ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
9 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
laR
 
06.05.2021 - 20:20

Caso Ghisolfi, Speziali replica a Dadò: 'Accuse infondate'

Il presidente liberale radicale non ci sta a vedere il Plr tacciato di 'inaffidabilità' e commenta: 'Noi parliamo coi fatti, con l'agenda politica'

caso-ghisolfi-speziali-replica-a-dado-accuse-infondate
Ti-Press

«Le accuse al nostro gruppo parlamentare sono a dire il vero irriflessive e impetuose». Il presidente liberale radicale Alessandro Speziali a colloquio con ‘laRegione’ reagisce a stretto giro di posta alle dichiarazioni che mercoledì sera il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò ha rilasciato a Teleticino, vale a dire che nella vicenda che ha portato all'elezione della popolare Nadia Ghisolfi alla vicepresidenza del Gran Consiglio al posto della candidata ufficiale Maddalena Ermotti-Lepori “è successo qualcosa che dal profilo istituzionale e umano è grave. Per puri e meri giochi di partito è stata massacrata un'ottima deputata. E si è rotta la fiducia tra i partiti”. E il dito di Dadò è puntato sul Plr: “La fiducia ormai si è incrinata, mentre tutti hanno detto quello che facevano e l'hanno mantenuto, il Plr ha detto una cosa e ne ha fatta un'altra. La sua credibilità nei nostri confronti evidentemente è compromesso”.

Speziali, le accuse sono pesanti. Come reagisce?

Guardi, non le nascondo che la reazione del vertice del Ppd ha sorpreso e spiazzato non solo molti liberali radicali, ma anche diverse persone fuori dal nostro partito che hanno scosso la testa, le garantisco non certo nei nostri confronti. Soprattutto perché non siamo in un momento politico dove i cittadini di questo cantone hanno voglia di doversi interessare a questioni molto “di palazzo”. Ad ogni modo, quel che è successo in aula è il risultato di un problema interno al gruppo Ppd che non è riuscito a proporre una candidatura unica e condivisa da loro stessi, e che tutti avrebbero seguito.

Rigetta quindi le accuse di essere stati disonesti?

Restiamo ai numeri. Tra le due candidate donna, ognuna con un proprio profilo di tutto rispetto, si è imposta con un risultato molto chiaro Nadia Ghisolfi, che ha raccolto i voti di quasi 2/3 del parlamento. In tutto questo, il Plr assicuro che non ha escogitato alcuna tresca. La nostra capogruppo ha indicato come la candidatura ufficiale da votare fosse quella della valida collega Ermotti-Lepori. Dopodiché, vista anche la lunga presenza ed esperienza in Gran Consiglio della concorrente e dei suoi contatti, alcuni deputati liberali radicali - così come di altri partiti - hanno preferito optare per Ghisolfi. Sia quel che sia, numeri alla mano, il risultato non sarebbe comunque cambiato.

D'accordo, ma Fiorenzo Dadò non ha girato tanto attorno al concetto: non si fida più di voi. E il voto è segreto, non c'è il rischio che tutti abbiano ragione?

Posso anche umanamente comprendere il momento di difficoltà del Ppd, e trovo che non sia edificante per tutti, per la politica, per le istituzioni mettere il dito nella piaga dei problemi casalinghi altrui, sviscerandoli e rinfacciandoli. Trovo però scorretto cercare in noi il capro espiatorio. E mi dà anche fastidio il tentativo di volerci dipingere come quelli che non sono affidabili. Ho sentito rimproverarci che magari ogni tanto siamo impopolari, o cocciuti, o troppo muscolari a difendere una proposta. Ma quella di essere inaffidabili, sinceramente no.

Come affronterà il vostro partito le sfide che attendono il Ticino soprattutto a livello di rilancio? Adesso gli equilibri sono cambiati, e giocoforza con il Ppd i rapporti non saranno quelli di prima.

Noi parliamo coi fatti, a partire dalla recente proposta condivisa con Cristina Maderni e Alessandra Gianella di aumentare le aperture domenicali e il numero di negozi che possono approfittarne. È stata già accolta positivamente da diversi colleghi di altri partiti, che non hanno nessuna voglia di rappresaglie ma che hanno voglia di collaborare sulle idee giuste e condivise.

Non teme per il futuro quindi?

Il mio invito è quello di riposizionare il dibattito sull’agenda politica e non sui battibecchi partitici, che agitano alcuni nel colosseo della politica, ma poi fuori sul territorio non vengono compresi né accettati. Stiamo provando a rilanciare il cantone e le sfide non mancano. Vogliamo nutrire la fiducia con il Paese e le altre forze politiche affrontando il rilancio dei commerci, schierandoci per l’apertura totale della ristorazione, semplificando le leggi, mettendo le priorità agli investimenti che sono davvero di sviluppo. È così che mi piace riempire le pagine di giornale. 

 

Leggi anche:

Bocciata Ermotti-Lepori, ci si interroga sulle conseguenze

Nicola Pini presidente del Gran Consiglio. E il Ppd si spacca

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved