Basilea
1
Losanna
1
fine
(0-0)
Lugano
Sion
16:30
 
S.Gallo
Grasshopper
16:30
 
Spezia
2
Sassuolo
0
2. tempo
(1-0)
Venezia
3
Verona
1
2. tempo
(3-0)
Davos
2
Ambrì
0
1. tempo
(2-0)
GCK Lions
0
Winterthur
2
1. tempo
(0-2)
Turgovia
Olten
17:00
 
rinforzi-per-la-procura-non-si-deve-piu-tergiversare
Il deputato del Plr Giorgio Galusero (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Film per famiglie in Leventina

Domenica 12 dicembre alle 17 al cinema ad Airolo
Locarnese
9 min

Losone, modine per la nuova casa comunale

All’albo la domanda di costruzione per il progetto da 13,2 milioni di franchi
Locarnese
24 min

Riprese locarnesi per il documentario su Patricia Highsmith

La troupe sta girando alla Cà di Ferro di Minusio
Grigioni
28 min

San Bernardino: due persone ferite in un incidente

Il conducente ha perso il controllo dell’auto uscendo di strada e terminando la corsa in una scarpata
Locarnese
47 min

Locarno, il San Nicolao ‘tinto di blu’ è tornato

Il tradizionale evento, giunto alla sua quindicesima edizione, ha coinvolto i bimbi di coloro che lavorano nel Salva
Mendrisiotto
1 ora

Mezzana, riconoscimenti per l’azienda agraria cantonale

I vini prodotti hanno conquistato diverse medaglie a livello nazionale, anche all’importante ‘Grand Prix du Vin Suisse’
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, la Città incontra e omaggia i suoi 18enni

Ai presenti il sindaco Samuele Cavadini e la capodicastero Françoise Gehring hanno regalato una copia del libro ‘Finalmente cittadine’
Luganese
22 ore

Melide: fiamme da una canna fumaria

L’incendio, scoppiato attorno alle 16.15 di sabato, ha coinvolto un’abitazione in via al Doyro
Luganese
1 gior

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
1 gior

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
1 gior

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
1 gior

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
1 gior

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
1 gior

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
1 gior

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Ticino
 
22.01.2021 - 05:550
Aggiornamento : 07:35

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare

«Pur di uscire dall’impasse in cui ci troviamo, sono disposto a fare un passo indietro e quindi a ritirare la mia iniziativa parlamentare che chiede di assegnare all’autorità giudiziaria quattro sostituti procuratori pubblici. Bisogna infatti arrivarne a una con il potenziamento del Ministero pubblico e la proposta del Dipartimento istituzioni di attribuire due procuratori ordinari in più all’ufficio, a me sta bene», dice il deputato del Plr Giorgio Galusero, membro della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, della quale è attualmente il secondo vicepresidente. L’iniziativa cui allude e della quale è primo firmatario, Galusero l’ha presentata nel dicembre 2019, pochi mesi dopo l’uscita del messaggio governativo (era il mese di settembre) che chiede di dare all’autorità di perseguimento penale un procuratore, cosa che porterebbe il numero dei pp da ventuno (compreso il procuratore generale) a ventidue. Nel novembre dello scorso anno i vertici del Dipartimento istituzioni, incontrando la commissione e il pg, hanno prospettato però un terzo scenario: due procuratori pubblici in più. La Direzione del Dipartimento attende una presa di posizione della ’Giustizia e diritti’ prima di eventualmente tradurre il terzo scenario nero su bianco, ossia in un messaggio all’indirizzo del Gran Consiglio.

D’accordo, c’è la pandemia che non agevola i lavori del Gran Consiglio, senza dimenticare la travagliata procedura di rinnovo delle cariche in Procura che ha impegnato parecchio la ’Giustizia e diritti’ e generato in commissione discussioni, polemiche e tensioni. Sta di fatto che il tempo passa e, proposte a parte, nessun passo concreto è stato sinora compiuto sull’importante tema del potenziamento del Ministero pubblico. «Credo che non si debba più tergiversare: da anni la Procura è confrontata con un notevole carico di lavoro, come attestano i dati statistici - rileva Galusero -. Adesso in commissione alcuni ritengono opportuno designare un gruppo di lavoro per dar seguito alla risoluzione, approvata dalla maggioranza del Gran Consiglio in occasione della recente elezione dei magistrati del Ministero pubblico, per fra l’altro migliorare l’organizzazione dell’ufficio e avere un più efficace controllo interno. Ma cosi si finirebbe, temo, per rinviare nuovamente una decisione, chiara, sulle modalità di potenziamento della Procura». Il Dipartimento, ricorda il granconsigliere liberale radicale, «ha già comunicato alla commissione di non condividere l’opzione quattro sostituti pp. Ha allora suggerito di assegnare al Ministero pubblico due procuratori, uno in più rispetto a quanto indicato nel messaggio licenziato dal Consiglio di Stato nel settembre 2019, e ha mantenuto la proposta di estendere le competenze decisionali dei segretari giudiziari nel quadro dei procedimenti contravvenzionali. A me sembra una strada percorribile. Pertanto, per non dilatare ulteriormente i tempi sono pronto, come ho sostenuto in ’Giustizia e diritti’, a ritirare la mia iniziativa sui sostituti procuratori». La politica «deve soddisfare al più presto le giustificate esigenze di potenziamento manifestate a più riprese dal Ministero pubblico». E questo, sottolinea Galusero, «nell’interesse pure dei cittadini, che confidano in risposte fornite in tempi ragionevolmente brevi dalla magistratura, quando si rivolgono all’apparato giudiziario».

Il procuratore generale: ma il minimo sindacale sono tre

Eloquenti le parole del procuratore generale sulla necessità e soprattutto sull’urgenza di rinforzi. «Oggi il potenziamento dell’organico dei magistrati del Ministero pubblico è come un bicchiere di acqua offerto a una persona che sta attraversando il deserto», afferma, da noi interpellato, Andrea Pagani. Aggiunge il pg: «Chi mi ha preceduto e chi parla hanno ampiamente descritto all’autorità politica la pressione in termini di incarti cui i procuratori e i loro stretti collaboratori, a cominciare dai segretari giudiziari, sono sottoposti. In queste condizioni fare gli straordinari è inevitabile». Pagani ha sempre dichiarato, anche pubblicamente, di preferire l’introduzione di quattro sostituti pp nell’ufficio giudiziario che dirige. «Una soluzione senz’altro preferibile, dal mio punto di vista, al potenziamento con un solo procuratore pubblico - osserva il pg -. Nell’audizione dello scorso novembre in commissione, alla quale ho partecipato, il Dipartimento istituzioni ha proposto due procuratori pubblici in più. Ne ho preso atto. Ma di procuratori ordinari in più ne servirebbero almeno tre». Sarebbe «il minimo sindacale: se Consiglio di Stato e Gran Consiglio dovessero imboccare questa strada, come Direzione del Ministero pubblico assegneremmo due pp alla sezione di magistrati che si occupa del perseguimento dei 'reati di polizia', tutti quei reati che non sono finanziari, e uno alla sezione di procuratori dedita alle inchieste sugli illeciti finanziari. Ciò non per un capriccio del sottoscritto o dei miei colleghi di Direzione, ma per una situazione oggettiva, che impone questa ripartizione per lavorare efficacemente e con meno affanno di ora. Ai tre pp potremmo peraltro affiancare i tre segretari giudiziari che il Dipartimento ha assegnato alla Procura un anno e mezzo fa». In ogni caso, evidenzia Pagani, «un potenziamento urge anche per poter svolgere al meglio i compiti derivanti dalla prossima revisione del Codice di procedura penale, attesa per quest'anno, che accrescerà ulteriormente gli oneri a carico dei magistrati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved