bocciata-ermotti-lepori-ci-si-interroga-sulle-conseguenze
Nadia Ghisolfi, la vincitrice di giornata. Foto: Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
1 ora

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
1 ora

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
3 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
3 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
4 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
4 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
4 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
03.05.2021 - 22:39

Bocciata Ermotti-Lepori, ci si interroga sulle conseguenze

Il voto di oggi in Gran Consiglio apre una fase incerta, sia a livello parlamentare sia a livello di nomine. In casa Ppd parlano solo le ‘duellanti’

Nessuno del gotha Ppd parla dopo che la candidatura ufficiale di Maddalena Ermotti-Lepori alla vicepresidenza del Gran Consiglio è naufragata in Aula. Da noi sollecitati, né il presidente cantonale e deputato Fiorenzo Dadò né il capogruppo Maurizio Agustoni hanno voluto commentare l’accaduto, che suona come una sorta di smacco. Eppure delusione e disappunto erano ‘palpabili’. Disappunto, è parso di capire, nei confronti del gruppo Plr che, stando a indiscrezioni da noi raccolte, avrebbe in precedenza garantito il voto alla candidata ufficiale del Ppd, cioè Ermotti-Lepori. Ma Ghisolfi è stata ampiamente sostenuta anche dalla Lega. La grande maggioranza dei socialisti ha invece optato per Ermotti-Lepori. La candidata 'istituzionale' però non ce l'ha fatta. E ora ci si domanda quali conseguenze avrà il voto di oggi sia per i lavori nelle commissioni, sia per le future nomine, a cominciare da quelle in magistratura. 

A parlare è invece Nadia Ghisolfi, che con la ‘Regione’ commenta un successo dal retrogusto per lei amaro: «Dispiace che si sia dovuti arrivare a questo per sottolineare l’importanza di alcuni principi come l'esperienza e la continuità a livello parlamentare per arrivare ad assumere determinate cariche». Trenta voti più della candidata ufficiale del proprio partito significa essere stata apprezzata più all’esterno che nel Ppd? «Il voto è segreto, quello che credo sia stato apprezzato oggi è il portare avanti i miei principi più che i nomi. Non credo ci sia una mancanza di rispetto nei miei confronti o della collega, per determinati ruoli il parlamento evidentemente ha raccolto il mio invito a considerare gli anni di esperienza e l'impegno».

Anche Ghisolfi ha ovviamente partecipato alla riunione di gruppo durante la pausa, e quando le chiediamo che aria tiri risponde che «mi sembra giusto che ci siamo trovati per parlarne come gruppo, ci siamo confrontati, abbiamo cercato di capire come mai sia andata in questo modo. Siamo volenterosi e convinti di andare avanti insieme e lavorare per il bene del paese e del partito». Era e resta Ppd insomma? «Certo». Stando a nostre informazioni, infatti, non è in corso alcun ragionamento sulla sua posizione nel partito nonostante la candidatura comunque annunciata al gruppo in anticipo. A parlare con ‘laRegione’ è anche Maddalena Ermotti-Lepori: «Sicuramente non posso dire di essere contenta, ma accetto il voto del Gran Consiglio e andrò avanti con il mio lavoro» ci risponde laconica e con lo sguardo che dice tutto sul suo stato d’animo. 

Leggi anche:

Nicola Pini presidente del Gran Consiglio. E il Ppd si spacca

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio maddalena ermotti-lepori nadia ghisolfi ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved