ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
54 min

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
54 min

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
1 ora

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
1 ora

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
3 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
3 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
10 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
13 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
laR
 
09.04.2021 - 05:30

L’immobiliare è andato meglio delle attese

L’anno scorso le transazioni sono aumentate del 4,5% rispetto al 2019. La paura dell’inflazione sta però spingendo al rialzo i tassi ipotecari

di Generoso Chiaradonna
l-immobiliare-e-andato-meglio-delle-attese
Archivio Ti-Press
Domanda di immobili residenziali ancora elevata

Nonostante i timori generati dalla pandemia di coronavirus, il mercato immobiliare ticinese ha retto. Anzi, ha fatto segnare un aumento delle transazioni del +4,5% rispetto al 2019. È il dato che emerge dalla statistica delle transazioni immobiliari dell’Ustat ripreso da Brülhart & Partners. Eppure la prima parte dell’anno ha fatto temere per la tenuta del settore facendo registrare un calo del -8,9% delle compravendite rispetto allo stesso periodo del 2019. Da giugno a dicembre, con il ritorno alla normalità dopo il periodo di lockdown, si è invece assistito a una ripresa progressiva che ha determinato una variazione del +17,8% rispetto all’anno precedente.

E sul fronte dei prezzi? Stessa dinamica. Nonostante l’iniziale calo delle transazioni, i valori nominali degli oggetti transati non si sono discostati in maniera significativa. Nell’ultima parte dell’anno, segnala Brülhart nella ricerca di mercato, i prezzi sono cresciuti del +8,5%. Un dato che conferma che anche nel 2020 la domanda di immobili è restata alta facendo aumentare i prezzi soprattutto nel segmento residenziale. In calo invece la domanda degli appartamenti in affitto. La pandemia di coronavirus, invece, ha avuto un ruolo nel cambiamento della domanda: si ricercano superfici maggiori e l’accesso agli spazi verdi. Anche l’home office, notano gli esperti di Brülhart, sta spingendo la domanda in periferia verso zone che presentano un livello di prezzi più accessibile se confrontato con i centri urbani.

Sul fronte dell’offerta residenziale, considerando l’elevato numero di nuove costruzioni recentemente terminate di cantieri ancora in corso, gli effetti del rallentamento dell’attività edilizia si stanno verificando più lentamente in Ticino rispetto al resto della Svizzera dove il calo delle domande di costruzione ha registrato un -10% per gli appartamenti e -3,2% pre le case di unifamiliari. Il numero di licenze edilizie ha subito una diminuzione del -2,9% per gli appartamenti di proprietà e -0,8% per le case unifamiliari, rispetto all’intero 2019.

Timori dell’inflazione e l’incognita tassi ipotecari

I tassi ipotecari rimangono a livelli storicamente bassi, ma si incominciano a percepire segnali di inversione di tendenza. Lo registra il barometro Ipoteche di Comparis per il primo trimestre. All’inizio dell’anno i tassi indicativi per i mutui a dieci anni erano appena superiori all’1%, per poi attestarsi all’1,21% a fine marzo. Livelli così alti, scrivono gli esperti di Comparis, non si vedevano da più di un anno. Nel primo trimestre del 2020, spinti dallo shock del coronavirus i tassi ipotecari erano saliti all’1,19%. Meno forte è stato l’aumento dei tassi indicativi per le ipoteche a cinque e a due anni (0,92% e 0,86%) che sono ancora inferiori ai livelli del primo trimestre 2020.

La fine probabile della pandemia di Covid-19 sta alimentando le aspettative di un boom economico globale, spiegano gli esperti di Comparis. Il rovescio della medaglia è che inizia a farsi sentire la paura dell’inflazione con il conseguente aumento dei tassi sul mercato dei capitali. Se questi ultimi aumentano, spingono al rialzo anche i costi di rifinanziamento delle ipoteche.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved