aiuti-covid-arriva-anche-la-prestazione-ponte-da-8-milioni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
19 min

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
27 min

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
35 min

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
46 min

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
54 min

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
1 ora

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
1 ora

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
2 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
2 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
2 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
2 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
3 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
26.01.2021 - 16:560
Aggiornamento : 19:53

Aiuti Covid, arriva anche la prestazione ponte da 8 milioni

Il sostegno cantonale andrà a chi finora non ha beneficiato di alcuna misura, l'onere dell'applicazione sarà dei Comuni. De Rosa: ‘Non è un doppione’

Dopo l'approvazione del credito quadro da 100 milioni per il risanamento degli edifici del Cantone, il parlamento non si è fermato. Quasi otto milioni di franchi: 7,9 per la precisione. A tanto ammonta la cosiddetta prestazione ponte Covid appena approvata dal Gran Consiglio (82 favorevoli, 3 contrari dell'Mps). «Un aiuto finanziario straordinario e limitato nel tempo per permettere a chi la richiederà di uscire da una difficoltà momentanea», afferma il relatore del rapporto commissionale Lorenzo Jelmini (Ppd). La cifra è basata su un numero ipotetico di 3'000 richieste totali, con un coinvolgimento tra le 6'000 e le 7'500 persone e le somme previste dal messaggio governativo: 1'000 franchi per il primo componente dell'unità di riferimento, 500 per ogni ulteriore convivente nella stessa economica domestica. La prestazione potrà essere richiesta fino a tre volte, e sono esclusi coloro che beneficiano già di altri aiuti. Il 75% dei costi sarà coperto dal Cantone, il 25% dai Comuni.

«Il sostegno andrà a chi è rimasto fuori dai sostegni elargiti finora, pensiamo ai lavoratori indipendenti e salariati che non hanno l'indennità di disoccupazione - riprende Jelmini -. Coprirà il fabbisogno e le necessità contingenti per permettere il richiedente a ripristinare l'autonomia finanziaria, per questo unicum in Svizzera dobbiamo ringraziare il capo del Dipartimento sanità e socialità De Rosa». In più, annota il deputato popolare democratico, «l'onere dell'applicazione andrà ai Comuni. Come noto, proprio loro svolgono un importante ruolo di prossimità. In questo momento difficile diventa fondamentale. Rivolgersi ai servizi comunali sarà anche l'occasione per verificare se questa è la prestazione giusta o ce ne sono di più adatte a ogni singola situazione».

Ringrazia il Dss anche il capogruppo socialista Ivo Durisch, dalla cui mozione che chiedeva un fondo sociale per far fronte a situazioni e spese straordinarie prende origine il tutto. «È una situazione di emergenza straordinaria quella che stiamo vivendo - afferma Durisch -, che produce una parallela emergenza sociale. La povertà tocca sempre più persone e a essere colpite sono le fasce più fragili: anziani, donne, persone sole e già chi faceva fatica». Un sostegno fondamentale per il Ps questo, perché «così si aiuta una povertà nascosta che sfugge alle statistiche ufficiali, potremo aiutare chi è in difficoltà prima che precipiti nell'indigenza e scattare una fotografia attuale del grado di difficoltà del Paese».

Il sostegno del Plr è garantito dalla capogruppo Alessandra Gianella: «Lunedì abbiamo votato aiuti importanti per le aziende, oggi per le persone in difficoltà con particolare attenzione agli indipendenti, una categoria molto importante del nostro tessuto economico. Questo intervento vuole evitare una cronicizzazione di difficoltà che se non medicate produrranno costi sociali preoccupanti». Per Gianella «le procedure devono essere semplici ed efficaci, sarà fondamentale informare i cittadini con informazioni chiare». E occorre, comunque, «fare attenzione alle cifre rosse che pagheranno le prossime generazioni, queste cifre non sono messe né a Preventivo né a Piano finanziario».

Un occhio al futuro lo volge anche il leghista Michele Guerra: «Dobbiamo stare attenti a evitare che il peso economico degli aiuti non vada sulle spalle del cittadino già tartassato, ampliamo questi aiuti ed eroghiamoli con forza ma parallelamente stiliamo un piano di rientro rinunciando a ciò che non è più prioritario. Non dovessimo farlo, il governo si troverebbe obbligato a misure come l'aumento delle imposte scaricando su tutti noi il peso della pandemia e degli aiuti». 

«L'idea di questa prestazione è nata osservando la situazione pandemica e osservando il bisogno di cittadini estremamente fragili», spiega il direttore del Dss Raffaele De Rosa. Così «abbiamo proposto non un doppione ma una misura complementare alle numerose misure introdotte in questi mesi. L'evoluzione della pandemia comporterà un aumento delle richieste di aiuto sociale, l'attenzione va mantenuta alta. Sarà importante continuare a fare affidamento, in collaborazione coi Comuni, su strumenti e strutture per offrire il reinserimento a persone in difficoltà. Questa prestazione è rapida ed efficace».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved