caso-ghisolfi-speziali-replica-a-dado-accuse-infondate
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
11 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
15 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
16 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
16 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
16 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
16 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
17 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
17 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
18 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
18 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
19 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
laR
 
06.05.2021 - 20:20

Caso Ghisolfi, Speziali replica a Dadò: 'Accuse infondate'

Il presidente liberale radicale non ci sta a vedere il Plr tacciato di 'inaffidabilità' e commenta: 'Noi parliamo coi fatti, con l'agenda politica'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Le accuse al nostro gruppo parlamentare sono a dire il vero irriflessive e impetuose». Il presidente liberale radicale Alessandro Speziali a colloquio con ‘laRegione’ reagisce a stretto giro di posta alle dichiarazioni che mercoledì sera il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò ha rilasciato a Teleticino, vale a dire che nella vicenda che ha portato all'elezione della popolare Nadia Ghisolfi alla vicepresidenza del Gran Consiglio al posto della candidata ufficiale Maddalena Ermotti-Lepori “è successo qualcosa che dal profilo istituzionale e umano è grave. Per puri e meri giochi di partito è stata massacrata un'ottima deputata. E si è rotta la fiducia tra i partiti”. E il dito di Dadò è puntato sul Plr: “La fiducia ormai si è incrinata, mentre tutti hanno detto quello che facevano e l'hanno mantenuto, il Plr ha detto una cosa e ne ha fatta un'altra. La sua credibilità nei nostri confronti evidentemente è compromesso”.

Speziali, le accuse sono pesanti. Come reagisce?

Guardi, non le nascondo che la reazione del vertice del Ppd ha sorpreso e spiazzato non solo molti liberali radicali, ma anche diverse persone fuori dal nostro partito che hanno scosso la testa, le garantisco non certo nei nostri confronti. Soprattutto perché non siamo in un momento politico dove i cittadini di questo cantone hanno voglia di doversi interessare a questioni molto “di palazzo”. Ad ogni modo, quel che è successo in aula è il risultato di un problema interno al gruppo Ppd che non è riuscito a proporre una candidatura unica e condivisa da loro stessi, e che tutti avrebbero seguito.

Rigetta quindi le accuse di essere stati disonesti?

Restiamo ai numeri. Tra le due candidate donna, ognuna con un proprio profilo di tutto rispetto, si è imposta con un risultato molto chiaro Nadia Ghisolfi, che ha raccolto i voti di quasi 2/3 del parlamento. In tutto questo, il Plr assicuro che non ha escogitato alcuna tresca. La nostra capogruppo ha indicato come la candidatura ufficiale da votare fosse quella della valida collega Ermotti-Lepori. Dopodiché, vista anche la lunga presenza ed esperienza in Gran Consiglio della concorrente e dei suoi contatti, alcuni deputati liberali radicali - così come di altri partiti - hanno preferito optare per Ghisolfi. Sia quel che sia, numeri alla mano, il risultato non sarebbe comunque cambiato.

D'accordo, ma Fiorenzo Dadò non ha girato tanto attorno al concetto: non si fida più di voi. E il voto è segreto, non c'è il rischio che tutti abbiano ragione?

Posso anche umanamente comprendere il momento di difficoltà del Ppd, e trovo che non sia edificante per tutti, per la politica, per le istituzioni mettere il dito nella piaga dei problemi casalinghi altrui, sviscerandoli e rinfacciandoli. Trovo però scorretto cercare in noi il capro espiatorio. E mi dà anche fastidio il tentativo di volerci dipingere come quelli che non sono affidabili. Ho sentito rimproverarci che magari ogni tanto siamo impopolari, o cocciuti, o troppo muscolari a difendere una proposta. Ma quella di essere inaffidabili, sinceramente no.

Come affronterà il vostro partito le sfide che attendono il Ticino soprattutto a livello di rilancio? Adesso gli equilibri sono cambiati, e giocoforza con il Ppd i rapporti non saranno quelli di prima.

Noi parliamo coi fatti, a partire dalla recente proposta condivisa con Cristina Maderni e Alessandra Gianella di aumentare le aperture domenicali e il numero di negozi che possono approfittarne. È stata già accolta positivamente da diversi colleghi di altri partiti, che non hanno nessuna voglia di rappresaglie ma che hanno voglia di collaborare sulle idee giuste e condivise.

Non teme per il futuro quindi?

Il mio invito è quello di riposizionare il dibattito sull’agenda politica e non sui battibecchi partitici, che agitano alcuni nel colosseo della politica, ma poi fuori sul territorio non vengono compresi né accettati. Stiamo provando a rilanciare il cantone e le sfide non mancano. Vogliamo nutrire la fiducia con il Paese e le altre forze politiche affrontando il rilancio dei commerci, schierandoci per l’apertura totale della ristorazione, semplificando le leggi, mettendo le priorità agli investimenti che sono davvero di sviluppo. È così che mi piace riempire le pagine di giornale. 

 

Leggi anche:

Bocciata Ermotti-Lepori, ci si interroga sulle conseguenze

Nicola Pini presidente del Gran Consiglio. E il Ppd si spacca

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro speziali fiorenzo dadò gran consiglio nadia ghisolfi plr ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved