GOLUBIC V. (SUI)
0
ZHANG S. (CHN)
0
1 set
(0-0)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
4
3. tempo
(3-0 : 0-2 : 0-2)
piu-leggi-e-conflitti-serve-un-numero-adeguato-di-magistrati
Gianluca Padlina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
54 min

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Locarnese
54 min

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Ticino
54 min

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Bellinzonese
8 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
9 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
10 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
10 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
10 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
11 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
11 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
11 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
12.03.2021 - 21:140

'Più leggi e conflitti: serve un numero adeguato di magistrati'

Il presidente dell'Ordine degli avvocati sul potenziamento della Procura: bene, ma oggi anche in ambito civile e amministrativo si è oberati di lavoro

«Certo, questa pandemia mette e metterà a dura prova anche le finanze del Cantone, ma quello della giustizia è fra i settori che meno si prestano a esercizi di risparmio. Il potenziamento del Ministero pubblico su cui si pronuncerà finalmente e a breve il Gran Consiglio nonché il recente orientamento della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ a favore della reintroduzione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi ci trovano quindi senz’altro d’accordo», afferma il presidente dell’Oati, l’Ordine ticinese degli avvocati, Gianluca Padlina.

Riguardo all’attribuzione di due procuratori in più al Ministero pubblico, il Legislativo deciderà nella sessione che si apre dopodomani. A meno di sorprese, il via libera ai rinforzi pare una formalità. «A suo tempo - ricorda Padlina - l’Oati aveva auspicato un potenziamento con un numero maggiore di pp, considerati il notevole quantitativo di nuovi incarti che annualmente finisce sotto la lente della Procura e il confronto tra le autorità giudiziarie di perseguimento penale dei vari cantoni per quel che concerne il numero medio di dossier per magistrato. Ad ogni modo - sottolinea il responsabile dell’Ordine degli avvocati - due procuratori ordinari in più costituiscono una buona base di partenza. A breve, medio termine si vedrà se sono sufficienti». Restando in tema di risorse, lunedì la ’Giustizia e diritti’ ha discusso dell’eventuale reintroduzione del quarto gpc all’Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi, cui è stato tolto un magistrato nell’ambito del programma di risparmi del 2016 confezionato da Consiglio di Stato e parlamento per risanare le casse cantonali. A sollecitare il "ripristino" del quarto giudice è un’iniziativa parlamentare inoltrata nel dicembre 2018 dal socialista Raoul Ghisletta e dall’allora deputato indipendente Jacques Ducry. La commissione sarebbe propensa a riportare a quattro i giudici dei provvedimenti coercitivi. Se ne saprà di più dopo l’audizione del presidente dei gpc da parte della ’Giustizia e diritti’ e ulteriori approfondimenti. «Spero che la commissione non cambi idea e proponga al più presto al Gran Consiglio di dare luce verde al ripristino del quarto magistrato - riprende Padlina -. Come Ordine, del resto, avevamo criticato il taglio». Lo aveva fatto nero su bianco il Consiglio dell’Oati, l’organo esecutivo dell’Ordine degli avvocati, rammentando che il giudice dei provvedimenti coercitivi "è una delle figure chiave a garanzia e verifica del rispetto della libertà e dei diritti costituzionali di tutti i cittadini”. Le sue competenze «sono molteplici e delicate», evidenzia Padlina: «Convalida o no gli arresti ordinati dalla Procura, approva o meno le istanze di proroga della detenzione preventiva o di scarcerazione, ma autorizza o meno anche i controlli telefonici: questi e altri i provvedimenti sui quali l’Ufficio del gpc è tenuto a deliberare, spesso nel giro di una manciata di ore. E per la qualità delle sue decisioni, è importante che disponga dell'organico necessario».

L’obiezione è ricorrente e scontata: ogni potenziamento ha un costo. «È però nell’interesse dell’intera collettività - osserva il presidente dell’Ordine degli avvocati - poter contare su una magistratura in grado di produrre decisioni in tempi ragionevoli. Il che dipende sì dalla preparazione e dalle capacità dei singoli magistrati, ma anche dal loro numero. Si possono avere i migliori giudici e procuratori del mondo, ma se sono sommersi dagli incarti rischiano di prendere decisioni sbagliate o tardive. E dunque di non riuscire ad adempiere il fondamentale compito loro assegnato: erogare giustizia nei modi e nei tempi auspicati. Non solo nel settore penale, ma pure in ambito civile e amministrativo ci sono autorità giudiziare oggi oberate di lavoro». L’efficiente e corretto funzionamento della giustizia «è una delle condizioni quadro che determinano l'attrattività e la competitività di un Paese».

C’è un altro aspetto su cui Padlina richiama l'attenzione: «La politica sforna sempre più leggi e regolamenti, che accrescono il potenziale di conflitti e controversie. Anche per questo la magistratura ha bisogno di risorse adeguate».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved