la-lega-rilancia-bloccare-i-permessi-g
Vicecapogruppo in Gran Consiglio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
27 min

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
29 min

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
32 min

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
35 min

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
1 ora

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
2 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
3 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
30.03.2021 - 21:05

La Lega rilancia: bloccare i permessi G

Crisi occupazionale, mozione di Sabrina Aldi: 'E per il settore pubblico e parapubblico preferenza indigena o obbligo di trasferirsi in Ticino entro due anni

Oltre all'emergenza Covid, in Ticino "permane" quella occupazionale, "già presente prima della pandemia ma che rischia di essere ancora più 'violenta' e di mietere più 'vittime' nel periodo post pandemico". Motivo per cui con una mozione presentata per il gruppo della Lega, Sabrina Aldi "ribadisce la richiesta di attuare un blocco sul rilascio di nuovi permessi G (frontalieri ndr). Qualora non fosse possibile reperire manodopera indigena, per il settore pubblico e parapubblico, e più in generale per tutti quei settori che ricevono finanziamenti pubblici, si chiede che venga introdotto l’obbligo di spostare il proprio domicilio in Ticino entro due anni dall’assunzione" 

Richiamando i dati (corretti) dell'Ufficio federale di statistica, Aldi osserva che "ben un posto di lavoro su quattro è stato perso in Ticino". A "preoccupare" è soprattutto il terziario: "Infatti, dei 3'500 impieghi persi a livello nazionale nel terziario, il nostro cantone ne ha persi ben 3'100, la stragrande maggioranza!», evidenzia la vicecapogruppo della Lega in Gran Consiglio. "Non è poi possibile sottacere che ben 2'900 posti di lavoro sono stati persi dalle donne, che oltre a essere meno pagate, sono quindi anche le prime a essere licenziate", aggiunge Aldi. Nell'aprile 2020, ricorda la deputata, il movimento di via Monte Boglia ha chiesto un blocco del rilascio di nuovi permessi G "proprio in vista della crisi occupazionale". L'atto parlamentare non è stato però ancora evaso. Con la nuova mozione, scrive Aldi, si ribadisce la richiesta.

"Per quanto riguarda invece il settore pubblico e parapubblico, è fondamentale - considera la parlamentare leghista - che venga applicata in maniera rigorosa la preferenza indigena e che non vengano più rilasciati nuovi permessi G. Qualora non si riuscisse a reperire sul nostro territorio manodopera qualificata e fosse necessario assumere personale frontaliero, si chiede che venga introdotto l’obbligo di trasferirsi in Ticino entro due anni dall'assunzione". 

Annota ancora Aldi: "In una crisi occupazionale senza precedenti, che tocca in maniera importante il terziario, è necessario avere il coraggio di prendere decisioni forti a tutela della nostra popolazione e dei nostri cittadini. Questa pandemia ha modificato gli assetti a livello mondiale e la libera circolazione è stata ripetutamente sospesa dalle altre nazioni per tutelare la salute. Ora, si tratta di fare la stessa cosa per salvare il nostro mercato del lavoro". Secondo la deputata, le misure proposte con la mozione "potrebbero rilanciare il mercato del lavoro, i consumi interni e risolvere il gravoso problema dello sfitto, ma sarebbe soprattutto una misura di equità per la popolazione ticinese". 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crisi occupazionale preferenza indigena sabrina aldi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved