nicola-pini-presidente-del-gran-consiglio-e-il-ppd-si-spacca
(Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
2 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
2 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
4 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
4 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
5 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
5 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
5 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
5 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
5 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
5 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
5 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
5 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
6 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
6 ore

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
03.05.2021 - 15:37
Aggiornamento : 22:06

Nicola Pini presidente del Gran Consiglio. E il Ppd si spacca

Per la carica di seconda vicepresidente eletta la 'ribelle' Ghisolfi con 56 voti contro i 26 di Ermotti-Lepori, proposta dalla maggioranza del gruppo

Il liberale radicale Nicola Pini è il nuovo presidente del Gran Consiglio. Eletto con 78 voti sulle 87 schede rientrate dal plenum, succede al leghista Daniele Caverzasio. Se per la prima vicepresidente del parlamento la strada per la socialista Gina La Mantia è stata spianata, per la carica di secondo vicepresidente il Ppd si è letteralmente spaccato.

La cenere che covava caldissima da giorni in casa popolare democratica riguardo alla nomina del secondo vicepresidente è prima tornata legna che arde nelle chat di molti deputati di ogni schieramento almeno da giovedì, poi si è fatta fiammata incendiaria questo pomeriggio quando dopo la candidatura di Maddalena Ermotti-Lepori, presentata dal capogruppo Maurizio Agustoni, ha preso la parola Nadia Ghisolfi: «Tacere va contro i miei principi», afferma la deputata presentando la propria candidatura alternativa «rispetto a quello che ha deciso la maggioranza del mio gruppo. Se si chiede di rispettare determinate regole poi bisogna essere i primi a farlo: oggi sono state ignorate». Le regole di cui parla Ghisolfi sono «regole non scritte che vedono da sempre la considerazione di determinati criteri per questa nomina, come l’anzianità di servizio, l’impegno e l’esperienza nel presiedere commissioni parlamentari, l’impegno della persona sia nella cosa pubblica sia nel partito». Ebbene, «non è mai capitato che un deputato alla prima legislatura (Ermotti Lepori, ndr.) venisse proposto per questo importante incarico. Al contrario, gli ultimi quattro proposti dal mio partito sono stati tutti proposti a fine carriera: Franscella all’ultima legislatura, Pagani alla penultima, Guidicelli all’ultima, Duca Widmer all’ultima. Pagani è stato scelto solo perché i più anziani in carica di lui non erano interessati». E Ghisolfi, in parlamento dal 2008, non sta zitta: «Mi hanno chiesto di tacere, di non esprimermi, di rispettare regole che ho diligentemente seguito in tutti questi anni. Ma non posso: si tratta di una questione di principio, non ho niente contro Ermotti Lepori come persona e come politica. Ma proprio perché è diritto del parlamento decidere, mi candido alla carica di secondo vicepresidente». Che l'ha seguita, votandola a schiacciante maggioranza con 56 voti contro i 26 che ha raccolto Ermotti-Lepori.

Pini: ‘Uno per tutti, tutti per uno’ non è solo un motto

Ma è stato il giorno di Nicola Pini oggi, diventato primo cittadino del Cantone con un obiettivo dichiarato guardando verso il figlio Furio e i famigliari in tribuna: «Continuate a ricordarmi e ricordarvi che il nostro dovere di politici è prima di tutto essere buoni antenati». E con un motto: «Uno per tutti, tutti per uno. Che non è solo dei Tre Moschettieri, ma è anche uno dei motti della Confederazione ed è scritto nell'affresco qui sopra le nostre teste, a ricordarci chi siamo e cosa facciamo qui, a schiarirci le idee, a darci energia nei momenti di difficoltà, a darci coraggio, a spronarci a lavorare insieme tra parlamentari». Ma anche «quasi ad ammonirci di mai anteporre questioni personali e di partito all’interesse generale, non siamo qui per noi ma per tutti. Questo atteggiamento è necessario quando società tende a disgregarsi dividersi e individualizzarsi, non solo perché le risorse diminuiscono, ma perché uomini e donne sono privati persino del potersi incontrare, del parlarsi, dello stare insieme, dell'affrontare uniti le sfide del nostro tempo». La politica, prosegue Pini, «deve dare risposte efficaci e tempestive, anche imparando da ciò che è successo: non sprechiamo questa occasione per svolgere al meglio il nostro compito gestendo il presente e favorendo la ripartenza». Un'occasione che per il neopresidente del Gran Consiglio deve essere sfruttata pure «per dimostrare il vero potenziale della politica. In particolare a chi non ci crede più, avvicinare le istituzioni ai cittadini è uno dei compiti che mi prefiggo e uno dei miei obiettivi sarà spiegare il nostro lavoro quotidiano, cercando di coinvolgere i giovani nel nostro lavoro, infondere anche a loro un forte senso delle istituzioni e passione per cosa pubblica».

Il commiato dalla presidenza di Caverzasio: ‘Laddove possibile mettiamo da parte orgoglio e strategie interne partitiche’

Nel suo commiato dai banchi della presidenza, il leghista Daniele Caverzasio rivendica il fatto che «come Gran Consiglio abbiamo provato a non lasciare indietro nessuno, con provvedimenti mirati e speciali uniti con il Consiglio di Stato. Giusto essere progettuali e lungimiranti, ma dobbiamo occuparci anche di chi soffre adesso, chi perde lavoro o è costretto a chiudere la propria attività. Le forze messe in campo sono state straordinarie, mi complimento con tutti voi per non aver prestato il campo a derive sensazionalistiche ed essere stati uniti e laddove possibile». Quello di Caverzasio è un commiato che sa di appello: «Adesso avremo il compito di pensare all’uscita di questo periodo, ne usciremo ma dovremo farlo tutti insieme. Con rinnovata progettualità. La gente è esausta, ma ora abbiamo un’occasione: riscattarci e ricostruire una rinnovata società. Vi chiedo di mettere da parte orgoglio e strategie interne partitiche, laddove possibile non blocchiamo progetti perché di un partito, se un progetto è buono facciamolo, realizziamolo. Non vi chiedo di rinnegare voi stessi, ma questo momento storico ci ha insegnato che solo uniti si vince». Ed è con il caro ricordo che lo lega a sua nonna che Caverzasio riassume il suo concetto di politica e di vita: «Una volta mi disse che nel caffè si può mettere tutto lo zucchero che si vuole, ma diventa dolce solo se si gira il cucchiaino. A stare fermi non succede niente, bisogna agire non reagire e aspettare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio nicola pini
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved