poche-le-segnalazioni-di-autotest-positivi
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 ore

Usi in festa per il 25esimo "Dies academicus"

L'evento, al quale hanno partecipato anche Ignazio Cassis e Manuele Bertoli, ha coinvolto un alto numero di persone, collegate online da tutto il Ticino
Bellinzonese
16 ore

Il nuovo sindaco di Quinto: 'L'aggregazione sarebbe positiva'

Per Aris Tenconi una fusione con Airolo, Dalpe, Bedretto e Prato Leventina porterebbe vantaggi a livello di turismo, infrastrutture e grandi progetti
Ticino
18 ore

In Ticino 63 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri quattro ricoveri. In quattro hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Ticino
22 ore

Dadò affonda su Speziali: ‘Non dica bugie quando sa la verità’

Il presidente del Ppd reagisce e attacca sul caso Ghisolfi ma non solo. E sul rilancio del Cantone ‘se il Plr ci sarà bene, sennò ci rivolgeremo ad altri’
Bellinzonese
1 gior

Due giovani visioni in sfida per il sindacato di Lumino

Al ballottaggio del 16 maggio i cittadini sceglieranno tra il sindaco di quindicina Alessandro Spano (Plr) e il municipale riconfermato Nicolò Parente (Ppd)
Ticino
1 gior

Rinviato il processo all'ex comandante delle guardie di confine

Il dibattimento a carico di Mauro Antonini e del già capo dello Stato maggiore si sarebbe dovuto svolgere il 20 e il 21 maggio. Competenze da chiarire
Ticino
1 gior

'Con le Preture di protezione migliorerà l'operatività del settore'

Così il giudice Lardelli, presidente della Camera del Tribunale d'appello che vigila sulle Arp. 'Urge pure la revisione della Legge sull'assistenza sociopsichiatrica'
Luganese
1 gior

Scollinando quest'anno si terrà a fine agosto

La manifestazione che unisce i Comuni della Collina Nord di Lugano, a differenza dell'anno scorso quando fu annullata, è stata posticipata
Luganese
1 gior

Lugano, s'insedia il Consiglio comunale

All'ordine del giorno il discorso del decano Ero Medolago (Lega) e la nomina dei membri delle commissioni permanenti e delle partecipate
Luganese
1 gior

Insediato il nuovo Municipio di Capriasca

L'esecutivo resta guidato da Andrea Pellegrinelli, ma vanta tre nuovi rappresentanti. Fra questi, il vicesindaco Manuel Borla.
Mendrisiotto
1 gior

L' Osservatorio astronomico dal Monte Generoso al Gurten

Presentata domanda di costruzione sulla collina che sovrasta Berna per l'osservatorio, smantellato completamente nei giorni scorsi dopo 25 anni di attività
Grigioni
1 gior

A Roveredo non ci saranno elezioni anticipate

Il Consiglio Comunale non ha accolto una proposta in tal senso. Guido Schenini (ex sindaco, ora municipale): ‘Sono deluso da chi ha fatto marcia indietro’
Bellinzonese
1 gior

Cane finisce in un crepaccio, tratto in salvo dalla Spab

In Valle Morobbia disavventura a lieto fine per una flat-gordon di sei anni, recuperata dai soccorritori dopo essere scivolata in una gola di un torrente
Ticino
09.04.2021 - 20:390

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’

“L’avrò fatto bene?”. È quello che probabilmente molte persone, alle prese con l’autotest Covid, si stanno chiedendo in questi giorni. Ma quanti sono coloro che hanno chiamato l’hotline perché risultati positivi? «Questo venerdì, delle 309 telefonate ricevute, 20 riguardavano informazioni riguardo ai test autodiagnostici, mentre i tamponi Pcr programmati da noi a seguito di un esame fai da te positivo sono stati 15», ci illustra Roberto Cianella, direttore della Federazione cantonale ticinese servizi autoambulanze (Fctsa), che gestisce l’hotline per conto del Cantone. «Quest’ultimo dato è da prendere con le pinze, perché una parte di questi 15 appuntamenti sono riconducibili a un gruppo di turisti, all’interno del quale alcuni hanno effettuato l’autotest con esito positivo, e gli altri hanno chiesto comunque di potersi sottoporre a un esame Pcr».

Il numero di chiamate che ricevete anche solo per informazioni riguardanti gli autotest ricalca le vostre aspettative? «Ci aspettavamo maggiori telefonate – risponde Cianella –. Penso che gli esami fai da te siano passati un po’ in sordina perché è la settimana di Pasqua. Prevediamo un aumento d’interesse nello strumento settimana prossima e ci auguriamo che le persone che risultano positive ci contattino per prenotare un test di conferma», aggiunge il direttore della Fctsa, dicendo inoltre che l’hotline terrà monitorato il numero di persone che telefonano per effettuare un esame Pcr a seguito del risultato positivo di quello fai da te. 

Per ora dunque la situazione sembra tranquilla. Lo è anche nelle farmacie? «Sappiamo che le persone stanno andando a ritirarli. In alcuni casi il numero di richieste è importante», riferisce il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini a ‘laRegione’. Le farmacie cercano di distribuire i sacchetti da 5, invece che i singoli test. Perché guadagnano di più», infatti dei dodici franchi che vengono fatturati per ogni autotest, circa la metà rappresentano il guadagno per grossisti e farmacisti. Margini che, per il farmacista cantonale sollecitato dalla Rsi, andrebbero ridiscussi una volta che il sistema di preparazione e distribuzione sarà rodato. Riguardo al costo intrinseco del prodotto, che varia dai 5 ai 6 franchi, Zanini ritiene che non possa essere quello normale di mercato, dato che con la decisione del Consiglio federale al fabbricante è stata concessa una potenzialità di vendita da 40–50 milioni di pezzi ogni mese, che verranno pagati dalla stessa Confederazione. 

La consegna dei test alla popolazione avanza a ritmo regolare ma non eccessivamente alto, mentre le telefonate alla hotline sono poche, perché? «Probabilmente un buon numero è ancora inutilizzato. Sento anche di diversi frontalieri che li stanno chiedendo, su domanda dei loro datori di lavoro. Probabilmente questi ultimi solleciteranno i dipendenti a sottoporsi all'esame prima di rientrare al lavoro settimana prossima», dice Zanini che aggiunge: «Non sapremo mai quale sarà la percentuale di persone che farà il proprio dovere. Cioè mettersi in isolamento e prendere contatto con l'hotline. Il Consiglio federale ha ricordato di aver puntato sulla responsabilità individuale sin dall’inizio e ha messo a disposizione gli autotest aspettandosi dalla popolazione un comportamento corretto».

Esami fai da te che per Zanini non sono così banali da effettuare. «Nulla di difficilissimo, ma può risultare ostico per alcuni». Nonostante i kit siano accompagnati dalle spiegazioni, ci sono dei rischi? «Il primo è quello di non effettuare un prelievo corretto. In secondo luogo, se si inserisce il cotton fioc in maniera verticale, invece di seguire la direzione del palato, ci si può far male. L’indicazione comunque è quella di entrare solo due centimetri nella narice».

Riguardo alla presa di posizione di una farmacista del Mendrisiotto, scettica riguardo all’uso in autonomia di questo dispositivo, Zanini risponde: «Credo abbia fatto un errore. Io ho obbligato le farmacie a fare un corso pratico per imparare a fare il prelievo perché l'esame professionale è di tipo naso–faringeo, che richiede una certa abilità in quanto si va in profondità ed è fastidioso per chi lo subisce. Gli autotest invece sono prelievi nasali, non si va in profondità».

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved