WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
2
3. tempo
(1-0 : 1-1 : 0-1)
FLO Panthers
2
BOS Bruins
1
3. tempo
(1-1 : 1-0 : 0-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
DAL Stars
1
VEGAS Knights
1
1. tempo
(1-1)
EDM Oilers
PHI Flyers
04:00
 
covid-una-trentina-per-ora-i-docenti-cantonali-vulnerabili
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Parmalat bis, l’accusa chiede tre anni di reclusione per Sala

Per il Ministero pubblico della Confederazione l’ex manager di Bank of America ha agito consapevolmente. ‘Il reato è quello di riciclaggio aggravato’
Bellinzonese
7 ore

Allievi di Galbisio rimasti a piedi: reclami senza esito

Sul percorso non idoneo la Direzione delle Medie 2, il Municipio di Bellinzona e i genitori hanno scritto più volte al Decs, che è irremovibile
Luganese
7 ore

Lugano, preventivo 2021 rivisto: il rosso sale a 21,6 milioni

L’aggiornamento serve alla base legale per la gestione pubblica dell’aeroporto e considera le uscite causate dagli aiuti concessi per il Covid
Bellinzonese
8 ore

Monte Carasso-Mornera, funivia fuori esercizio per due pomeriggi

A causa del trasporto di materiale a valle, l’impianto non sarà a disposizione dell’utenza martedì 2 e mercoledì 3 novembre dalle 12.30 alle 16
Mendrisiotto
8 ore

A Chiasso mostra dell’artista ucraino Ivan Turetskyy

Il 13 novembre si inaugura l’esposizione che guarda a un nuovo post futurismo
Mendrisiotto
8 ore

Uffici chiusi per San Martino a Mendrisio

La tradizionale Fiera non ci sarà, ma la Città rispetterà le consuetudini legate alla giornata
Bellinzonese
8 ore

Ben 350 partecipanti al concorso letterario ‘Castelli di carta’

Martedì si è tenuta la cerimonia di premiazione per le categorie Adulti e Ragazzi
Bellinzonese
8 ore

Aet collabora col Vallese per rafforzare la formazione

Settore idroelettrico: l’accordo con la società Hydro Exploitation Sa prevede scambi interaziendali per apprendisti, formatori e personale qualificato
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso: previsioni in rosso e alcune incognite da svelare

Il Municipio stima di chiudere i bilanci 2022 con mezzo milione di deficit. La città tiene il punto su moltiplicatore e servizi. Intanto, si investe
Luganese
9 ore

Accoltellatore Pregassona, 6 anni e 10 mesi anche in Appello

I giudici confermano la condanna di primo grado per l’iracheno che ferì gravemente un suo connazionale: fu tentato omicidio intenzionale
Ticino
9 ore

Condanne più aspre per i pedofili, stop all’iniziativa cantonale

Dopo il no delle commissioni di Stati e Nazionale, la decisione ufficiale: no all’aumento delle pene minime e massime chiesto da Dadò: ‘Delusione totale’
Ticino
 
26.01.2021 - 19:270
Aggiornamento : 21:13

Covid, una trentina per ora i docenti cantonali vulnerabili

Gli insegnanti annunciatisi sino a venerdì scorso al Dipartimento educazione cultura e sport. La procedura e il lavoro in sede (con la mascherina FFP2/3) o da casa

Il dato al momento disponibile risale al 22 gennaio. Fino a venerdì scorso erano «trentatré» i docenti di scuole cantonali (medie, medie superiori e professionali) annunciatisi come soggetti vulnerabili - persone che soffrono di determinate patologie o donne incinte - e quindi particolarmente a rischio se contagiati dal coronavirus. È quanto indica il Decs, il Dipartimento educazione cultura e sport, al quale la 'Regione' ha chiesto un primo bilancio sulla 'gestione' di questa categoria di insegnanti alla luce anche delle recenti disposizioni emanate da Berna per arginare la diffusione della pandemia.

Formulario, certificato
e medico del personale

Spiega il Decs: «Il o la docente che si è annunciato/a quale insegnante vulnerabile alla Direzione dell'istituto scolastico riceve da quest'ultima un formulario che, una volta compilato, viene trasmesso, unitamente al certificato medico, alle autorità competenti dell'Amministrazione cantonale». I docenti riconosciuti come vulnerabili dal medico del personale, prosegue il Dipartimento, «sono di principio tenuti ad adempiere da casa gli obblighi lavorativi abituali. Chi lo desidera può continuare la propria attività di insegnamento in sede utilizzando la mascherina FFP2/3, fornita gratuitamente dal datore di lavoro e con un grado di protezione accresciuto rispetto a quella chirurgica». Chi non accetta questa soluzione «deve lavorare da casa o, se questo non è possibile, effettuare un lavoro alternativo equivalente che può essere svolto da casa». Sette, sempre fino a venerdì 22, gli insegnanti ritenuti vulnerabili dal medico del personale dell’Amministrazione cantonale che, fa sapere il Decs, hanno chiesto di poter rinunciare all’uso della mascherina FFP2/3 e dunque all'attività in sede. 

Le patologie: cosa dice
l'Ordinanza federale

Ma quali sono le patologie per cui un docente o una docente è da considerarsi particolarmente a rischio? Il Dipartimento educazione cultura e sport rimanda all'Ordinanza 3 Covid-19 del Consiglio federale. E in particolare a due capoversi, il 10 e l'11, dell'articolo 27a. Secondo la normativa, "sono considerate particolarmente a rischio le donne incinte e le persone non vaccinate contro il Covid e che soffrono in particolare delle seguenti patologie: ipertensione arteriosa, diabete, malattie cardiovascolari, malattie croniche delle vie respiratorie, malattie o terapie che indeboliscono il sistema immunitario, cancro, obesità".  Patologie che "sono precisate nell’allegato 7 in base a criteri medici". L’elenco di tali criteri "non è esaustivo. È fatta salva la valutazione clinica del rischio nel singolo caso". Sino a venerdì scorso, come detto, i formulari di docenti annunciatisi come persone vulnerabili pervenuti alla Sezione amministrativa del Decs erano trentatré, la maggior parte inoltrati da docenti donne.

Restando in ambito scolastico, il 4 gennaio il Consiglio di Stato rendeva noto di aver prorogato l’obbligo generalizzato dell’uso della mascherina per allievi, docenti e personale delle scuole medie: questo "nel sedime e all’interno degli istituti scolastici, nonché all’esterno della scuola per attività che necessitano del suddetto ausilio". Il provvedimento, spiegava ancora il governo, "ha effetto fino alle vacanze di Carnevale (12 febbraio)". Il prolungamento della misura, sottolineava l'Esecutivo, "è tra i provvedimenti che permettono di evitare il passaggio allo scenario 2 (scuola ibrida: in presenza e a distanza) o allo scenario 3 (didattica solo a distanza)".

Il governo, si affermava ancora nel comunicato stampa, "intende perseguire con tutti i mezzi disponibili l’obiettivo di garantire a tutti gli allievi un’adeguata formazione, a prescindere dalle specifiche condizioni di ognuno, e per farlo continua a sostenere tutte le misure atte a mantenere il più a lungo possibile la scuola in presenza, anche nel quadro dell’attuale difficile situazione epidemiologica".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved