ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
38 min

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
56 min

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
1 ora

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
2 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
2 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
3 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
4 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
6 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
12.03.2021 - 21:14

'Più leggi e conflitti: serve un numero adeguato di magistrati'

Il presidente dell'Ordine degli avvocati sul potenziamento della Procura: bene, ma oggi anche in ambito civile e amministrativo si è oberati di lavoro

piu-leggi-e-conflitti-serve-un-numero-adeguato-di-magistrati
Gianluca Padlina (Ti-Press)

«Certo, questa pandemia mette e metterà a dura prova anche le finanze del Cantone, ma quello della giustizia è fra i settori che meno si prestano a esercizi di risparmio. Il potenziamento del Ministero pubblico su cui si pronuncerà finalmente e a breve il Gran Consiglio nonché il recente orientamento della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ a favore della reintroduzione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi ci trovano quindi senz’altro d’accordo», afferma il presidente dell’Oati, l’Ordine ticinese degli avvocati, Gianluca Padlina.

Riguardo all’attribuzione di due procuratori in più al Ministero pubblico, il Legislativo deciderà nella sessione che si apre dopodomani. A meno di sorprese, il via libera ai rinforzi pare una formalità. «A suo tempo - ricorda Padlina - l’Oati aveva auspicato un potenziamento con un numero maggiore di pp, considerati il notevole quantitativo di nuovi incarti che annualmente finisce sotto la lente della Procura e il confronto tra le autorità giudiziarie di perseguimento penale dei vari cantoni per quel che concerne il numero medio di dossier per magistrato. Ad ogni modo - sottolinea il responsabile dell’Ordine degli avvocati - due procuratori ordinari in più costituiscono una buona base di partenza. A breve, medio termine si vedrà se sono sufficienti». Restando in tema di risorse, lunedì la ’Giustizia e diritti’ ha discusso dell’eventuale reintroduzione del quarto gpc all’Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi, cui è stato tolto un magistrato nell’ambito del programma di risparmi del 2016 confezionato da Consiglio di Stato e parlamento per risanare le casse cantonali. A sollecitare il "ripristino" del quarto giudice è un’iniziativa parlamentare inoltrata nel dicembre 2018 dal socialista Raoul Ghisletta e dall’allora deputato indipendente Jacques Ducry. La commissione sarebbe propensa a riportare a quattro i giudici dei provvedimenti coercitivi. Se ne saprà di più dopo l’audizione del presidente dei gpc da parte della ’Giustizia e diritti’ e ulteriori approfondimenti. «Spero che la commissione non cambi idea e proponga al più presto al Gran Consiglio di dare luce verde al ripristino del quarto magistrato - riprende Padlina -. Come Ordine, del resto, avevamo criticato il taglio». Lo aveva fatto nero su bianco il Consiglio dell’Oati, l’organo esecutivo dell’Ordine degli avvocati, rammentando che il giudice dei provvedimenti coercitivi "è una delle figure chiave a garanzia e verifica del rispetto della libertà e dei diritti costituzionali di tutti i cittadini”. Le sue competenze «sono molteplici e delicate», evidenzia Padlina: «Convalida o no gli arresti ordinati dalla Procura, approva o meno le istanze di proroga della detenzione preventiva o di scarcerazione, ma autorizza o meno anche i controlli telefonici: questi e altri i provvedimenti sui quali l’Ufficio del gpc è tenuto a deliberare, spesso nel giro di una manciata di ore. E per la qualità delle sue decisioni, è importante che disponga dell'organico necessario».

L’obiezione è ricorrente e scontata: ogni potenziamento ha un costo. «È però nell’interesse dell’intera collettività - osserva il presidente dell’Ordine degli avvocati - poter contare su una magistratura in grado di produrre decisioni in tempi ragionevoli. Il che dipende sì dalla preparazione e dalle capacità dei singoli magistrati, ma anche dal loro numero. Si possono avere i migliori giudici e procuratori del mondo, ma se sono sommersi dagli incarti rischiano di prendere decisioni sbagliate o tardive. E dunque di non riuscire ad adempiere il fondamentale compito loro assegnato: erogare giustizia nei modi e nei tempi auspicati. Non solo nel settore penale, ma pure in ambito civile e amministrativo ci sono autorità giudiziare oggi oberate di lavoro». L’efficiente e corretto funzionamento della giustizia «è una delle condizioni quadro che determinano l'attrattività e la competitività di un Paese».

C’è un altro aspetto su cui Padlina richiama l'attenzione: «La politica sforna sempre più leggi e regolamenti, che accrescono il potenziale di conflitti e controversie. Anche per questo la magistratura ha bisogno di risorse adeguate».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved