ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
18 min

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
19 min

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
54 min

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
1 ora

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
1 ora

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
1 ora

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
2 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
2 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
2 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
2 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
28.04.2021 - 12:34

Ex funzionario Dss, Dadò: 'Chiederò ancora una Cpi'

Il presidente del Ppd torna alla carica dopo la sentenza di secondo grado: ‘Troppe domande senza risposta, serve una commissione parlamentare d'inchiesta'

ex-funzionario-dss-dado-chiedero-ancora-una-cpi
Ti-Press

«Sto già preparando una nuova richiesta di Commissione parlamentare d’inchiesta, ci sono una serie di quesiti che al parlamento non sono mai stati chiariti». Il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, raggiunto dalla 'Regione, torna alla carica sul caso dell’ex funzionario Dss che in appello, è notizia di oggi, è stato condannato a una pena detentiva di 18 mesi (sospesi per due anni). Si è quindi passati da una pena pecuniaria sospesa di 7'200 franchi a un anno e mezzo di carcere, sempre con la condizionale. Al reato di coazione sessuale si è inoltre aggiunto quello di violenza carnale.

‘Il governo non può più nascondersi dietro a un dito’

«Il Consiglio di Stato dovrà dire definitivamente come è stato trattato questo caso all’epoca, dovrà dirlo al parlamento e al Paese senza nascondersi dietro a un dito», rincara Dadò. Che, nei giorni immediatamente seguenti alla bocciatura da parte del Gran Consiglio della sua richiesta di istituire una Cpi per far luce sul caso risalente a quasi vent’anni fa, ha depositato una mozione con la quale chiede che, per meglio capire come nell'Amministrazione cantonale, nella scuola e nelle aziende pubbliche si agisce nel caso di abusi e molestie “venga istituito un audit esterno indipendente che operi una valutazione generale delle direttive e prassi attualmente in vigore, e offra eventuali proposte di adeguamento per rafforzare la tutela delle persone da abusi e molestie”.

‘Mi attendo l'appoggio di tutte le forze politiche’

Per Dadò «è evidente che in questo momento diventa ancora più importante la mia richiesta. La sentenza di oggi, che conferma e rincara la dose riguardo a quanto di molto triste è avvenuto nell’Amministrazione cantonale, è dimostrazione che la questione va presa molto seriamente. Mi attendo da parte di tutte le forze politiche appoggio per fare chiarezza laddove non c’è ancora, e per far di tutto in maniera trasparente affinché non succeda più». La mozione sarà assegnata direttamente alla commissione parlamentare della Gestione, in cui Dadò è commissario, perché il Consiglio di Stato ha deciso di passare a essa il testo per iniziare la discussione.

Con un’interpellanza a commento della notizia pubblicata oggi dalla Corte d’appello e di revisione penale, firmata oltre che da Dadò anche da Boris Bignasca e Sabrina Aldi (Lega) e Tamara Merlo (Più donne), viene chiesto al Consiglio di Stato anche di prendere posizione sul ruolo dell’ex funzionario Dss in seno all’Amministrazione cantonale, se durante il suo periodo di sospensione ha continuato a percepire lo stipendio, su come ha avuto luogo la procedura di licenziamento, se percepisce attualmente privilegi pensionistici e se, alla luce della sentenza di secondo grado, “il governo non ritiene di dover rivedere la decisione di licenziamento in particolare per quanto attiene a un’eventuale colpa grave del dipendente”.   

Leggi anche:

Violenza carnale per l'ex funzionario: 'Colpa molto grave'

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved