rinforzi-per-la-procura-non-si-deve-piu-tergiversare
Il deputato del Plr Giorgio Galusero (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

Campione d’Italia, l’Eldorado dei ticinesi

Da rientro dell’enclave in zona gialla, gli svizzeri affollano a mezzogiorno bar e ristoranti
Mendrisiotto
7 ore

'La Pm Ecorecycling non può essere obbligata a chiudere'

Stando al Cantone non ci sono i presupposti. Sospesa per ora l'inchiesta penale sul primo incendio del 2016, si indaga sul rogo di dicembre
Ticino
8 ore

Lettori più digitali? Non sempre, c'è chi cerca la carta

Le biblioteche ticinesi hanno registrato un aumento delle consultazioni di giornali e riviste online. Nelle librerie spopola il ‘click&collect’
Ticino
8 ore

Dadò all'attacco su costi della salute e soldi pubblici

Il presidente del Ppd al comitato cantonale parla delle iniziative cantonali sui premi di cassa malati e affonda sull'indipendenza di parlamento e giustizia
Locarnese
9 ore

‘Elephantonius’, vita d'artista (e di Verzasca) a Storie

Domenica sulla Rsi l'intenso ritratto documentaristico di Paolo Vandoni a Gianmario Togni, scultore alla ricerca delle origini
Ticino
10 ore

Donne detenute, audizione il 9 marzo

La commissione incontrerà i vertici del Dipartimento istituzioni.Schnellmann: attendiamo indicazioni chiare sui tempi di realizzazione di un carcere femminile
Gallery
Luganese
10 ore

A Massagno fioriscono le biciclette

Azione dimostrativa per sensibilizzare sulla climatica: il gruppo Ps, Verdi e Indipendenti propone tre installazioni
Luganese
10 ore

Bironico, disputa Fc Rapid-Parrocchia: trovato un accordo

La squadra di calcio potrà utilizzare il campo (almeno) fino alla fine del 2024, tempo durante il quale potrà trovare un'alternativa
Luganese
10 ore

Lugano, la registrazione delle sedute come patrimonio storico

Al via il progetto che renderà sull'arco di quattro anni fruibili al pubblico gli interventi dei politici tra il 1962 e il 2003
Luganese
11 ore

Lugano, il casinò vince il Covid-19

Nel 2020 registrato un utile netto di 900'000 franchi malgrado chiusure e restrizioni delle aperture. Intervista all'Ad Gianmaria Frapolli
Luganese
11 ore

Cittadini per il territorio del Luganese: no al polo sportivo

Criticato il contratto stabilito dalla Città con gli operatori immobiliari per realizzare il progetto
Bellinzonese
11 ore

Tre anni e mezzo per l'artefice dei botti di Bellinzona

Questa la pena inflitta al 22enne, il quale dovrà sottoporsi a un trattamento stazionario per far fronte a un disturbo della personalità di tipo narcisistico
Bellinzonese
11 ore

Biasca, servizio per la prestazione ponte Covid dal 1 marzo

L'ufficio si trova al pianterreno della Casa comunale e sarà operativo il lunedì, il martedì e il giovedì
Luganese
12 ore

Paradiso, 'moratoria immediata alla posa di nuove antenne 5G'

In 369 firmano la richiesta di porre un freno a ulteriori installazioni sul territorio comunale, che ne conta già più di dieci di diversa generazione
Locarnese
12 ore

Arcegno, la Strada dei Polacchi è chiusa al traffico

In corso lavori selvicolturali lungo il collegamento che conduce a Golino. Il cantiere dovrebbe concludersi attorno al 20 marzo
Ticino
22.01.2021 - 05:550
Aggiornamento : 07:35

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare

«Pur di uscire dall’impasse in cui ci troviamo, sono disposto a fare un passo indietro e quindi a ritirare la mia iniziativa parlamentare che chiede di assegnare all’autorità giudiziaria quattro sostituti procuratori pubblici. Bisogna infatti arrivarne a una con il potenziamento del Ministero pubblico e la proposta del Dipartimento istituzioni di attribuire due procuratori ordinari in più all’ufficio, a me sta bene», dice il deputato del Plr Giorgio Galusero, membro della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, della quale è attualmente il secondo vicepresidente. L’iniziativa cui allude e della quale è primo firmatario, Galusero l’ha presentata nel dicembre 2019, pochi mesi dopo l’uscita del messaggio governativo (era il mese di settembre) che chiede di dare all’autorità di perseguimento penale un procuratore, cosa che porterebbe il numero dei pp da ventuno (compreso il procuratore generale) a ventidue. Nel novembre dello scorso anno i vertici del Dipartimento istituzioni, incontrando la commissione e il pg, hanno prospettato però un terzo scenario: due procuratori pubblici in più. La Direzione del Dipartimento attende una presa di posizione della ’Giustizia e diritti’ prima di eventualmente tradurre il terzo scenario nero su bianco, ossia in un messaggio all’indirizzo del Gran Consiglio.

D’accordo, c’è la pandemia che non agevola i lavori del Gran Consiglio, senza dimenticare la travagliata procedura di rinnovo delle cariche in Procura che ha impegnato parecchio la ’Giustizia e diritti’ e generato in commissione discussioni, polemiche e tensioni. Sta di fatto che il tempo passa e, proposte a parte, nessun passo concreto è stato sinora compiuto sull’importante tema del potenziamento del Ministero pubblico. «Credo che non si debba più tergiversare: da anni la Procura è confrontata con un notevole carico di lavoro, come attestano i dati statistici - rileva Galusero -. Adesso in commissione alcuni ritengono opportuno designare un gruppo di lavoro per dar seguito alla risoluzione, approvata dalla maggioranza del Gran Consiglio in occasione della recente elezione dei magistrati del Ministero pubblico, per fra l’altro migliorare l’organizzazione dell’ufficio e avere un più efficace controllo interno. Ma cosi si finirebbe, temo, per rinviare nuovamente una decisione, chiara, sulle modalità di potenziamento della Procura». Il Dipartimento, ricorda il granconsigliere liberale radicale, «ha già comunicato alla commissione di non condividere l’opzione quattro sostituti pp. Ha allora suggerito di assegnare al Ministero pubblico due procuratori, uno in più rispetto a quanto indicato nel messaggio licenziato dal Consiglio di Stato nel settembre 2019, e ha mantenuto la proposta di estendere le competenze decisionali dei segretari giudiziari nel quadro dei procedimenti contravvenzionali. A me sembra una strada percorribile. Pertanto, per non dilatare ulteriormente i tempi sono pronto, come ho sostenuto in ’Giustizia e diritti’, a ritirare la mia iniziativa sui sostituti procuratori». La politica «deve soddisfare al più presto le giustificate esigenze di potenziamento manifestate a più riprese dal Ministero pubblico». E questo, sottolinea Galusero, «nell’interesse pure dei cittadini, che confidano in risposte fornite in tempi ragionevolmente brevi dalla magistratura, quando si rivolgono all’apparato giudiziario».

Il procuratore generale: ma il minimo sindacale sono tre

Eloquenti le parole del procuratore generale sulla necessità e soprattutto sull’urgenza di rinforzi. «Oggi il potenziamento dell’organico dei magistrati del Ministero pubblico è come un bicchiere di acqua offerto a una persona che sta attraversando il deserto», afferma, da noi interpellato, Andrea Pagani. Aggiunge il pg: «Chi mi ha preceduto e chi parla hanno ampiamente descritto all’autorità politica la pressione in termini di incarti cui i procuratori e i loro stretti collaboratori, a cominciare dai segretari giudiziari, sono sottoposti. In queste condizioni fare gli straordinari è inevitabile». Pagani ha sempre dichiarato, anche pubblicamente, di preferire l’introduzione di quattro sostituti pp nell’ufficio giudiziario che dirige. «Una soluzione senz’altro preferibile, dal mio punto di vista, al potenziamento con un solo procuratore pubblico - osserva il pg -. Nell’audizione dello scorso novembre in commissione, alla quale ho partecipato, il Dipartimento istituzioni ha proposto due procuratori pubblici in più. Ne ho preso atto. Ma di procuratori ordinari in più ne servirebbero almeno tre». Sarebbe «il minimo sindacale: se Consiglio di Stato e Gran Consiglio dovessero imboccare questa strada, come Direzione del Ministero pubblico assegneremmo due pp alla sezione di magistrati che si occupa del perseguimento dei 'reati di polizia', tutti quei reati che non sono finanziari, e uno alla sezione di procuratori dedita alle inchieste sugli illeciti finanziari. Ciò non per un capriccio del sottoscritto o dei miei colleghi di Direzione, ma per una situazione oggettiva, che impone questa ripartizione per lavorare efficacemente e con meno affanno di ora. Ai tre pp potremmo peraltro affiancare i tre segretari giudiziari che il Dipartimento ha assegnato alla Procura un anno e mezzo fa». In ogni caso, evidenzia Pagani, «un potenziamento urge anche per poter svolgere al meglio i compiti derivanti dalla prossima revisione del Codice di procedura penale, attesa per quest'anno, che accrescerà ulteriormente gli oneri a carico dei magistrati».

© Regiopress, All rights reserved