prestazione-ponte-il-dss-vuole-estendere-i-beneficiari
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
7 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
7 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
8 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
8 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
8 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
8 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
8 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
8 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
9 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
9 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
9 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
9 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
9 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
9 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
9 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
9 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
10 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
laR
 
22.04.2021 - 18:54

Prestazione ponte, il Dss vuole estendere i beneficiari

Il Dipartimento sanità e socialità sta verificando se vi siano i margini per allargare la cerchia dei fruitori. Presto arriveranno delle proposte

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Prestazioni ponte Covid, il Dipartimento sanità e socialità intende riaprire il dossier per allargare la cerchia dei potenziali beneficiari. La conferma arriva dal Dss, interpellato dalla ’Regione’. «È volontà del Dipartimento rimettere mano al dossier ‘prestazione ponte’ e una prima condivisione in tal senso è già avvenuta anche in Consiglio di Stato - annota il Dss -. Rimettere mano significa per l’appunto valutare se vi sono margini per estendere i potenziali beneficiari del contributo, mantenendo tuttavia il principio per cui questo aiuto deve rimanere un aiuto mirato». Aggiunge al riguardo il Dipartimento: «Come ha affermato il direttore Raffaele De Rosa rispondendo a una recente interpellanza in Gran Consiglio, "la volontà rimane quella di intervenire laddove gli altri strumenti di sostegno non arrivano: scovare queste ’nicchie di precarietà’ e fragilità resta lo scopo di questa prestazione, e l’esperienza delle prime settimane serve anche a portare alla luce queste situazioni. Come detto, il nostro impegno nel modellare questo aiuto sulla base delle effettive necessità emergenti è garantito”. In questo senso - prosegue il Dss - si stanno valutando modifiche in particolare «ai criteri inerenti alle condizioni materiali per avere diritto alla prestazione, definiti dall’articolo 3 del Decreto legislativo in vigore». I tempi dovrebbero essere brevi. «Le modifiche attualmente allo studio saranno condivise con una rappresentanza dei Comuni e dovranno essere approvate dal governo e in seguito dal parlamento, tramite messaggio: è intenzione del Dipartimento concludere le valutazioni in corso e sottoporre le proposte al Consiglio di Stato entro la metà di maggio».

La competenza della valutazione dei casi è dei Comuni

La competenza della valutazione dei casi, offrendo consulenza e accompagnamento, e di decidere se il richiedente abbia diritto o meno a questa prestazione, è dei Comuni. I quali, nel caso non fossero ottemperati i criteri richiesti, possono reindirizzare i richiedenti verso un altro tipo di prestazione più adatta. I requisiti da soddisfare sono stretti: occorre risiedere da almeno tre anni in Ticino, non aver raggiunto l’età ordinaria di pensionamento, non beneficiare di indennità Ladi, prestazioni complementari Avs/Ai, indennità di disoccupazione, assegni di prima infanzia e non essere in assistenza. I beneficiari del solo assegno famigliare integrativo, invece, possono richiedere la prestazione.

La scorsa settimana in Gran Consiglio, il governo, sollecitato da un paio di atti parlamentari, aveva fornito i primi dati disponibili sull’erogazione della prestazione. Dati relativi ai Comuni, settantotto, che avevano trasmesso la documentazione entro l'8 aprile. Ebbene, durante il mese di marzo sono state evase 456 domande di prestazione ponte Covid: 185 quelle accolte, ovvero il 41 per cento; 271 quelle rifiutate. Tra gli obiettivi della prestazione ponte non c’è solo il sostegno finanziario, vi è anche quello della consulenza individuale, rammentava De Rosa, della quale hanno potuto beneficiare diverse persone: fra queste 69 richiedenti sono stati indirizzati ad altri servizi e/o prestazioni di supporto. Con le 69 persone indirizzate verso altri servizi si è arrivati a un 56% di richieste, 254, soddisfatte attraverso un contributo o un’altra prestazione. La somma erogata all'8 aprile era di poco superiore ai 251mila franchi. Per la precisione 251'435 franchi: “l’importo medio unitario” delle richieste accolte ammontava a 1'359.

Le motivazioni di rifiuto della domanda sono per condizioni d’accesso e per limiti di calcolo. Stando al governo, sono state rilevate in particolare situazioni “dove i richiedenti hanno raggiunto l’età pensionabile o dove dei membri dell’unità di riferimento dei richiedenti sono a beneficio di altre prestazioni sociali, quali ad esempio le indennità straordinarie di disoccupazione, l’assegno di prima infanzia, le prestazioni assistenziali o quelle complementari all’Avs/Ai, oppure di altre indennità ai sensi della Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione”. Per limiti di calcolo “si intendono invece le esclusioni riconducibili a ragioni di tipo economico, segnatamente nel caso in cui il reddito annuo disponibile risulti superiore ai parametri definiti dall’articolo 4 del Decreto legislativo". Le richieste di prestazioni rifiutate per condizioni di accesso sono state “135 (50 per cento delle richieste rifiutate), mentre quelle per limiti di calcolo 136”.

Dafond (Act): procede tutto bene

Nei Comuni, come detto autorità preposta alla presa a carico delle domande, per ora sta funzionando tutto regolarmente. «Qualche Comune aveva espresso alcune preoccupazioni perché temeva di essere inondato di richieste e di finire in difficoltà, ma non ho avuto concretamente dei segnali negativi né in generale né soprattutto dai comuni che avevano timori», osserva raggiunto dalla ‘Regione’ il presidente dell’Associazione comuni ticinesi (Act) e sindaco di Minusio Felice Dafond. E quindi, aggiunge, «posso desumere che le preoccupazioni siano tutte rientrate, e che si stia procedendo bene. So che il Cantone vuole fare il punto della situazione e fisseremo un incontro per confrontarci». Ad ogni modo, per Dafond «resta importante ribadire il ruolo del Comune, noi siamo il punto di riferimento del cittadino più che altri tipi di sportelli, i cittadini si rivolgono a un funzionario comunale il quale a sua volta prende contatto col Cantone». E fa un appello rivolto a chi si trova in difficoltà, il presidente dell’Act: un appello a non vergognarsi e a chiedere aiuto. «È possibile che persone che hanno effettivamente bisogno non osino farsi avanti - spiega infatti Dafond -, ma bisogna ribadire che il Comune è l’autorità di prossimità, alla quale le persone devono far capo. Se rientrano o meno nei parametri lo si vedrà, ma è giusto che chiunque sappia che il Comune c’è: siamo in uno Stato dove per fortuna questa autorità è forte. L’ente istituzionale di prossimità che rappresentiamo c’è e siamo pronti ad ascoltare e consigliare». Attitudine che, evidenzia Dafond, è nel Dna dei Comuni indipendentemente dalla pandemia o dalla prestazione ponte: «Tramite le polizie comunali, il controllo abitanti, i servizi sociali abbiamo antenne e reti pronte e a fare da tramite e aiutare chi ha un problema o un’esigenza».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved