘Gode della mia stima e fiducia’

Da questa vicenda c’è il rischio per il Ppd che il proprio capogruppo Maurizio Agustoni ne esca indebolito, ma a nostra domanda Dadò risponde secco che «quando si parla di Agustoni, si parla di una persona onesta, leale e intelligente che gode della mia stima e fiducia. Purtroppo è stato vittima della sua lealtà e mitezza. In politica sono sempre meno le persone che mettono davanti questi valori fondamentali, in particolare quando ci son di mezzo poltrone e interessi. È chiaro che da questa vicenda, è inutile nascondersi, chi l’ha gestita non ne esce bene. In casa Ppd, ma altrettanto in casa liberale. Perché - continua il presidente del Ppd - se è vero che Agustoni, come altri capigruppo, è stato tratto in inganno, c’è qualcuno che non l’ha raccontata giusta e che dovrebbe farsi una domanda sul significato della lealtà».

‘Noi siamo in difficoltà? Speziali pensi a Lugano...’

Speziali dice che il Ppd è un partito in difficoltà e anche su questo Dadò vuole mettere dei puntini sulle i, nel senso che «come tutti gli altri partiti storici abbiamo certamente e da tempo delle difficoltà, le affronteremo assieme alle sezioni. Ma Speziali dovrebbe abbassarsi di due dita, perché la ruota gira per tutti e se guardiamo i suoi risultati non sono per nulla esaltanti come vuole far credere: non è il mio partito ad aver perso il 7% a Lugano, dove tra altro si stanno togliendo i panni da addosso. E neppure a Bellinzona o Locarno dove il Plr ha perso ben il 4%. Se questo è vincere, beato lui».

‘Collaboriamo con tutti, anche col Plr purché cambi atteggiamento nei confronti delle altre forze politiche’

È inutile girarci attorno, adesso a livello politico gli equilibri si sono rotti. Come affronterà il Ppd quella che si avvia a essere una nuova fase? «Noi collaboriamo attivamente e positivamente con tutti coloro che lavorano in maniera onesta, leale e trasparente - sottolinea Dadò -. Liberali radicali compresi, purché cambino l’atteggiamento nei confronti di tutte le forze politiche, che pur non dicendolo pubblicamente, sono stufe di questo atteggiamento da primi della classe. Ora bisogna individuare i principali punti di intervento mettendo sul piatto i milioni necessari per far ripartire il Paese dal punto di vista turistico, delle piccole e medie imprese, dell’occupazione. Non bisogna avere alcuna paura a fare qualche debito in più. Se il Plr ci sarà bene, se non ci sarà intavoleremo le discussioni con le altre forze politiche. E se necessario, chiameremo la popolazione alle urne».

‘Adesso di nuovo sul tavolo il sostegno all'occupazione degli over 50’

Proponendo cosa, nel concreto? «Non certo misure placebo come l’apertura di una domenica in più, tanto per dire che si è fatto qualcosa. Occorre riunire tutte le migliori forze e intelligenze del Paese per elaborare un piano di rilancio dell’economia con la P maiuscola, un progetto da almeno cento milioni di franchi: non bisogna avere paura in un momento in cui occorre investire per impedire il tracollo. Capisco che chi sia abituato a un alto tenore di vita e a vini pregiati fatichi un po’ a percepire i reali sentimenti della gente comune, ma nel mondo normale soffrono in troppi e bisogna aiutarli», affonda il presidente del Ppd. Che ribadisce come anche il suo partito parli coi fatti: «Porteremo subito in Gran Consiglio la nostra iniziativa, scritta da me e Giorgio Fonio, per il sostegno all’occupazione degli over 50, bloccata da anni in qualche ufficio nel dipartimento diretto dai liberali radicali. E metteremo in votazione anche la nostra iniziativa popolare delle imposte di circolazione, i ticinesi pagano ingiustamente quelle più alte in tutta la Svizzera ed è il momento di sgravare le famiglie su questa importante uscita annuale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved