l-ordine-degli-avvocati-tutorie-si-al-sistema-giudiziario
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
12 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
13 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
14 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
14 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
15 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
15 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
16 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
laR
 
06.05.2021 - 08:05
Aggiornamento : 16:10

L’Ordine degli avvocati: tutorie, sì al sistema giudiziario

La riforma proposta dal Dipartimento istituzioni convince l'Oati: riorganizzazione 'necessaria e urgente'. Chiusa la consultazione: circa 130 le prese di posizione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il termine era stato fissato inizialmente per la fine di marzo. Alla luce però di alcune richieste di proroga, il Dipartimento istituzioni ha prolungato di un mese la procedura di consultazione. Che a fine aprile si è quindi chiusa definitivamente. Più o meno duecento gli interpellati fra enti pubblici, associazioni e partiti: circa centotrenta coloro che hanno risposto. Centotrenta prese di posizione sulla proposta di riforma del settore tutele e curatele in Ticino uscita dal Dipartimento. Due gli assi portanti del progetto di riorganizzazione. Il primo: il passaggio dai Comuni al Cantone delle autorità di protezione e dunque della competenza di stabilire e applicare le misure per adulti e minori contemplate dal Codice civile. Il secondo: la rinuncia al vigente modello amministrativo e l’adozione di quello giudiziario, con l’introduzione di Preture ad hoc, le Preture di protezione. "Cantonalizzazione" e "giudiziarizzazione" del sistema, con conseguente cancellazione delle odierne sedici Arp, le Autorità regionali di protezione. «L’alta partecipazione alla procedura di consultazione dimostra che la riforma del settore è importante e sentita – rileva il capoprogetto Cristoforo Piattini, nello staff della Divisione giustizia –. Come ho già avuto modo di dire, più osservazioni abbiamo, meglio riusciamo ad affinare quanto proponiamo. E di osservazioni ne sono arrivate molte».

‘La sicurezza del diritto’

Tra le prese di posizione, quella dell’Ordine ticinese degli avvocati. L’Oati accoglie "favorevolmente" la riforma delle autorità di protezione indicata. La ritiene "necessaria" e "urgente", dato che attualmente vi sono delle "criticità". Sì quindi alla prospettata 'cantonalizzazione', con "l’abbandono dei regionalismi che oggi ancora sono radicati su gran parte del territorio ticinese”. L'Ordine degli avvocati si augura che la 'cantonalizzazione' “permetta di avere, già in primo grado, maggiore uniformità nelle decisioni" e questo "nel rispetto del principio della sicurezza del diritto che oggi troppo spesso è leso”. L’Oati condivide anche “la ’giudiziarizzazione’", con la creazione delle Preture di protezione: rappresenta "un importante e quanto mai necessario correttivo al sistema attuale”. Secondo l’Ordine, "l’iniziale introduzione di un sistema giudiziario nell’ambito della protezione del minore e dell’adulto, come quello proposto dalla riforma, conferirà maggiore autorevolezza all’autorità preposta e ne migliorerà l’efficienza e l’efficacia".

Stando al progetto, presentato dal Dipartimento istituzioni ai media ai primi di febbraio quando ha posto in consultazione la relativa bozza di messaggio governativo, in ogni Pretura di protezione un collegio di tre membri - il pretore di protezione, o l’aggiunto, e due specialisti, uno con formazione in psicologia/pedagogia e uno in lavoro sociale - deciderà le misure volte a tutelare gli interessi e il bene della persona vulnerabile. “La prospettata elevata specializzazione potrà solo portare dei benefici alle persone che necessitano di interventi di protezione, persone che sono in momenti di fragilità e che devono essere tutelate dal sistema - scrive l'Oati -. Purtroppo fino ad oggi non sempre questo è accaduto a causa di errori procedurali, prassi diverse adottate dalle numerose Autorità regionali di protezione sparse sul territorio, mole di lavoro, ma anche a causa della ridotta preparazione specifica a fronte di casi sempre più complessi con cui sono confrontate la nostra società e la sua cellula primaria, la famiglia”. Per l’Ordine degli avvocati, "sarà molto importante la scelta accurata degli specialisti (giuristi, operatori in ambito sociale e psicologico) per non rendere vano il primo passo di una così importante riforma e il suo aspetto determinante della pluridisciplinarità".

La questione logistica

L’Oati si sofferma pure sull'aspetto logistico. Le Preture di protezione "dovranno avere sedi adeguate e vicino alle Preture ordinarie che si occupano di diritto di famiglia". Le udienze, continua l'Ordine, "dovranno essere svolte in luoghi istituzionali, così che i fruitori possano avere una percezione più autorevole dell’autorità con cui si trovano confrontati”.

Il Dipartimento istituzioni, avevano spiegato il direttore Norman Gobbi e collaboratori nella conferenza stampa di febbraio, intende dar vita a un “sistema Preture di famiglia": con le Preture di protezione e quelle ordinarie, si vuole “rafforzare le sinergie fra le autorità giudiziarie nel campo del diritto di famiglia”. La realizzazione del citato sistema, osserva dal canto suo l’Ordine degli avvocati, “nella misura in cui da un lato include dal profilo organizzativo le Preture e le nuove Preture di protezione, e dall’altro lascia immutata l’attuale suddivisione di compiti e competenze, costituisce sicuramente un primo e importante passo”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
famiglia preture protezione sistema giudiziario
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved