ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
21 min

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
1 ora

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
1 ora

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
2 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
2 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
2 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
2 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
2 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
2 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
2 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
2 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
3 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
15.04.2021 - 21:40

Bici elettriche: ‘Manca dimestichezza’

Gli acquisti di e–bike sono in forte aumento, come pure gli incidenti. Il presidente di Pro Velo Ticino chiede misure per rendere più sicure le strade

bici-elettriche-manca-dimestichezza
Keystone

Sono bici, ma sfrecciano come motorini. Stiamo parlando delle biciclette elettriche, oggetto di un boom di acquisti nel 2020, come pure di incidenti. «Un fattore importante è la mancanza di dimestichezza», ci spiega Marco Vitali, presidente di Pro Velo Ticino. «Tanti hanno acquistato una bici elettrica dopo anni che non toccavano quella meccanica e fanno fatica a gestire la velocità più alta. Si tratta di mezzi ben dotati che sono potenzialmente più sicuri, ma è necessario prendere le misure perché il tempo per reagire agli ostacoli è ridotto».

L’anno scorso sulle strade svizzere hanno perso la vita 15 ‘elettrociclisti’ e i feriti gravi sono stati 536, comunica l’Ufficio prevenzione infortuni (Upi). Quest’ultimo numero è raddoppiato rispetto alla media dei cinque anni precedenti e che si riassume in un dato preoccupante: ogni settimana sono circa 10 i conducenti di bici elettriche che rimangono gravemente feriti in Svizzera. In Ticino, hanno perso la vita due ciclisti di e–bike, mentre 36 sono rimasti coinvolti altrettanti incidenti nel 2020.

‘Le strade ticinesi non sono adeguate’

I ciclisti devono fare attenzione, ma ci sono altri fattori che favoriscono gli incidenti: «Le strade ticinesi non sono adeguate per ospitare i ciclisti e questa convivenza con automobili e pedoni crea non pochi disagi», dice Vitali. Problema numero uno, i percorsi ciclopedonali, che in determinati giorni e orari possono essere molto affollati: «Le persone a piedi non tengono conto della presenza delle biciclette. Sono spazi relativamente nuovi e non tutti si sono ancora abituati. Sarebbe opportuno infittire la rete delle piste ciclabili in modo da diluirne gli utenti».

Dove le ciclopedonali non ci sono, i ciclisti si spostano nelle strade, sulle quali, secondo il presidente di Pro Velo Ticino, i limiti di velocità sono troppo elevati: «Quando i mezzi (auto e bici, ndr) viaggiano alle medesime andature, i pericoli diminuiscono. Siamo riusciti a ottenere i trenta all’ora su buona parte del lungolago di Lugano e questo fa sì che le persone in bici si sentano più tranquille sulla strada. Vogliamo toglierle dai marciapiedi ma bisogna garantire più sicurezza sulla carreggiata delle automobili». Un altro tema caro a Pro Velo è quello di far ridurre il limite di velocità tra Melide e Paradiso. «È un percorso senza marciapiedi, con curve sinuose, dove le macchine possono viaggiare fino a ottanta chilometri orari. Trovo paradossale che a pochi metri ci sia un tratto di autostrada con limite a sessanta all’ora a causa dei lavori».

Molti hanno deciso di acquistare una bici elettrica durante la pandemia, complice la voglia di stare all’aria aperta e di evitare i mezzi di trasporto pubblici. L’anno scorso, riferisce l’Upi, sono state vendute 171 mila e-bike, contro le 133 mila del 2019. Una tendenza, che secondo Vitali, può spiegare in parte l’aumento degli incidenti. «Suggerisco di tenere sotto controllo la situazione per qualche anno. In questo modo si saprà se i sinistri sono una conseguenza statistica dell’incremento dell’utenza o se vi sono altri fattori, come per esempio la mancanza di dimestichezza col mezzo, a essere particolarmente significativi».

In discussione un pacchetto di revisione delle normative stradali

Attualmente, riferisce l’Upi, è in discussione a livello federale un pacchetto di revisione delle normative stradali che comprende alcune misure per i conducenti di bici elettriche, come l’obbligo di usare il casco anche sulle e-bike lente, di accendere le luci anche di giorno e di montare un tachimetro sui mezzi con pedalata assistita superiore a 25 chilometri orari.

Nel frattempo, in risposta all’aumento del numero d’incidenti, l’Upi lancia una campagna di prevenzione che contiene le seguenti raccomandazioni volte ad aumentare la sicurezza degli ‘elettrociclisti’: indossare il casco, rendersi visibili anche di giorno accendendo le luci, indossando vestiti chiari e nastri o giubbotti rifrangenti, come pure guidare in modo previdente restando pronti a frenare e scegliere una e–bike con sistema Abs. L’obiettivo della campagna, spiega l’Upi, è di rendere consapevoli le persone dei maggiori rischi che comportano l’uso di una bici elettrica rispetto a quella tradizionale.

«Da non dimenticare – dice Vitali –, che ci sono anche gli altri mezzi elettrici e non tutti conoscono le regole di circolazione». Infatti, a ogni tipo di bicicletta e ai monopattini elettrici non è permesso di circolare sui marciapiedi, bensì in strada o nelle ciclopiste. Stessa regola vale per i ‘Segway’, per i quali è obbligatorio il casco da bici. Inoltre per guidare una e–bike di potenza superiore ai 0,5 kW è necessaria una licenza di condurre di categoria M o G (per ciclomotori o mezzi agricoli, ndr). Inoltre Vitali consiglia ai ciclisti di mantenere una distanza di un metro e mezzo dai pedoni, i quali spesso sottovalutano la velocità, soprattutto delle bici elettriche.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved