come-le-societa-bucalettere-si-fregano-i-soldi-altrui
Il sostituto pg Balerna (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
33 min

Si riunisce l’Associazione dei Comuni del Generoso

Assemblea annuale alla Masseria Cuntitt a Castel San Pietro. Piatto forte saranno i consuntivi 2021
Mendrisiotto
1 ora

Due incontri per introdurre alle formazioni sociosanitarie

La Fondazione youLabor di Chiasso presenta cinque profili professionali per il reinserimento sociale
Ticino
1 ora

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
2 ore

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
3 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
3 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
20 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
21 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
GIUSTIZIA
laR
 
13.04.2021 - 11:06
Aggiornamento : 14:16

Come le società bucalettere si fregano i soldi altrui

Un ‘caso di studio‘ raccontato -– come una favola triste – dal sostituto procuratore generale Balerna, responsabile della sezione reati economici e finanziari

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«C’era una volta in Ticino una persona che voleva raccogliere fondi da investitori italiani, soldi che poi però si fermarono nelle sue tasche». Comincia come nelle favole, il sostituto procuratore generale Andrea Maria Balerna, per spiegarci come funzionano certe truffe al risparmio perpetrate da società bucalettere – quelle senza alcuna reale attività legale – sulla piazza ticinese. La storia, naturalmente anonimizzata, serve a capire come fanno certi ‘consulenti’ ad alleggerire le tasche dei loro clienti.

Da Lugano al Moesano

«Questa persona non poteva esercitare l’attività di fiduciario in Ticino, non essendo iscritto all’albo cantonale», continua il responsabile della sezione che persegue i reati economici e finanziari. «Non poteva dunque gestire i soldi altrui eppure lo faceva, fingendo di emettere obbligazioni di una sua società-paravento registrata in Ticino. Quando è stato scoperto e ha dovuto chiudere la società, ha aperto un’altra società bucalettere nel Grigioni italiano – dove regole e controlli sono più laschi – per continuare a fare più o meno la stessa cosa, svolgendo di fatto la sua attività anche in Ticino. Questo almeno fino a quando alcuni clienti raggirati non si sono accorti dell’attività eventualmente truffaldina ed è partita una seconda denuncia». Morale della favola: un danno da quasi un milione di franchi.

Il caso serve a comprendere un problema importante per la nostra piazza finanziaria: la malagestione dei risparmi privati. Fenomeno preoccupante sebbene non si abbiano dati certi circa la sua estensione, anche a causa dell’importante numero di casi che non viene denunciato dai danneggiati. Certo, poi viene da chiedersi perché i clienti si rivolgano a certi personaggi: ingenuità o tentativo disperato di far girare soldi che in banca e da fiduciari seri solleverebbero troppe domande sulla loro provenienza? «Ognuno ha la sua storia e non si possono colpevolizzare genericamente le vittime dei raggiri. Spesso si osserva però una certa imprudenza di fronte a società improvvisate e all’offerta di rendimenti nettamente superiori a quelli sul mercato istituzionale. Evidentemente non si può escludere che qualcuno si rivolga a questi personaggi anche per evitare la due diligence delle società più serie, quella dettata a banche e società di gestione patrimoniale dalla legislazione antiriciclaggio ».

Il Ceresio lava più bianco

In certi ambienti, la fama del Ticino come nascondiglio e lavatrice per fondi neri continua anche dopo la fine del segreto bancario, alimentando un certo demi-monde affollato di tipetti poco raccomandabili. «In passato, la piazza finanziaria luganese ha prosperato anche grazie a capitali non dichiarati fiscalmente, in particolare di imprenditori italiani», prosegue Balerna. «La presenza di ingenti capitali stranieri attrae a sua volta consulenti malintenzionati, persone che magari passano da qui solo per provare ad arricchirsi gestendo, o malgestendo, capitali in nero; l’assenza di radici nel territorio riduce poi il controllo e l’autocontrollo sociale. Lo dico precisando naturalmente che la stragrande maggioranza degli operatori, svizzeri e stranieri, è serio e onesto».

Nella lotta al fenomeno, Balerna auspica «alcune modifiche legislative che potrebbero certamente aiutare. In particolare si potrebbe reintrodurre l’obbligatorietà del revisore per tutte le società. Nel 2008 è stata inserita nel Codice delle obbligazioni la possibilità di rinunciare alla revisione, e dunque alla figura del revisore, per le società con cifra d’affari inferiore ai 40 milioni e somma di bilancio inferiore ai 20. Questo ‘opting out’ è stato puntualmente esercitato dalla stragrande maggioranza di esse (oltre l’80%)». Tuttavia, prosegue il procuratore, «il revisore è una figura importante, specie se debitamente responsabilizzata dalla legislazione: è colui che ogni anno controlla i conti di un’azienda e potrebbe vedere per primo se qualcosa non quadra, ad esempio in presenza di un sovraindebitamento. Il revisore, che a queste società costerebbe poche migliaia di franchi all’anno, sarebbe quindi un’ottima sentinella per individuare quelle realtà finalizzate a commettere e agevolare degli illeciti».

Gli altri illeciti

Truffatori, parassiti e sbiancadenaro

Ma quello delle truffe al risparmio è solo uno dei reati agevolati dall’utilizzo di società bucalettere.

«Questo tipo di società», spiega Balerna, «si presta a dissimulare l’identità di chi le utilizza – anche attraverso l’utilizzo di prestanome e ‘uomini di paglia’ – e a simulare attività fittizie». Sono dunque almeno altre quattro le categorie d’illecito che passano spesso dalle bucalettere:

1. L’ottenimento abusivo di permessi di soggiorno. «La società firma falsi contratti di lavoro che permettono al finto dipendente di risultare residente in Svizzera. Un’operazione utile in particolare per evadere il fisco del Paese dove in realtà si opera e si risiede o comunque per ottenere un permesso al quale non si avrebbe diritto. A volte ne conseguono delle residenze fittizie».

2. Lo sfruttamento abusivo delle assicurazioni sociali. «Un finto dipendente/residente può anche diventare un finto disoccupato e percepire vere indennità di disoccupazione. Inoltre può godere delle prestazioni di varie assicurazioni sociali: malattia, infortunio, invalidità, assicurazione complementare a copertura del reddito e assegni famigliari. Si può così avere abusivamente accesso anche a centinaia di migliaia di franchi di denaro pubblico».

3. Le truffe al credito. «Si utilizzano queste società per ottenere a credito beni e servizi che poi non si pagheranno. Un esempio classico è quello delle auto in leasing».

4. Il riciclaggio. «Nel caso più classico, i proventi di attività illecite effettuate altrove – ad esempio lo spaccio di droga – vengono registrati come pagamenti di una società del Paese di provenienza a quella bucalettere in Svizzera, contro l’emissione di fatture per servizi inesistenti, ad esempio consulenze. A quel punto il denaro sporco viene ripulito attraverso la sua dichiarazione fiscale in Svizzera, e potrà così venire utilizzato alla luce del sole».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
procuratore generale società bucalettere
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved