ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
16 min

Chiasso, maccheroni offerti davanti allo schermo gigante

L’evento è in programma venerdì 9 dicembre nello chalet di piazza Bernasconi. Organizzano gruppo Urani e rioni
Mendrisiotto
50 min

Mendrisio, distinzione comunale a Gardi Hutter

Dopo due anni di sospensione forzata, torna la cerimonia di fine anno. Migliore sportivo è Martino Valsangiacomo
Mendrisiotto
59 min

Chiasso celebra la Giornata del volontariato

Le associazioni attive sul territorio sono state accolte il 5 dicembre al Cinema Teatro
Luganese
1 ora

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
6 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
6 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
11 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
14 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
15 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
16 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
22.02.2021 - 18:14
Aggiornamento: 20:59

Cassa malati, De Rosa: Berna ci sente, ma la strada è in salita

Le iniziative del Canton Ticino per frenare l'aumento dei premi, il consigliere di Stato in audizione dalla Commissione sanità della Camera alta

cassa-malati-de-rosa-berna-ci-sente-ma-la-strada-e-in-salita

«L’interesse sulle iniziative cantonali è stato suscitato, questa perlomeno la mia impressione. Da parte dei parlamentari sono state poste diverse domande. Al momento non voglio però essere eccessivamente ottimista. La strada è infatti in salita: in questo particolare settore gli interessi in gioco sono infatti molti». Raggiunto dalla ‘Regione’, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa è reduce dall’audizione, stamattina a Berna, davanti alla Commissione sicurezza sociale e sanità del Consiglio degli Stati sulle tre iniziative cantonali proposte dal Dss e sottoscritte dal Gran Consiglio nel dicembre 2019 per cercare di frenare l’aumento (costante) dei premi di cassa malati (l’ultimo in Ticino, in ordine di tempo, è stato del 2,1 per cento, il più alto in Svizzera). Bellinzona chiede alle Camere federali di intervenire sulla LVAMal, la controversa Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione malattie, con puntuali modifiche. Le iniziative propongono una serie di correttivi a tre articoli per conseguire altrettanti obiettivi: ‘Più forza ai Cantoni’, ‘Per riserve eque e adeguate’, ‘Per premi conformi ai costi’. Riguardo alle riserve, il Ticino chiede di inserire all’articolo 14 della LVAMal un capoverso secondo cui “Le riserve di un assicuratore sono reputate eccessive se risultano superiori al 150% del limite normativo. In presenza di riserve eccessive, l’assicuratore è tenuto a operare una riduzione delle riserve sino al raggiungimento di tale soglia”.

All’audizione hanno preso parte, oltre a De Rosa, Lukas Engelberger, presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità, e i consiglieri di Stato responsabili della salute pubblica di Ginevra, Friburgo e Giura, cantoni che hanno già votato iniziative simili a quelle ticinesi. «Per noi iniziativisti - riprende il consigliere di Stato ticinese - è importante che vi sia un’adesione di principio alle nostre proposte e che quindi Berna riconosca il livello eccessivo delle riserve, che adesso supera globalmente gli 11 miliardi di franchi, da ricondurre anche alla nuova Legge sulla vigilanza che da quando è in vigore non funziona come dovrebbe funzionare, se è vero come è vero che negli ultimi tre anni si è avuto un incremento delle riserve di quasi 4 miliardi». Il presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità, prosegue De Rosa, «ha portato stamattina il proprio sostegno all’orientamento delle tre iniziative ticinesi, dicendo anche che la prospettata nuova modifica dell’Ordinanza, la OVAMal, è ritenuta dalla stessa Conferenza un passo nella giusta direzione ma insufficiente, visto che agli assicuratori si dà ancora la possibilità su base volontaria di ridurre le riserve e di restituire quanto è stato pagato in eccesso per i premi. Nessun obbligo, come invece chiedono le iniziative ticinesi, e nessun livello delle riserve oltrepassato il quale si procede alla restituzione, mentre noi proponiamo, per esempio, il 150 per cento. Già oggi esiste la facoltà per gli assicuratori di ridurre e restituire, ma sono troppo poche le casse malati che lo fanno».
Adesso è la Commissione sanità degli Stati che deve fissare la tabella di marcia. «La palla è nel campo del parlamento federale: spero - commenta De Rosa - che possa procedere celermente e prendere una decisione sulle iniziative in tempi brevi. Il tema è comunque conosciuto: fondamentalmente chiediamo di ristabilire alcuni paletti, alcuni criteri che erano in vigore prima della rivista Legge federale sulla vigilanza. Paletti come per esempio il convolgimento dei Cantoni su costi e tariffe prima dell’approvazione dei premi».

Da noi interpellata, la consigliera agli Stati socialista Marina Carobbio Guscetti, membro della Commissione della sicurezza sociale e della sanità, si limita ad affermare che la commissione si pronuncerà domani sul tema.

 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved