rinforzi-per-la-procura-non-si-deve-piu-tergiversare
Il deputato del Plr Giorgio Galusero (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 min

Dpd Ticino e quel Duce appeso sulla scrivania

A Giubiasco un quadretto di Benito Mussolini ha fatto per anni bella mostra di sé nell'ufficio di un dirigente del colosso privato delle consegne
Bellinzonese
22 min

Biasca, via Losanna e via Zurigo chiuse per lavori

Martedì 9 marzo prenderanno inizieranno i lavori di pavimentazione della via Losanna che provocheranno inevitabilmente alcuni disagi al traffico
Ticino
43 min

Continua a salire la curva dei contagi in Ticino

Dai 28 nuovi casi di lunedi si è passati ai 57 odierni. Calano i letti occupati negli ospedali: fra i 55 pazienti ricoverati si registra un altro decesso
Locarnese
44 min

Locarno, dallo Zonta Club sostegno sociale e materiale

Il sodalizio in questi mesi di pandemia ha svolto un' importante opera di sensibilizzazione e ha aiutato il progetto di Casa Armonia
Locarnese
1 ora

Dalila Zambelli migliore apprendista cuoca della Svizzera

La ventenne gambarognese, impiegata tra i fornelli della Piazza d'armi di Isone, ha vinto il Campionato nazionale tenutosi a Baden
Ticino
3 ore

Sergio Ermotti l’anno scorso ha guadagnato 13 milioni

Il buon andamento di Ubs durante il 2020 ha premiato l’ex Ceo ticinese. In nove anni ha incassato quanto un ticinese medio in 1'800 anni
Mendrisiotto
3 ore

Fermato a Chiasso con due Rolex nei calzini

Inglese intercettato dai doganieri italiani sul treno Bellinzona-Milano
Ticino
4 ore

Il proprietario indigente tra socialità e indebitamento

Dopo la proposta del Ps di introdurre il prestito vitalizio ipotecario si schierano gli altri partiti tra dubbi e sostegno. La Catef: c'è casa e casa
Locarnese
13 ore

Locarno, un posto unico per lo scambio di semi locali

Il progetto denominato Semiteca sta tutto in un armadio. Lo si trova da una settimana allo Spazio Elle ed è accessibile in qualsiasi momento
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Novazzano, cittadini in difesa del 'cuore' del paese

In 250 firmano una petizione che invoca la salvaguardia del nucleo. Da rivitalizzare il complesso a due passi dalla Casa comunale
Luganese
15 ore

Covid, al liceo di Savosa indagine ambientale estesa

In settimana sono stati registrati 8 studenti positivi. Tutti gli allievi e i docenti saranno invitati a farsi testare, ma le lezioni proseguiranno
Ticino
15 ore

‘Mantenere le restrizioni per evitare la terza ondata’

Il medico cantonale riguardo all'aumento dei casi di Covid–19 in Lombardia: ‘Il virus non conosce nessun confine’
Bellinzonese
16 ore

Polizia, nelle Tre Valli più assistenti e più prossimità

Prevista una fase pilota che prevede l'assunzione di sette assistenti di polizia al servizio della Regione VIII. Una manovra strategica ma anche di risparmio
Ticino
16 ore

Jelmini (Ppd): 'Piani sociali, serve una base legale'

Il deputato popolare democratico e sindacalista Ocst, dopo il dibattito sugli ex collaboratori di Lugano Airport, chiede chiarezza
Luganese
16 ore

Aeroporto, spunta il ricorso del gruppo indiano

Contestata la scelta del Municipio di Lugano che ha presentato il messaggio per avviare le trattative con i due gruppi. Deciderà il Consiglio di Stato
Ticino
22.01.2021 - 05:550
Aggiornamento : 07:35

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare

«Pur di uscire dall’impasse in cui ci troviamo, sono disposto a fare un passo indietro e quindi a ritirare la mia iniziativa parlamentare che chiede di assegnare all’autorità giudiziaria quattro sostituti procuratori pubblici. Bisogna infatti arrivarne a una con il potenziamento del Ministero pubblico e la proposta del Dipartimento istituzioni di attribuire due procuratori ordinari in più all’ufficio, a me sta bene», dice il deputato del Plr Giorgio Galusero, membro della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, della quale è attualmente il secondo vicepresidente. L’iniziativa cui allude e della quale è primo firmatario, Galusero l’ha presentata nel dicembre 2019, pochi mesi dopo l’uscita del messaggio governativo (era il mese di settembre) che chiede di dare all’autorità di perseguimento penale un procuratore, cosa che porterebbe il numero dei pp da ventuno (compreso il procuratore generale) a ventidue. Nel novembre dello scorso anno i vertici del Dipartimento istituzioni, incontrando la commissione e il pg, hanno prospettato però un terzo scenario: due procuratori pubblici in più. La Direzione del Dipartimento attende una presa di posizione della ’Giustizia e diritti’ prima di eventualmente tradurre il terzo scenario nero su bianco, ossia in un messaggio all’indirizzo del Gran Consiglio.

D’accordo, c’è la pandemia che non agevola i lavori del Gran Consiglio, senza dimenticare la travagliata procedura di rinnovo delle cariche in Procura che ha impegnato parecchio la ’Giustizia e diritti’ e generato in commissione discussioni, polemiche e tensioni. Sta di fatto che il tempo passa e, proposte a parte, nessun passo concreto è stato sinora compiuto sull’importante tema del potenziamento del Ministero pubblico. «Credo che non si debba più tergiversare: da anni la Procura è confrontata con un notevole carico di lavoro, come attestano i dati statistici - rileva Galusero -. Adesso in commissione alcuni ritengono opportuno designare un gruppo di lavoro per dar seguito alla risoluzione, approvata dalla maggioranza del Gran Consiglio in occasione della recente elezione dei magistrati del Ministero pubblico, per fra l’altro migliorare l’organizzazione dell’ufficio e avere un più efficace controllo interno. Ma cosi si finirebbe, temo, per rinviare nuovamente una decisione, chiara, sulle modalità di potenziamento della Procura». Il Dipartimento, ricorda il granconsigliere liberale radicale, «ha già comunicato alla commissione di non condividere l’opzione quattro sostituti pp. Ha allora suggerito di assegnare al Ministero pubblico due procuratori, uno in più rispetto a quanto indicato nel messaggio licenziato dal Consiglio di Stato nel settembre 2019, e ha mantenuto la proposta di estendere le competenze decisionali dei segretari giudiziari nel quadro dei procedimenti contravvenzionali. A me sembra una strada percorribile. Pertanto, per non dilatare ulteriormente i tempi sono pronto, come ho sostenuto in ’Giustizia e diritti’, a ritirare la mia iniziativa sui sostituti procuratori». La politica «deve soddisfare al più presto le giustificate esigenze di potenziamento manifestate a più riprese dal Ministero pubblico». E questo, sottolinea Galusero, «nell’interesse pure dei cittadini, che confidano in risposte fornite in tempi ragionevolmente brevi dalla magistratura, quando si rivolgono all’apparato giudiziario».

Il procuratore generale: ma il minimo sindacale sono tre

Eloquenti le parole del procuratore generale sulla necessità e soprattutto sull’urgenza di rinforzi. «Oggi il potenziamento dell’organico dei magistrati del Ministero pubblico è come un bicchiere di acqua offerto a una persona che sta attraversando il deserto», afferma, da noi interpellato, Andrea Pagani. Aggiunge il pg: «Chi mi ha preceduto e chi parla hanno ampiamente descritto all’autorità politica la pressione in termini di incarti cui i procuratori e i loro stretti collaboratori, a cominciare dai segretari giudiziari, sono sottoposti. In queste condizioni fare gli straordinari è inevitabile». Pagani ha sempre dichiarato, anche pubblicamente, di preferire l’introduzione di quattro sostituti pp nell’ufficio giudiziario che dirige. «Una soluzione senz’altro preferibile, dal mio punto di vista, al potenziamento con un solo procuratore pubblico - osserva il pg -. Nell’audizione dello scorso novembre in commissione, alla quale ho partecipato, il Dipartimento istituzioni ha proposto due procuratori pubblici in più. Ne ho preso atto. Ma di procuratori ordinari in più ne servirebbero almeno tre». Sarebbe «il minimo sindacale: se Consiglio di Stato e Gran Consiglio dovessero imboccare questa strada, come Direzione del Ministero pubblico assegneremmo due pp alla sezione di magistrati che si occupa del perseguimento dei 'reati di polizia', tutti quei reati che non sono finanziari, e uno alla sezione di procuratori dedita alle inchieste sugli illeciti finanziari. Ciò non per un capriccio del sottoscritto o dei miei colleghi di Direzione, ma per una situazione oggettiva, che impone questa ripartizione per lavorare efficacemente e con meno affanno di ora. Ai tre pp potremmo peraltro affiancare i tre segretari giudiziari che il Dipartimento ha assegnato alla Procura un anno e mezzo fa». In ogni caso, evidenzia Pagani, «un potenziamento urge anche per poter svolgere al meglio i compiti derivanti dalla prossima revisione del Codice di procedura penale, attesa per quest'anno, che accrescerà ulteriormente gli oneri a carico dei magistrati».

© Regiopress, All rights reserved