la-prestazione-ponte-covid-si-rafforza-e-si-allunga
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
3 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
4 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
4 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
4 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
4 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
4 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
5 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
5 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
5 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
5 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
Luganese
5 ore

Lugano, per la mobilità scolastica ‘servono interventi mirati’

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito della Città. Coinvolti 52 edifici scolastici e 5’813 allievi.
Ticino
6 ore

Livelli alle medie: ‘Rimandarne il superamento è inaccettabile’

La Conferenza cantonale dei genitori punta alla sostituzione dei corsi A e B anche in quarta
05.05.2021 - 19:120
Aggiornamento : 20:03

La Prestazione ponte Covid si rafforza e si allunga

Aumentati gli importi massimi, eliminato il limite dei 65 anni, adeguate le soglie e prorogata fino al 31 dicembre. De Rosa: 'Aiuteremo più persone'

La Prestazione ponte Covid è pronta a entrare nella sua seconda fase, che sarà all’insegna di un rafforzamento della misura, un allargamento dei criteri per potervi accedere e un’estensione della misura. Nel messaggio licenziato oggi dal Consiglio di Stato su proposta del Dipartimento sanità e socialità vi sono allentamenti nei requisiti per l’unità di riferimento, cioè del nucleo familiare, l’abrogazione del limite dell’età ordinaria di pensionamento e l’adeguamento delle soglie che permettono di ottenere la prestazione. Ma, soprattutto, vengono messi più soldi sul piatto: l’importo massimo della Prestazione ponte è raddoppiato da mille a 2’000 franchi per il primo richiedente e passa da 500 a 800 franchi per ogni componente dell’economia domestica. La natura dell’importo sarà comunque stabilita sulla base dei calcoli e vuole colmare meglio la lacuna di reddito. Ampliata la cerchia dei beneficiari, viene prolungata anche la durata dell’aiuto: sarebbe dovuta finire il 30 giugno, invece verrà estesa fino al 31 dicembre.

Un cambio di passo, un’accelerata che, spiega alla ‘Regione’ il direttore del Dss Raffaele De Rosa, «si deve al monitoraggio costante e attento dell’evoluzione della situazione svolto dal Cantone e dai Comuni. Questa analisi e l’esperienza accumulata in queste settimane ci hanno permesso di capire come migliorare l’efficacia di questo strumento unico, uno strumento supplementare voluto dal Consiglio di Stato rispetto a tutte le altre misure presenti sul territorio con l’obiettivo di fornire un aiuto mirato, straordinario e temporaneo per i salariati che non ricevono aiuti Ladi e i lavoratori indipendenti». Sulla base dell’analisi che è stata fatta «e dopo aver approfondito i motivi dei rifiuti, proponiamo al Gran Consiglio di facilitare queste condizioni di accesso, in particolare di innalzare il limite di età che era a 65 anni, di semplificare il computo della sostanza rendendolo più favorevole al cittadino, di adeguare le soglie e i criteri di riconoscimento dell’economia domestica», aggiunge De Rosa.

‘Abbiamo analizzato i motivi dei rifiuti’

I dati del mese di marzo sono stati una guida. I Comuni hanno evaso 480 domande, di cui 190 con esito positivo. «Studiando attentamente le richieste giunte in un gruppo rappresentativo di Comuni - prosegue il direttore del Dss - abbiamo analizzato i motivi di rifiuto di questo 60% di decisioni negative e abbiamo capito che la metà di queste era dovuta a condizioni di accesso difficoltose e per l’altra metà c’erano criteri e limiti di calcolo restrittivi. In questo senso, d’intesa coi Comuni, si è deciso di rafforzare questa misura e con i nuovi criteri possiamo stimare un aumento del 50% delle domande che saranno accolte: andremo da un 40% attuale a circa il 60%». Per De Rosa è importante anche «non dimenticare che oltre a quattro domande su dieci con esito positivo, nel mese di marzo abbiamo avuto oltre 70 persone che hanno ricevuto una consulenza e sono state reindirizzate verso altre prestazioni o verso l’ente o il punto della rete sociale più idoneo a dare una risposta». In più, annota De Rosa, «abbiamo anche l’aiuto d’emergenza, cioè i 500mila franchi stanziati tramite il fondo Swisslos: circa 200 persone hanno potuto beneficiare di questo sostegno, erogato dai tredici enti riconosciuti dalla Catena della solidarietà. Sono numeri importanti».

Modifiche non retroattive

Un punto interrogativo riguarda la questione della retroattività. Chi si è visto rifiutare la prestazione in base ai criteri in vigore in precedenza ma potrebbe riceverla con l’aggiornamento del decreto, cosa deve fare? «D’intesa con i Comuni abbiamo analizzato attentamente la questione e si è valutato che la questione della retroattività diventa spesso problematica - risponde De Rosa -. Quindi la decisione è di proporre al parlamento di fare entrare in vigore le novità a partire dal 1° giugno: quindi le richieste che arriveranno entro il mese di maggio verranno valutate sulla base del decreto attualmente in vigore». Quello che si può immaginare è «fare un invito ai Comuni in modo da poter recuperare quelle richieste respinte, valutarle coi nuovi criteri e se il Comune ritiene che ora la persona possa ricevere una risposta positiva contattarla per inoltrare una nuova richiesta. Ma l’invito lo rivolgiamo ai cittadini stessi, chi ha ricevuto una risposta negativa provi a capire i motivi e di vedere se con i criteri nuovi e le proprie condizioni personali al momento possano beneficiarne», conclude De Rosa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved