Roma
1
Cagliari
0
fine
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
WAS Capitals
1
VAN Canucks
0
1. tempo
(1-0)
ex-funzionario-dss-dado-rilancia-audit-esterno-indipendente
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
2 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
3 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
3 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
3 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
4 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
4 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
5 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
5 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
5 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
6 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
6 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
6 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
7 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
Ticino
10 ore

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da coronavirus
 
26.09.2020 - 05:550

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Dopo la bocciatura della proposta di commissione d'inchiesta il presidente del Ppd torna alla carica con una mozione. E sul dibattito è polemica col Plr

Il presidente cantonale del Ppd Fiorenzo Dadò non molla sulla questione abusi, originata dalla vicenda dell'ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità condannato in primo grado per coazione sessuale e dai presunti silenzi e coperture che ci sarebbero stati nell'Amministrazione cantonale. Respinta dal Gran Consiglio la richiesta di istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta, Dadò torna alla carica con una mozione al Consiglio di Stato. Mozione con la quale chiede che, per meglio capire come nell'Amministrazione cantonale, nella scuola e nelle aziende pubbliche si agisce nel caso di abusi e molestie “venga istituito un audit esterno indipendente che operi una valutazione generale delle direttive e prassi attualmente in vigore, e offra eventuali proposte di adeguamento per rafforzare la tutela delle persone da abusi e molestie”.

‘Non possiamo accettare nell'impassibilità questa situazione’

A seguito della bocciatura della richiesta di Cpi, scrive Dadò, “un lavoro di approfondimento indipendente e serio su quanto non ha funzionato e su cosa andrebbe eventualmente fatto, come detto, non verrà fatto”. E per il presidente del Ppd “al di là di ogni ragionamento sull'opportunità o meno di una Cpi, di fatto il problema del come vengono affrontati gli abusi all'interno dell'Ente pubblico non verrà analizzato e quindi rimane tuttora irrisolto o nel dubbio”. Una situazione, questa, che “non possiamo accettare nell'impassibilità, anche di fronte alle persone che hanno subito delle gravi ingiustizie o che, purtroppo, le subiranno”.

Per Dadò “di fronte a possibili casi di molestie sessuali in primis ma anche di altri abusi gravi (mobbing, stalking, violenze, intimidazioni, molestie in genere, minacce, umiliazioni, ecc), ogni datore di lavoro deve attivarsi perché essi vengano denunciati, e non invece messi a tacere, perché le vittime siano ascoltate da persone competenti, oltreché (ancora più importanti) attive nel prevenire tali possibili comportamenti”. Lo Stato qualcosa ha fatto, come ricordato dal Presidente del governo Norman Gobbi in parlamento giovedì. E lo riconosce anche Dadò, ricordando il gruppo di lavoro ‘Stop molestie’ e “altri servizi cui la persona che ha notizie, anche indirette, di un eventuale caso di abuso, può rivolgersi”. Però, “sull'efficacia o meno di questi servizi e sulle prassi oggi adottate e quindi sulla concreta possibilità per le vittime di ottenere giustizia, forse anche per la paura e l'ignoranza che serpeggia ancora attorno agli abusi sessuali, ci sono pareri discordanti che purtroppo, in assenza di una verifica seria e indipendente, non potranno che rimanere tali”.

Respinta la Cpi, l'obiettivo rimane: «Per questo abbiamo scritto la mozione. Mi auguro che tutti la sostengano senza se e senza ma, perché in Gran Consiglio anche i contrari alla Cpi hanno mostrato, almeno a parole, sensibilità nei confronti delle donne abusate e di queste gravi situazioni» commenta Dadò da noi raggiunto. E rincara: «Non potremo appurare per quali responsabilità nell'Amministrazione cantonale si è arrivati a una conoscenza tardiva di queste violenze, un ritardo che ha portato alla prescrizione e quindi alla mancata possibilità di perseguire penalmente e come si dovrebbe quei reati, adesso vogliamo sapere nel settore pubblico quali regole, quali prassi sono in atto. Sperando che chi subisce queste vergognose molestie possa sapere a chi rivolgersi e, soprattutto, da chi farsi ascoltare e credere». Il rammarico, conclude, «è l'aver fatto un passo indietro di almeno trent'anni nella lotta agli abusi, perché se neanche il parlamento, di fronte alle parole allarmanti del giudice Villa, ritiene di dover far qualcosa, immaginiamoci a chi dovrebbero ancora credere le vittime».

Gli strascichi del dibattito

Bocciata la richiesta di Cpi non si placano accuse e polemiche. La Lega dei ticinesi con una nota stampa rileva che “ancora una volta, grazie al tandem Ps-Plr, prevalgono la doppia morale e l'insabbiamento”. I liberali radicali vanno anche oltre, vale a dire al post-dibattito e ad alcune reazioni soprattutto sulle reti sociali che al partito presieduto da Bixio Caprara non sono andate giù. Vale a dire ai “vili attacchi personali e regolamenti di conti privati dopo il no alla Cpi. Lo squallore di alcuni interventi - anche e soprattutto a firma di rappresentanti eletti dal popolo, su differenti canali comunicativi e in particolare sui social media - non fa che confermare i peggiori timori espressi dal Plr durante il dibattito”.

E aggiungono: “Ci batteremo con tutte le nostre forze per stigmatizzare questo genere di approccio, che sfrutta scientemente il paravento della difesa dei più deboli per meri fini personali. Non disdegnando neppure vili attacchi personali, ingiustificati e ingiustificabili, con grave disprezzo verso tutti coloro, rappresentanti di ogni partito politico che si sono permessi di dissentire, gravi al punto da mettere in discussione il principio della libertà d'espressione”. Un atteggiamento, conclude il Plr, “meschino e indegno di uno Stato di diritto”. Nomi non ne vengono fatti, ma è evidente il riferimento alle foto pubblicate sulle reti sociali da Dadò che ritraggono alcuni esponenti del Plr soddisfatti dopo il voto.

Secca è la replica affidata a ‘laRegione’ dal presidente cantonale del Ppd: «È sorprendente constatare come si atteggi a vittima chi sin dall'inizio ha cucinato la brodaglia e ha fatto di tutto per contribuire a insabbiare questa grave situazione all interno dell'Amministrazione cantonale, denunciata in modo chiarissimo dal giudice Marco Villa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved