DJOKOVIC N. (SRB)
0
DELLIEN H. (BOL)
0
1 set
(3-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:30
 
sciroppi-per-la-tosse-bloccati-dai-giudici-ottima-notizia
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
3 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
13 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
13 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
13 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
14 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
14 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
15 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
15 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
15 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
15 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
16 ore

Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie

Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Locarnese
16 ore

Minusio Mappo, la miniferrovia apre al pubblico

Quattro gli appuntamenti, domenica 25 e giovedì 29 luglio; domenica 5 e giovedì 8 agosto. I convogli circoleranno solo se non piove.
Locarnese
16 ore

Tegna-Verscio, Festa di Sant'Anna

La celebrazione si tiene domenica 25 luglio
Mendrisiotto
16 ore

Arzo, sostituzione e potenziamento delle strutture tecniche

Il cantiere inizierà il 23 agosto e durerà un anno. I lavori interesseranno via Aglio, via Rossi e via Patrizi Arzesi
Locarnese
17 ore

Onsernone, la Società di pesca compie cent'anni

Pomeriggio ricreativo con maccheronata, sabato 24 luglio
Locarnese
17 ore

Quartino, arma alla mano per il tiro obbligatorio

In agenda sabato 24 luglio. Ai partecipanti sarà data la possibilità di eseguire il tiro federale in campagna
Bellinzonese
17 ore

Parcheggi sulla strada per il ponte Tibetano, l'Mps chiede lumi

Interpellata la Città di Bellinzona: 'È vero che sono stati soppressi i posteggi sulla strada El Runchetign e la prassi di tollerare le auto nelle aree di sosta?'
Gallery
Mezzovico
17 ore

San Mamete torna a risplendere a Mezzovico

Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Locarnese
17 ore

Orselina, un turista e mezzo (al giorno) per ogni abitante

Il dato statistico emerge dall'assemblea della Pro locale. Fra gli altri temi, la presunta invisibilità del Comune collinare negli orari delle Fart
Luganese
17 ore

Nel lago Ceresio finiscono anche carta e rifiuti solidi?

Interrogazione leghista al Municipio di Lugano sul recente inquinamento da idrocarburi all'altezza del Lac
Luganese
18 ore

Il primo cittadino ticinese ospite a Melano il 1° agosto

In occasione del natale della patria oltre all'allocuzione di Nicola Pini momento conviviale con festa al lago
Ticino
29.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:22

Sciroppi per la tosse bloccati dai giudici: ‘Ottima notizia’

Li usano i ragazzini per 'stonarsi'. Il Taf ferma le farmaceutiche che li vorrebbero a 'scaffale aperto'. Farmacista cantonale soddisfatto della sentenza

Allucinazioni, capacità motorie compromesse, arresto respiratorio. Sono solo alcuni degli effetti collaterali nei quali può inciampare chi per ‘stonarsi’ tracanna sciroppi per la tosse contenenti sostanze psicoattive, ed è per questo che ieri il Tribunale amministrativo federale (Taf) ne ha confermato l’obbligo di vendita solo su prescrizione medica o dopo attenta valutazione del farmacista. Sconfitte le case farmaceutiche che avrebbero voluto annullare la revisione legislativa del 2019 – congelata dai loro ricorsi – che impone tali paletti per preparati come il Makatussin (contenente codeina) e il Calmerphan (destrometorfano). I rispettivi produttori, Gebro Pharma e Doetsch Grether, avrebbero addirittura voluto che la vendita fosse consentita nelle drogherie. In due sentenze che riconoscono come “entrambi i preparati siano utilizzati come droghe ricreative soprattutto da ragazzi e giovani adulti”, il Taf “ha respinto il ricorso delle ditte titolari dell’omologazione” e indica il verdetto “come riferimento per il trattamento di altri ricorsi analoghi attualmente pendenti”. Va detto che la decisione è ancora impugnabile di fronte al Tribunale federale, sebbene questa prima bocciatura lasci intuire in questo caso una strada tutta in salita.

Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini è molto soddisfatto, e saluta «un’ottima notizia che conferma una decisione condivisibile fino all’ultima virgola. D’altronde, il rischio di abuso da parte di una categoria particolarmente vulnerabile come quella degli adolescenti è sotto gli occhi di tutti, e i prodotti a base di principi attivi come la codeina hanno una tossicità intrinseca in caso di sovradosaggio: non si possono commercializzare liberamente, ‘all’americana’». Proprio per questo, ricorda Zanini, «al momento della riclassificazione avevo invitato tutti i farmacisti ad adeguarsi subito alle nuove regole indipendentemente dai ricorsi. Devo dire che questo invito è stato subito ampiamente accolto, per cui la sentenza del Taf suffraga una scelta di prudenza e responsabilità fortunatamente già condivisa in Ticino».

Gli fa eco Federico Tamò, portavoce dell’Ordine dei farmacisti del Cantone Ticino (Ofct) e titolare di una farmacia a Bellinzona: «Sicuramente il rischio giustifica la necessità di inserire il prodotto in classe B, quella che prevede il consulto di uno specialista, e non nella D che comprende i prodotti che chiunque può prendere ‘a scaffale’». Tamò ricorda che «il problema di abuso di sostanze come la codeina si trascina da lungo tempo. Se però una volta riguardava persone già tossicodipendenti, nel corso degli ultimi anni si è vista una sorta di moda diffondersi tra adolescenti e giovani, convinti che certi farmaci si possano acquistare e assumere come fossero caramelle». Il portavoce dell’Ofct ricorda d’altronde che «già da prima della riclassificazione facevamo molta attenzione a verificare l’effettiva necessità di certi sciroppi. Ben venga dunque una regolamentazione che prevede un consulto dettagliato e prescrive al farmacista – qualora decida di dispensare questi farmaci sotto la propria responsabilità – di accertarsi della necessità, dei fattori di rischio, del corretto dosaggio e di conservare tutta la documentazione in merito per 10 anni».

Da anni gli esperti di tossicodipendenze denunciano il crescente consumo di sciroppi per uso ‘ricreativo’, spesso nell’ambito di mix con alcol o altre sostanze stupefacenti in quelle che vengono definite ‘polidipendenze’, il cui trattamento risulta poi particolarmente complesso. Per quanto riguarda il Calmerphan, il Taf ricorda: “È stato dimostrato che un sovradosaggio del principio attivo in questione può causare allucinazioni o compromettere le capacità motorie e pertanto costituire un pericolo per la salute”. Quanto al Makatussin, “un sovradosaggio di codeina (principio attivo che nel corpo in determinate circostanze si trasforma in morfina) può causare uno stato euforico e l’arresto respiratorio”. Non a caso la codeina è sottoposta a restrizioni dalla legislazione sugli stupefacenti. Nonostante le cautele dei farmacisti, questi prodotti vengono anche spacciati clandestinamente, come vere e proprie droghe, anche a dieci volte il prezzo di mercato. Spesso li si consuma miscelati a succhi di frutta e bibite gassate. Tra i rischi a lungo termine – specifica il portale Danno.ch – vi sono assuefazione, crisi d’astinenza con sintomi fisici e psichici, riduzione del desiderio sessuale, sterilità, stitichezza, insonnia, agitazione.

La casa farmaceutica:
‘Paternalismo e maggiori costi’

Ma allora perché le case farmaceutiche che producono questi sciroppi insistono nel combattere ulteriori restrizioni? È solo questione di soldi? Il Ceo di Gebro Pharma Marcel Plattner ci spiega così le sue ragioni: «Makatussin è efficace contro la tosse e viene venduto da decenni ai pazienti dal personale specializzato – medici e farmacisti – e solo a persone a partire dai 18 anni. Loro sono in grado di valutare la necessità di una terapia, e consideriamo che qualsiasi ulteriore restrizione della disponibilità sia paternalistica nei confronti del personale specializzato». D’altronde, Plattner contesta anche le affermazioni del farmacista cantonale di Berna Samuel Steiner, che nel 2018 aveva dichiarato: «Stimiamo che circa l’80% del consumo di Makatussin sia improprio». Il Ceo precisa infatti che «il 49% del prodotto Makatussin Comp viene dispensato direttamente da medici e ospedali, il 51% dalle farmacie». In quest’ultimo caso, «il 56% è prescritto dai medici, il che significa che solo il 22% dei prodotti è dispensato senza un loro intervento. In questo contesto, come può la percentuale di abuso che si afferma essere corretta?».

Plattner denuncia anche l’aumento di costi «dovuto alle consultazioni mediche aggiuntive innescate dall’obbligo di prescrizione, alle spese di consulto in farmacia, ai prezzi più alti dei farmaci – fino al 50% in più – e ai costi di documentazione in farmacia. Questo porta a costi aggiuntivi di 100 milioni di franchi all’anno. Il Consiglio nazionale ha individuato questo aumento quasi due anni fa e ha approvato una mozione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità che incaricava il Consiglio federale di applicare la nuova legislazione sugli agenti terapeutici senza ripercussioni sui costi; la mozione è ancora in sospeso al Consiglio degli Stati». Il farmacista cantonale però non è affatto d’accordo: «In ottica di costi, va ricordato che la scelta restrittiva di SwissMedic (l’istituzione incaricata dell’approvazione e supervisione dei farmaci, ndr) riguarda solo 92 farmaci, mentre per altri 536 si sono fatte scelte di liberalizzazione», osserva Zanini: «Dunque nel complesso non si pone tale problema. Capisco le esigenze che certi gruppi di interesse hanno sollevato a livello federale, ma temo si tratti di polemiche strumentali: bisogna pur tener conto della pericolosità di certi farmaci. Peraltro non è vero che per una bottiglia di sciroppo servirà necessariamente la ricetta medica: potrebbe bastare la valutazione responsabile del farmacista».

Circa la riclassificazione del 2019 e un eventuale secondo ricorso, il Ceo di Gebro preferisce non pronunciarsi: «Non possiamo fare ulteriori commenti su questa decisione, che per ora non è legalmente vincolante. Gebro Pharma Ag sta esaminando la sentenza del Taf e decideremo in seguito come procedere». Laconica infine la reazione dell’altra casa farmaceutica coinvolta, Doetsch: in una stringatissima e-mail l’azienda “prende atto della sentenza, che sta esaminando prima di decidere come procedere. Non trattandosi di una decisione definitiva e vincolante, non possiamo rilasciare ulteriori dichiarazioni”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved