ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
3 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
5 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
5 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
13 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
17 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
18 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
18 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
19 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
19 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
20 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
20 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
21 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
1 gior

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
2 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
2 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
2 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
2 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
laR
 
08.02.2021 - 22:31
Aggiornamento: 09.02.2021 - 10:24

Meno auto nuove sulle strade, onda verde o pochi soldi?

Il balzo avanti di autovetture ibride ed elettriche in Ticino è un ottimo segno ma ci vorranno almeno 20 anni per avere una mobilità elettrica

meno-auto-nuove-sulle-strade-onda-verde-o-pochi-soldi
L'elettrico piace ma ci vuole una maggiore spinta (Keystone)

Per chi non ne può di stare in coda c’è una buona notizia. In Ticino circolano meno autovetture, ed è un trend ormai consolidato che si osserva per il terzo anno consecutivo, come ci spiega Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio. La notizia è salutare anche per il clima: migliorerà davvero l’aria che respiriamo? Viene da essere ottimisti, osservando i dati appena pubblicati sulle nuove immatricolazioni nel 2020: un’auto nuova su quattro in Ticino non deve fare il pieno di benzina o diesel, c’è insomma un boom di ibride ed elettriche. Una moda passeggera o un trend consolidato? Nessuno ha la sfera di cristallo, ma l’esperto grazie a una dettagliata radiografia del parco automobilistico ticinese tratteggia qualche tendenza in un cantone multimotorizzato, dove un’economica domestica su tre ha due o più auto. Se l’onda verde dovesse continuare, per De Gottardi, tra 20-25 anni potremmo avere un Ticino con un parco veicoli elettrico. Ma bisogna darsi da fare per implementare il piano di riduzione delle emissioni di CO2. A giugno andremo a votare sulla nuova legge sul CO2, che fissa limiti di emissione più stringenti per ridurre gradualmente il consumo di carburante. Mentre vari settori hanno fatto sforzi per ridurre le emissioni, quello dei trasporti è la pecora nera, che ha marciato sul posto. Il traffico motorizzato individuale mangia il 36% dell’energia finale. Dunque c’è molta strada ancora da fare.

Le cifre appena pubblicate dall’Ufficio federale di statistica sulle nuove immatricolazioni e sul parco veicoli per il 2020 mettono in evidenza alcune tendenze in Ticino: la riduzione di auto e moto immatricolate nel 2020 e il balzo avanti di ibride ed elettriche, anche se benzina e diesel continuano a fare la parte del leone. Cifre sicuramente incoraggianti ma siamo ancora ben lontani da una svolta verde, da un ‘Ticino elettrico’.

Meno residenti, meno soldi e meno auto 

Vediamo nel dettaglio: le nuove immatricolazioni del 2020 calano in Ticino del 21,7% e sul piano nazionale del 23,7%. “In Ticino il numero di automobili diminuisce per il terzo anno consecutivo (dalle 225’337 nel 2017 siamo scesi alle 222’391 del 2020, ossia 2’946 in meno). Sul piano nazionale la crescita è invece continuata, nonostante le minori immatricolazioni del 2020, anche se con tassi ormai inferiori rispetto al passato”, analizza De Gottardi. La pandemia ha sicuramente raggelato la voglia di spendere soldi: “Lo si deduce dalla ben più massiccia riduzione constatata in primavera rispetto al periodo successivo. Molto verosimilmente nei mesi seguenti anche l’aspetto finanziario ha giocato un ruolo inducendo a rinunciare o perlomeno a rinviare l’acquisto di un nuovo veicolo o a non sostituirne uno già disponibile”. Anche motocicli e ciclomotori in circolazione calano: “In Ticino la tendenza è confermata al ribasso per motociclette (-0,8%) e motocicli (-4,8%) mentre in Svizzera l’incremento prosegue per entrambe le categorie”. Forse azzarda l’esperto si iniziano anche a vedere in Ticino i risultati di anni di sensibilizzazione verso una mobilità più pulita, con la promozione delle navette aziendali, dei treni transfrontalieri, il potenziamento dei mezzi pubblici, il car pooling (condivisione di auto private tra più persone) e la promozione della mobilità lenta. “Rimane aperto il quesito a sapere se questa spinta sarà confermata nei prossimi anni, se deriva dalla diminuzione della popolazione residente che si osserva in Ticino dal 2017 o da mutati comportamenti nella mobilità favoriti dallo sviluppo degli spostamenti pedonali e in bicicletta e dalla promozione dei trasporti pubblici oppure ancora dall’incertezza e dalle difficoltà economiche di individui e famiglie”.

Passiamo ora al carburante dalle nuove auto immatricolate lo scorso anno; in Ticino diminuiscono quelle a benzina (- 35,7%) e a diesel (-28,9%), mentre compiono un balzo in avanti ibride (+71%) ed elettriche (+75 per cento).

Un’auto su quattro è verde

“Si ritagliano circa un quarto del totale delle nuove immatricolazioni con una quota del 19,5% rispettivamente del 6%. Nel 2015 insieme non arrivavano al 5% del totale. Non è una completa sorpresa in quanto negli ultimi anni già si erano manifestati segnali di un riorientamento del mercato. A sorprendere ora è tuttavia la velocità che sembra si stia imprimendo alla progressione: la loro incidenza sul totale delle nuove immatricolazioni è raddoppiata rispetto al 2019”. C’è ancora molta strada da fare. “Se osserviamo la composizione del parco automobilistico ticinese secondo il carburante utilizzato si constata che l’incidenza della trazione elettrica sul complesso costituisce ancora una parte del tutto trascurabile. Nel 2020 con 1’689 automobili elettriche raggiunge infatti solo lo 0,8 % del totale; le ibride sono 8’854 e arrivano al 4%. Sul piano nazionale i valori incidentali sono analoghi”.

Se ci poniamo nell’ottica degli obiettivi della strategia energetica 2050 e del Protocollo di Kyoto sulla riduzione delle emissioni di CO2, che postulano l’abbandono delle energie fossili ed emissioni neutre di CO2 entro il 2050, siamo ben lontani dal traguardo e proprio la mobilità è la pecora nera: “In Svizzera circa il 30% delle emissioni di CO2 è generato dal traffico, e in modo particolare dalla circolazione automobilistica. Il traffico motorizzato individuale consuma il 36% dell’energia finale. Mentre a partire dal 1990 si sono registrati significativi successi nella riduzione delle emissioni nel settore industriale, nelle economie domestiche, nell’agricoltura e nei servizi, nel settore dei trasporti si è invece marciato sul posto. L’obiettivo della diminuzione del consumo di carburanti fossili e delle emissioni è ancora lontano. Un aspetto centrale in questa ottica è la promozione di energie alternative. La ricerca scientifica in questa direzione sta profondendo grossi sforzi: per la concezione dei motori elettrici e delle batterie, per lo sviluppo della propulsione a idrogeno e per l’impiego di carburanti sintetici. La situazione è in piena evoluzione”. In questo quadro la stabilizzazione e possibilmente la riduzione del parco automobilistico, soprattutto in un Cantone che vanta una delle maggiori densità rispetto alla popolazione in tutta la Svizzera, è dunque un segnale positivo. Analogamente può essere guardata l’evoluzione per i motocicli e i ciclomotori, peraltro protagonisti di ancora tanti incidenti.

Tutti i nodi dell’elettrico 

L’elettrico è un pilastro centrale della mobilità verde del futuro ma ci sono ancora problemi da risolvere, soprattutto per quanto riguarda ad esempio l’origine della corrente elettrica usata per costruzione, esercizio e produzione dei veicoli; il riciclaggio delle batterie, che contengono metalli pesanti: “I progressi tecnici compiuti in termini di autonomia sono significativi, la diffusione dei punti di rifornimento (a cominciare da quelli a domicilio e sul posto di lavoro) ha preso più slancio, la ricarica è diventata più veloce. I costi si sono ridotti restando tuttavia elevati, senza che peraltro siano stati fugati tutti i dubbi sull’effettiva impronta e compatibilità ecologica dell’intero processo di produzione, esercizio ed evacuazione finale dei veicoli. Se la produzione dell’energia elettrica necessaria avviene attraverso fonti rinnovabili il bilancio sembra comunque volgere al positivo. In Svizzera il ‘mix’ di sorgenti energetiche pulite potenzialmente disponibile appare favorevole”. Tenendo conto dei nuovi gusti verdi degli automobilisti ticinesi e del progresso dell’elettrico che lo rende più accessibile, si può ipotizzare (o forse sognare) di avere un parco veicoli sostenibile tra 20 anni. “Direi che il Ticino potrebbe ambire a un parco veicoli integralmente elettrico attorno al 2045, se si consolidasse la tendenza degli ultimi cinque anni, che evidenzia una crescita esponenziale. Per giungere alla meta non basta tuttavia confermare gli impegni degli ultimi anni ma occorre rafforzarli e completarli con quanto le misure postulate dalla strategia energetica nazionale e dal piano di riduzione delle emissioni di CO2, in cui informazione, ricerca e incentivi per favorire la svolta si affiancano e si completano. La nuova legge sul CO2 ne è una componente a parte intera”.


Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved