ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
23 min

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Locarno
1 ora

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Ticino
4 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
4 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
4 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
12 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
13 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
14 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
14 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
26.01.2021 - 19:44
Aggiornamento: 20:05

Formazione professionale, sì a ‘Più duale plus’

Il Gran Consiglio dà luce verde anche alle misure per mantenere il più alto numero possibile di posti di apprendistato. Bertoli: ‘Obiettivo raggiunto’

formazione-professionale-si-a-piu-duale-plus
Ti-Press

Ultimo, in ordine temporale, è arrivato il via libera parlamentare a ‘Più duale plus’, il piano che il Consiglio di Stato ha elaborato in risposta a diversi atti parlamentari per sostenere la formazione professionale nei tempi difficili della pandemia. Presentato in giugno, ha messo sul piatto 3,5 milioni di franchi l'anno per due anni con il fine di mantenere più posti di apprendistato possibili nonostante la crisi economica. Le misure le ha passate in rassegna la relatrice del rapporto commissionale Anna Biscossa (Ps), tra le più rilevanti un bonus di 2'000 franchi per ogni nuovo contratto di apprendistato e più flessibilità dei criteri formatori.

Per Paolo Ortelli (Plr) «le misure messe in atto tempestivamente dal Consiglio di Stato sono sostenute senza riserve, a inizio pandemia era subito chiaro come si fosse di fronte alla sfida di mantenere il numero maggiore possibile di posti di apprendistato messi a disposizione. L'allarme è stato raccolto dalla politica e dalle aziende formative, ora siamo di fronte a un successo». Alessio Ghisla rileva che si tratta di «misure puntuali che aiutano le aziende che ne hanno bisogno, ma sostenute da tutto il mondo di lavoro e il beneficio sarà a lungo termine. E necessarie perché il sistema duale è un'eccellenza svizzera».

Daniela Pugno Ghirlanda (Ps) dice che «le aziende formatrici sono il tassello fondamentale del sistema, riconoscendo il loro lavoro di formazione si promuove la responsabilità sociale che metterà in moto un modello inclusivo e sostenibile». Edo Pellegrini (Udc) sostiene il rapporto: «Ci saranno dei costi per la rete di ispettori ad esempio, noi siamo prudenti quando si spendono soldi ma avevamo già proposto di aumentare i fondi per la formazione professionale quindi concordiamo e votiamo sì». Sostegno anche dai Verdi con Cristina Gardenghi: «Successo delle misure grazie a strategia di base lungimirante».

Il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli afferma che «questo messaggio è stato presentato non perché ci fosse la necessità formale di una base legale, che poteva essere data dalle competenze del governo, ma per dare riscontro alle mozioni su questo tema a testimonianza di quanto il tema sia sentito. C'è stato un momento di affanno per tenere in piedi un sistema importante, ben funzionante ma fragile perché dipendente dall'andamento economico. Ma l'obiettivo è stato centrato: ringrazio per gli apprezzamenti sul lavoro fatto, che rimando a tutti coloro che hanno collaborato affinché si giungesse a questo risultato non facile, con tutti i ragazzi e le ragazze collocate».

Il Gran Consiglio ha stabilito, accogliendo una mozione di Fabio Badasci (Lega), che tutti gli apprendisti nello Stato e nel parastato possano avere la tredicesima mensilità.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved