ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
3 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
5 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
5 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
13 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
17 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
18 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
18 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
19 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
19 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
20 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
20 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
25.01.2021 - 20:23

Covid, i casi di rigore hanno finalmente una copertura

Il Gran consiglio ha dato il via libera al credito di 75 milioni di franchi, di cui 51 della Confederazione, per sostenere le imprese in ‘lockdown’

di Generoso Chiaradonna e Jacopo Scarinci
covid-i-casi-di-rigore-hanno-finalmente-una-copertura
(Archivio Ti-Press)

«La Svizzera ha gestito bene le misure economiche. Sono stati decisi a livello federale aiuti generali e settoriali (sport, cultura e media). Oggi votiamo due crediti cantonali, uno per i casi di rigori e l’altro per le prestazioni ponte Covid», ha affermato in apertura di dibattito Matteo Quadranti (Plr), relatore del rapporto sul messaggio per i casi di rigore. Aiuti che dovrebbero mitigare le conseguenze negative della pandemia di coronavirus. Quadranti ha ricordato che dopo la primavera nera, con un pesante crollo del Pil a livello nazionale, le attività economiche stavano riprendendosi. «Il mercato del lavoro pareva stabilizzato», ha precisato l’esponente radicaleliberale. Un segnale che le misure di aiuto federale stavano dando i loro frutti. Ci però sono settori che ancora arrancano e che alla luce delle chiusure di negozi, ristoranti e bar, oltre alle attività culturali, decretate un mese fa non fanno ben sperare per il futuro. «La situazione è quindi molto incerta, per questa ragione arrivano questi aiuti (in totale circa 75 milioni di franchi, 110 se la Confederazione) che sono frutto di una consonanza di vedute tra Confederazione e Cantoni», ha ricordato Quadranti che ha poi spiegato cosa si intende per caso di rigore: le aziende che non hanno chiuso per decisione dell’autorità, ma hanno visto diminuire la cifra d’affari nel 2020 di almeno il 40% o quelle oggetto di provvedimenti pubblici (chiusure, ndr) per almeno 40 giorni a partire dallo scorso 1° novembre e fino al prossimo 30 giugno. Per queste ultime c’è una via semplificata per accedere agli aiuti a fondo perso (tra il 5 e il 20% della cifra d’affari. «Anche le imprese del primo caso, che hanno bisogno di una certificazione da parte di un revisore contabili, avranno fino a 2500 franchi di costi per la pratica coperti dal cantone. Ci sono anche sanzioni penali per chi sgarra (falso in documenti o truffa)», ha precisato Quadranti. La procedure semplificata non sarà comunque una cambiale in bianco. «Queste ultime dovranno presentare comunque il rendiconto Iva». «Toccherà poi al governo – ha ricordato Quadranti – specificare per quali settori e come saranno ripartiti questi aiuti mirati a coprire i costi fissi».

Tutti d’accordo o quasi

«Le imprenditrici e gli imprenditori di piccole, medie e grandi aziende faticano ad andare avanti. Attiviamo immediatamente questi aiuti, così porteremo una boccata d’ossigeno importante su più fronti» afferma la capogruppo del Plr Alessandra Gianella. Che aggiunge come sia «fondamentale che ciò avvenga in modo rapido e non burocratico, questi soldi devono essere subito messi a disposizione delle 4-5mila imprese in Ticino che possono beneficiarne. La situazione è difficile e drammatica, senza un sostegno tempestivo ci saranno molti fallimenti». Ma ciò detto, Gianella avverte: «Teniamo presente che le risorse non sono illimitate e vanno gestite nel migliore dei modi».

Il capogruppo della Lega Boris Bignasca annota che «il diluvio è la crisi e la pandemia, l’arca di Noè questo provvedimento: un’arca costruita però con la legna della Confederazione messa da parte grazie alle imposte dei cittadini. Dovremo, però, rimanere vigili e capaci di rimodulare rapidamente il tutto se ne sarà riscontrato il bisogno».

A mettere più di un puntino sulle i è il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni: «Questo credito non è un aiuto o un sussidio, ma un risarcimento o un indennizzo. Lo Stato per contenere la pandemia ha impedito a molti di esercitare la propria professione, queste persone hanno il diritto a essere risarcite: in uno Stato democratico e di diritto una limitazione dei diritti fondamentali esige un’adeguata contropartita». Per Agustoni va bene il provvedimento, «ma c’è ancora molto da fare. Dobbiamo coniugare rapidità e scrupolosità». Ma per il momento occorre «non scivolare nel trionfalismo e nella pretesa di aver fatto tutto quello che potevamo fare, le cifre messe a disposizione come Cantone sono tutto sommato modeste: lo 0,7% delle uscite correnti, non da far tremare i polsi».

Per il capogruppo del Ps Ivo Durisch ancora una volta «è importante ribadire che la presenza di uno Stato solido è fondamentale per permettere a cittadini e aziende di far fronte alle difficoltà, l’obiettivo è non lasciare indietro nessuno e garantire a tutti un futuro. Quindi no a sgravi fiscali, no a riduzioni di servizi e prestazioni oggi necessari». Anche per Durisch la situazione «deve essere monitorata, ma non modificata in maniera peggiorativa». E il capogruppo socialista annota, a margine ma non più di tanto, che non ci si può fermare a questo: «Il settore culturale ad esempio non può accedere a questi casi di rigore, vanno modificate le basi di accesso agli aiuti perché anche questo settore possa beneficiare di aiuti immediati».

Prendendo in prestito le parole dell’economista Milton Friedman, il democentrista Paolo Pamini rileva che «i pasti gratis non esistono». Questi aiuti l’Udc li sostiene, «ma a malincuore». Perché «qualcuno pagherà questa fattura: non siamo nel mondo degli angeli che vivono solo d’amore».

Per i Verdi, la coordinatrice Samantha Bourgoin dice che «la mancanza di scelte chiare e di garanzie di giusta protezione economica ha ipotecato a lungo termine la ripresa. Riteniamo che questa debba essere presa a carico dalla Confederazione e in modo sussidiario dal Cantone, con un Consiglio di Stato che però dovrebbe osare maggiormente».

Dal canto suo, il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta dopo aver ribadito che quello in discussione è «uno strumento volto ad attenuare le difficoltà che interessano il tessuto economico», ad alcune critiche sull’importo di questi aiuti risponde: «Oggi (ieri, ndr.) il Canton Friburgo ha presentato un messaggio con una cifra complessiva di 54 milioni. Noi stiamo sfruttando al massimo tutti i margini che ci sono dati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved