ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano

La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Bellinzonese
12 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
12 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
13 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
13 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
13 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
13 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
13 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
14 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
14 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
14 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
15 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
15 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
26.01.2021 - 16:56
Aggiornamento: 19:53

Aiuti Covid, arriva anche la prestazione ponte da 8 milioni

Il sostegno cantonale andrà a chi finora non ha beneficiato di alcuna misura, l'onere dell'applicazione sarà dei Comuni. De Rosa: ‘Non è un doppione’

aiuti-covid-arriva-anche-la-prestazione-ponte-da-8-milioni
Ti-Press

Dopo l'approvazione del credito quadro da 100 milioni per il risanamento degli edifici del Cantone, il parlamento non si è fermato. Quasi otto milioni di franchi: 7,9 per la precisione. A tanto ammonta la cosiddetta prestazione ponte Covid appena approvata dal Gran Consiglio (82 favorevoli, 3 contrari dell'Mps). «Un aiuto finanziario straordinario e limitato nel tempo per permettere a chi la richiederà di uscire da una difficoltà momentanea», afferma il relatore del rapporto commissionale Lorenzo Jelmini (Ppd). La cifra è basata su un numero ipotetico di 3'000 richieste totali, con un coinvolgimento tra le 6'000 e le 7'500 persone e le somme previste dal messaggio governativo: 1'000 franchi per il primo componente dell'unità di riferimento, 500 per ogni ulteriore convivente nella stessa economica domestica. La prestazione potrà essere richiesta fino a tre volte, e sono esclusi coloro che beneficiano già di altri aiuti. Il 75% dei costi sarà coperto dal Cantone, il 25% dai Comuni.

«Il sostegno andrà a chi è rimasto fuori dai sostegni elargiti finora, pensiamo ai lavoratori indipendenti e salariati che non hanno l'indennità di disoccupazione - riprende Jelmini -. Coprirà il fabbisogno e le necessità contingenti per permettere il richiedente a ripristinare l'autonomia finanziaria, per questo unicum in Svizzera dobbiamo ringraziare il capo del Dipartimento sanità e socialità De Rosa». In più, annota il deputato popolare democratico, «l'onere dell'applicazione andrà ai Comuni. Come noto, proprio loro svolgono un importante ruolo di prossimità. In questo momento difficile diventa fondamentale. Rivolgersi ai servizi comunali sarà anche l'occasione per verificare se questa è la prestazione giusta o ce ne sono di più adatte a ogni singola situazione».

Ringrazia il Dss anche il capogruppo socialista Ivo Durisch, dalla cui mozione che chiedeva un fondo sociale per far fronte a situazioni e spese straordinarie prende origine il tutto. «È una situazione di emergenza straordinaria quella che stiamo vivendo - afferma Durisch -, che produce una parallela emergenza sociale. La povertà tocca sempre più persone e a essere colpite sono le fasce più fragili: anziani, donne, persone sole e già chi faceva fatica». Un sostegno fondamentale per il Ps questo, perché «così si aiuta una povertà nascosta che sfugge alle statistiche ufficiali, potremo aiutare chi è in difficoltà prima che precipiti nell'indigenza e scattare una fotografia attuale del grado di difficoltà del Paese».

Il sostegno del Plr è garantito dalla capogruppo Alessandra Gianella: «Lunedì abbiamo votato aiuti importanti per le aziende, oggi per le persone in difficoltà con particolare attenzione agli indipendenti, una categoria molto importante del nostro tessuto economico. Questo intervento vuole evitare una cronicizzazione di difficoltà che se non medicate produrranno costi sociali preoccupanti». Per Gianella «le procedure devono essere semplici ed efficaci, sarà fondamentale informare i cittadini con informazioni chiare». E occorre, comunque, «fare attenzione alle cifre rosse che pagheranno le prossime generazioni, queste cifre non sono messe né a Preventivo né a Piano finanziario».

Un occhio al futuro lo volge anche il leghista Michele Guerra: «Dobbiamo stare attenti a evitare che il peso economico degli aiuti non vada sulle spalle del cittadino già tartassato, ampliamo questi aiuti ed eroghiamoli con forza ma parallelamente stiliamo un piano di rientro rinunciando a ciò che non è più prioritario. Non dovessimo farlo, il governo si troverebbe obbligato a misure come l'aumento delle imposte scaricando su tutti noi il peso della pandemia e degli aiuti». 

«L'idea di questa prestazione è nata osservando la situazione pandemica e osservando il bisogno di cittadini estremamente fragili», spiega il direttore del Dss Raffaele De Rosa. Così «abbiamo proposto non un doppione ma una misura complementare alle numerose misure introdotte in questi mesi. L'evoluzione della pandemia comporterà un aumento delle richieste di aiuto sociale, l'attenzione va mantenuta alta. Sarà importante continuare a fare affidamento, in collaborazione coi Comuni, su strumenti e strutture per offrire il reinserimento a persone in difficoltà. Questa prestazione è rapida ed efficace».

Leggi anche:

Stabili del Cantone, sì ai 100 milioni per il risanamento

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved