i-test-covid-rapidi-generano-falsa-sicurezza
Ti-Press
Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
4 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
8 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
8 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
8 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
14 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
16 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
17 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
18 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
laR
 
27.01.2021 - 18:51
Aggiornamento: 19:59

‘I test Covid rapidi generano falsa sicurezza’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa (Dss) sollecita chiarezza scientifica sulla proposta del Consiglio federale di testare a tappeto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un deciso cambio di rotta e di strategia in materia di test Covid e quarantene, quello presentato dal Consiglio federale. Da oggi la Confederazione si assumerà i costi dei test anche per le persone senza sintomi, mentre a partire dall’8 febbraio sarà possibile terminare la quarantena già a partire dal settimo giorno, ma solo in caso di tampone negativo. Chi arriva dall’estero per via aerea o da una regione a rischio dovrà pure presentare la prova di un test Pcr negativo effettuato non più di 72 ore prima. Eccezioni sono previste per i lavoratori frontalieri e chi viene dalle zone di confine con la Svizzera. Per questi ultimi non sarà richiesto nessun test.

La decisione di allargare il numero di persone da testare era nell’aria. Un modo per cercare di depistare il numero più elevato di positivi e asintomatici. «Il Ticino da mesi ormai testa una media di poco meno di mille persone al giorno », afferma Raffaele De Rosa, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss). «In casi puntuali, penso alla casa per anziani di Balerna o alla Scuola media di Morbio Inferiore, abbiamo fatto test a tappeto estesi sia alle persone direttamente coinvolte, sia a tutti i contatti in senso ampio. È stato, per esempio, il caso dell’invito rivolto alla popolazione del Mendrisiotto di recarsi presso il locale check-point per farsi testare. Da questo punto di vista la proposta del Consiglio federale conferma la correttezza della nostra strategia», aggiunge De Rosa il quale precisa che ora il Cantone Ticino ha tempo fino all’8 di febbraio «per capire come estendere ulteriormente questa indicazione».

Così facendo il numero di positivi e di asintomatici è destinato a crescere. «È vero si scopriranno più casi, ma per rimanere agli asintomatici bisognerà capire meglio anche cosa intende la Confederazione. I test rapidi non sono sufficienti perché nelle persone asintomatiche c’è un elevato numero di falsi positivi e di falsi negativi», risponde il direttore del Dss. Le indagini di depistaggio effettuate fino a oggi in Ticino sono sempre state fatte ricorrendo al tampone Pcr, molto più preciso. «Da questo punto di vista auspichiamo che si possa procedere con delle indicazioni chiare anche dal punto di vista scientifico sull’efficacia di questi test soprattutto se questi dovranno essere ripetuti nel tempo, perché sennò si scatta una fotografia puntuale sì, ma incompleta generando una falsa sicurezza. E non è questo lo scopo dell’operazione».

Inoltre, con le indicazioni della Confederazione, sarà possibile presentare un piano cantonale di test a tappeto e avere la necessaria copertura finanziaria. Testare più di mille persone al giorno può costare circa 200 mila franchi.

Leggi anche:

Più fondi per i casi di rigore, test rapidi e quarantena breve

Quarantena breve e test ai viaggiatori, cosa cambia?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
falsa sicurezza test covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved