ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
12 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
12 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
laR
 
27.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 17:11

Imposte, il lockdown taglia anche le spese professionali

In caso di lavoro da casa o ridotto, nella dichiarazione 2020 non saranno riconosciuti integralmente i costi per i pasti fuori casa e quelle di trasporto

di Generoso Chiaradonna
imposte-il-lockdown-taglia-anche-le-spese-professionali
Tra qualche settimana è tempo di dichiarare i redditi 2020 (archivio Ti-Press)

Da quando è scoppiata la pandemia di coronavirus molti lavoratori, soprattutto quelli attivi nel settore dei servizi, svolgono l’attività professionale da casa. Tanti altri, invece, si sono trovati in una situazione di lavoro ridotto. Questi scenari comportano ripercussioni concrete anche ai fini della dichiarazione d’imposta per il 2020, l’anno del Covid-19. Per intenderci, le deduzioni per le spese di trasporto dal domicilio al luogo di lavoro e le spese di doppia economia domestica, non saranno riconosciute integralmente. Bisognerà quindi fare molta attenzione alla compilazione dei moduli per dichiarare i redditi – di qualunque fonte e ovunque siano stati conseguiti – del 2020 e il patrimonio, immobiliare e finanziario, ovunque detenuto al 31 dicembre di quell’anno.

«Come Divisione delle contribuzioni ci siamo posti la questione creata dalla pandemia da Covid-19 e, in particolare, della conseguente chiusura di molte attività commerciali e produttive (lavoro ridotto, ndr), nonché del telelavoro. Per questa ragione alla documentazione che verrà inviata ai contribuenti sarà allegato un foglio informativo aggiuntivo che spiegherà come comportarsi», spiega Giordano Macchi, direttore della Divisione delle contribuzioni del Dfe. «Nella maggioranza dei casi – continua Macchi – è plausibile che il forfait di 2’500 franchi per le ‘altre spese professionali’ rappresenterà l’importo massimo deducibile che verrà accordato, mentre le deduzioni per le spese di trasporto e per i pasti saranno ridotte». Questo avrà come conseguenza che a parità di reddito, il carico fiscale potrebbe addirittura risultare leggermente più elevato rispetto all’anno precedente, sempre tenendo conto della situazione personale.

«Le deduzioni delle spese di trasporto dal domicilio al luogo di lavoro effettuate con il veicolo privato e delle spese di doppia economia domestica possono essere fatte valere solamente se la spesa è stata realmente sostenuta e, quindi, unicamente nel caso in cui ci si sia effettivamente recati presso la sede di servizio. Ne consegue che per le giornate in cui il lavoro è stato svolto da casa, o non effettuato affatto (lavoro ridotto, ndr), non è possibile chiedere né la deduzione delle spese di trasporto, né quella relativa ai pasti», precisa il direttore della Divisione delle contribuzioni.

Un esempio per capire

I contribuenti che indicativamente, durante quattro settimane di ‘lockdown’ (20 giorni lavorativi) non hanno lavorato o hanno svolto la loro attività lavorativa da casa dovranno ridurre i giorni lavorativi ai fini del calcolo della deduzione dagli usuali 220 a 200 giorni. Ovviamente per i settori che hanno chiuso più a lungo o che hanno adottato il lavoro ridotto più a lungo, bisognerà calcolare i giorni effettivi di lavoro ai fini della deduzione. Ma non è finita qua. «I contribuenti che hanno lavorato da casa anche dopo il periodo di ‘lockdown’ dovranno ridurre ulteriormente i giorni lavorativi per il calcolo della deduzione», aggiunge Macchi.

E per quanto riguarda le spese sostenute per trasformare un proprio locale di casa in ufficio? Anche in questo caso non saranno riconosciute le spese professionali? «Sono considerate ‘altre spese necessarie per l’esercizio della professione’, e come tali deducibili, quelle sostenute dal contribuente per, ad esempio, l’acquisto di attrezzi e strumenti di lavoro (computer, software, riviste e libri specializzati) e anche l’uso di una camera privata a scopi professionali». «Per l’imposta cantonale la relativa deduzione è ammessa in forma forfettaria nella misura di 2’500 franchi l’anno, mentre per l’imposta federale essa è calcolata in base al 3% del salario netto con un importo massimo», spiega ancora l’esperto. 

Quindi la deduzione forfetaria comprende di fatto già le spese per l’uso di un home office? «Questo importo dovrebbe essere sufficiente nella maggior parte dei casi», afferma Macchi. «I contribuenti possono far valere la deduzione di importi superiori solo se dimostrano – documentandolo – di utilizzare, a titolo principale e regolare, uno specifico locale della loro abitazione a scopi professionali e non privati. Per contro, l’uso occasionale, come avvenuto durante il ‘lockdown’ o regolare, ma a tempo parziale (telelavoro) dell’appartamento privato non può essere considerato come un fattore che genera spese supplementari e non dà quindi diritto ad alcuna ulteriore deduzione rispetto a quella forfetaria. La deduzione è inoltre esclusa se queste spese sono state prese a carico dal datore di lavoro o da terzi», conclude Giordano Macchi.

A ogni modo, per fugare tutti i dubbi relativi alla dichiarazione 2020 (sia per le persone fisiche che per quelle giuridiche), la Divisione delle contribuzioni del Dfe ha preparato, in relazione alle misure fiscali adottate per far fronte alla pandemia da Covid-19, una serie di risposte alle domande più frequenti. Scorrendo il sito www.ti.ch/fisco è possibile trovare circolari e fogli informativi sul tema. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved