ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
47 min

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
3 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
laR
 
01.03.2021 - 06:00
Aggiornamento: 12:49

Speziali (Plr): ‘Al Ppd mancano coerenza e fosforo’

Il presidente liberale radicale risponde agli attacchi di Dadò sulla giustizia. Nomina popolare dei magistrati? 'Proposta impulsiva e già bocciata in aula'

speziali-plr-al-ppd-mancano-coerenza-e-fosforo
Ti-Press

«Mi conceda un richiamo alla coerenza. A meno di un calo di fosforo, Dadò si ricorderà che nel mese di ottobre per il Tribunale penale cantonale è stata orchestrata l’elezione di Siro Quadri, area Ppd, quando invece la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ aveva optato per la candidata Frequin Taminelli». La miccia è accesa da tempo sul tema giustizia: preavvisi negativi del Consiglio della magistratura alla rielezione di cinque procuratori pubblici, i messaggi inviati dal presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani al procuratore generale Andrea Pagani, le polemiche e i dibattiti al fulmicotone in ‘Giustizia e diritti’ prima sul rinnovo del Ministero pubblico, poi sull’elezione del nuovo pretore di Vallemaggia. Una miccia che, a furia di bruciare, è sempre più corta. E il presidente del Plr Alessandro Speziali, a colloquio con laRegione, risponde per le rime al presidente del Ppd Fiorenzo Dadò che sabato sul nostro giornale ha sentenziato: “In commissione ‘Giustizia e diritti’ non si può più lavorare”. Di più: “Manca la fiducia tra i partiti”. Il bersaglio nel mirino di Dadò: “L’atteggiamento di alcuni deputati del Plr, non solo in occasione dell’elezione del pretore di Vallemaggia, ma anche lo scorso autunno nella procedura di rinnovo del Ministero pubblico”.

Partiamo da qui, Speziali. L’accusa rivolta al suo partito è netta. Come replica?

C’è una difficoltà in quella commissione, è vero. Sia tra partiti, sia tra persone. Quale colpa viene data al Plr? Forse di aver avuto la coerenza e la cocciutaggine di non voler confermare i famosi cinque procuratori pubblici preavvisati negativamente, mettendo in imbarazzo gli altri partiti. Per noi l’autorevolezza e la competenza vengono prima di tutto. Forse alcuni nostri commissari l’hanno ricordato in maniera un po’ ruvida durante le riunioni, ma siamo tutti adulti.

Passando a storia della settimana scorsa, l’altro grande j’accuse di Dadò è il vostro comportamento in merito alla pretura di Vallemaggia che è finita con la scelta da parte del parlamento di Petra Vanoni, area Plr, e non di Manuel Bergamelli, indicato dalla commissione ‘Giustizia e diritti’. Ha già ricordato la questione dell’elezione di Quadri come quinto giudice del Tpc, ma immagino non finisca qui.

Per niente. Innanzitutto faccio notare che la proposta uscita dalla commissione per la pretura di Vallemaggia era una proposta politica, infatti il giudizio tecnico degli esperti nel loro rapporto non dice da nessuna parte che il candidato ufficiale fosse più adatto della candidata Plr, anzi. Anzi. Il Ppd non aveva una propria candidatura ritenuta idonea. Quindi, il fatto che Vanoni fosse una candidata di valore, con grande esperienza nel penale e un Cas all’Accademia svizzera della magistratura per consolidare l’ambito civile, ha portato molti parlamentari di tutti i colori a votarla. Forse anche perché, perlomeno a parità di competenze, il voto di genere ha giocato un ruolo.

Dice, quindi, che il gioco politico non può arrivare ovunque?

Forse Dadò si aspettava un’efficacia migliore del proprio diktat su Bergamelli, ritenendo il Ppd detentore politico ‘sine die’ della pretura a Cevio. Se in quota popolare democratica non c’era nessuno ritenuto idoneo tra i candidati, è legittimo che ogni forza politica presenti le proprie candidature. A patto, ça va sans dire, che siano competenti e autorevoli.

Sulla proposta di elezione popolare dei magistrati formulata sempre a ‘laRegione’ da Dadò come si posiziona?

L’importante è tornare a lavorare bene, senza ripicche e livori. Il Ppd e la Lega sono liberissimi di spingere in campagna elettorale procuratori pubblici e giudici in carica o che ambiscono a diventarlo, riproponendone l’elezione popolare. Ricordo sommessamente che nel 2017 tale proposta fu bocciata dal Gran Consiglio, votando il rapporto di maggioranza del capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni che la avversava. Secondo me si tratta di una proposta impulsiva, che non allontana la politica dalle scelte e che non fa onore al peso del curriculum vitae di ogni donna e ogni uomo che ambisce a dare il proprio contributo alla giustizia ticinese.

Teme nubi plumbee in vista del potenziamento del Ministero pubblico e quindi sulla nomina di due procuratori pubblici aggiuntivi?

Saranno eletti, mi auguro, senza patemi d’animo. Sono convinto che ci saranno proposte persone capaci e quindi la nostra crocetta l’apporremo con forza e con il pennarello indelebile, a costo di macchiare il banco. Vorrei evitare, soprattutto, altre polemiche sulla giustizia: le cronache partitiche in quest’ambito non devono appartenere alla nostra tradizione istituzionale. Affrontiamo l’uscita dalla pandemia, che ha già sbranato migliaia di posti di lavoro e allargato il malessere sociale. Queste querelles sono incomprensibili per i cittadini preoccupati per la propria attività e che chiedono risposte a una Politica con la P maiuscola. 

Leggi anche:

'A questo punto meglio l'elezione popolare dei magistrati'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved