ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
2 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
5 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
7 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
7 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
15 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
18 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
18 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
18 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
19 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
26.01.2021 - 14:59
Aggiornamento: 19:57

Stabili del Cantone, sì ai 100 milioni per il risanamento

Il Gran Consiglio dà il via libera al credito quadro per sistemare e adattare alle nuove normative gli edifici dello Stato. Il 56% della somma è per le scuole

stabili-del-cantone-si-ai-100-milioni-per-il-risanamento
Archivio Ti-Press

Tutto secondo copione. Il Gran Consiglio ha dato il proprio via libera (75 favorevoli, 3 contrari e 4 astenuti) al credito quadro di 100 milioni di franchi, relativo al periodo 2020-2027, per interventi di manutenzione programmata finalizzati al risanamento energetico e alla conservazione di diversi edifici di proprietà dello stato. Il 56 per cento di questa cifra è destinata alle strutture scolastiche. «Si tratta di una necessità», esordisce il correlatore del rapporto commissionale Bixio Caprara (Plr). «Questo parlamento deve essere consapevole che il patrimonio immobiliare ammonta a miliardi di franchi, e la manutenzione necessità di 30-40 milioni annui per evitare l'accumulo di debito occulto».

Per Caprara è importante annotare che «gran parte sarà dedicata agli edifici scolastici, qui una corretta manutenzione assume un particolare valore simbolico oltre che istituzionale. Perché sono stabili dove si formano i futuri cittadini del Cantone». Il credito quadro, riprende Caprara, «porta l'importo annuo disponibile da nove a circa 14 milioni: un aumento significativo, positivo, ma consente di avvicinarsi solo parzialmente alla cifra che servirebbe». Ma conta anche il momento, per il deputato liberale radicale: «Siamo in un periodo congiunturalmente difficile, questo credito vuole fungere da stimolo economico con significato anticiclico e accompagna idealmente gli altri strumenti per il rilancio dell'economia e la salvaguardia posti di lavoro».

Guerra (Lega): ‘Rispettiamo i nostri doveri’

Per il correlatore della Lega, Michele Guerra, «come parlamento abbiamo una serie di doveri. Uno, regolare, è garantire la manutenzione del patrimonio immobiliare. Un altro dovere, a fronte delle conseguenze finanziarie della pandemia, è quello del rilancio economico saggio, tramite investimenti. Questo messaggio governativo soddisfa pienamente entrambi questi doveri, perché è un piano di stimolo serio e dal calibro di peso».

Incassato il sostegno del Ppd per tramite del correlatore Fiorenzo Dadò, il credito quadro è appoggiato anche dalla correlatrice socialista Anna Biscossa: «Si tratta di un importante credito, un'opera necessaria ricorrentemente per preservare questo patrimonio. Ed è importantissimo per chi lavora, o vive o si forma in questi spazi. In commissione abbiamo spinto perché si avesse una visione di manutenzione coraggiosa in ambito energetico, nel senso che quando le condizioni lo rendessero possibile si facessero scelte all’indirizzo di nuove tecnologie e più opportunità di risanamento energetico».

Se per la verde Samantha Bourgoin questo è «un contributo alla transizione energetica, alla diminuzione di gas a effetto serra prodotti in Ticino e soprattutto di una presa di responsabilità che lo Stato dando l'esempio può intervenire dando un volto più mano e sostenibile a questa crisi», l'Udc ha alcuni dubbi pur sostenendo il credito quadro. Per Paolo Pamini «nessuno nega la necessità di mantenere il patrimonio, ma chiediamo in questa situazione di difficoltà dei contribuenti un piccolo sforzo e ridurre il credito da 100 a 95 milioni: la qualità dei lavori non ne sentirebbe in maniera pronunciata». Sostegno anche da Più donne e Partito comunista.

Vitta: ‘Si garantisce anche respiro al tessuto economico del Cantone’

Il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta rileva come questo credito quadro «rappresenta un importante stimolo a favore del settore dell'edilizia, che in questo momento può ancora contare su un andamento tutto sommato interessante, ma le prospettive vanno verso un possibile calo degli investimenti nell'edilizia privata. Evidentemente, il credito quadro potrà supportare questo settore in maniera anticiclica. Permetterà non solo di intervenire sul patrimonio dello Stato evitando degrado e obsolescenza, ma garantirà anche respiro al tessuto economico del Cantone».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved