Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
1
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:45
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
tra-richieste-di-lockdown-e-allentamento-delle-misure
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
44 min

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
1 ora

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
1 ora

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
1 ora

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
1 ora

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
1 ora

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
1 ora

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
2 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Locarnese
2 ore

Locarno e Ascona, Concerto dell’Avvento con il Coro Calliope

Due date (sabato 4 e mercoledì 8 dicembre) e due siti diversi in cui le voci della corale si esibiranno con l’Orchestra da camera locarnese
Mendrisiotto
2 ore

Mercatino di Natale a Riva San Vitale

Domenica 5 dicembre dalle 11 alle 17 nel piazzale a lago. In caso di brutto tempo sarà annullato
Luganese
2 ore

Dal Grott Mobil beneficenza e pranzo di Natale

Sono stati 15mila i franchi destinati a diverse associazioni raccolti durante il 2021 dal gruppo di amici tutti volontari
Luganese
3 ore

Tram-treno, per la progettazione da 17 a 23 milioni

La tormentata gara d’appalto è arrivata all’apertura delle buste, quattro i consorzi partecipanti
Luganese
3 ore

Torna MelideIce con la pista più grande di sempre

Dal 3 dicembre al 16 gennaio gli amanti del pattinaggio potranno godere di 525 metri quadrati e beneficiare di un’offerta food & drinks
Locarnese
3 ore

Comune di Centovalli, maggiorenni in trasferta al Casorella

Il tradizionale incontro con i neomaggiorenni (del 2021 e anche del 2020) si è tenuto extra muros
Locarnese
3 ore

Il Visconteo del Cinquecento vince agli Swiss Game Awards

Il progetto interattivo di realtà virtuale lanciato la scorsa primavera dal Museo Castello di Locarno è stato premiato con l’‘Audience Choice’
Ticino
08.01.2021 - 05:500
Aggiornamento : 11:36

Tra richieste di lockdown e allentamento delle misure

Sindacati e associazioni imprenditoriali sono divisi su come continuare la lotta al coronavirus senza pregiudicare salute ed economia

“Per quanto doloroso ciò risulterà, la Svizzera deve introdurre un secondo ‘lockdown’ (la cui estensione e i dettagli saranno da definire in stretto coordinamento con gli esperti della comunità medica) con un robusto supporto sotto il profilo fiscale. Da un punto di vista strettamente economico, il costo complessivo di un secondo ‘lockdown’ gestito efficacemente sarà inferiore al costo risultante dalle misure attuali, e molto meno stringenti, che non sono riuscite di fatto a contenere la diffusione del virus. Proseguire con le misure attuali condurrà a risultati economici disastrosi, e a un tasso di mortalità molto più elevato”. Si tratta di un passaggio di un documento dello scorso novembre sottoscritto da decine di economisti e accademici dei principali atenei svizzeri e fatto proprio dal sindacato Unia che ieri ha ribadito la necessità di introdurre, a livello nazionale e cantonale, misure di contrasto alla diffusione del coronavirus molto più stringenti ed efficaci. “In Svizzera ogni 15 minuti muore una persona di Covid-19. Questo è semplicemente inaccettabile, come inaccettabile è anche limitarsi a proporre il prolungamento di misure che già hanno dimostrato di non essere sufficienti per proteggere la popolazione”, si legge in una presa di posizione del sindacato Unia a firma del segretario cantonale Giangiorgio Gargantini

Da qui la richiesta di chiudere tutte le “attività economiche non essenziali, unica misura realmente efficace perché limiterebbe in modo decisivo la circolazione delle persone e quindi del virus”, si legge. Nel contempo si chiedono maggiori aiuti economici, tra cui “l’aumento delle soglie di reddito al di sotto delle quali l’indennità per lavoro ridotto è pagata al 100%”. Si ribadisce quindi la bontà del modello ticinese attuato la scorsa primavera. “Il Cantone – scrive ancora Gargantini – deve inoltre partecipare allo sforzo economico in sostegno del mondo del lavoro, come fatta da altri cantoni che hanno aumentato le indennità per lavoro ridotto e stanziato fondi straordinari.

L’Organizzazione cristiano sociale ticinese (Ocst), da parte sua, pur condividendo la necessità di mettere a disposizione le risorse finanziarie per evitare un crollo dei redditi e un aumento della disoccupazione, è meno possibilista sull’idea di un altro ‘lockdown’ generalizzato. «Auspichiamo un ritorno allo spirito di confronto anche aspro, ma franco, della scorsa primavera. In quell’occasione sindacati, governo e organizzazioni imprenditoriali si sono trovati sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguardava le misure di contrasto al virus», afferma Renato Ricciardi, segretario cantonale dell’Ocst. «Nel frattempo l’ordinamento federale che permetteva l’eccezione per il Ticino è cambiato, ma secondo noi quell’insegnamento non deve essere disperso», continua Ricciardi. Una lettera con la quale si chiede un incontro con il Consiglio di Stato, esteso a tutti le parti sociali, prima della scadenza del termine di consultazione fissato per il 13 gennaio, è stata inviata martedì scorso. «Tra marzo e aprile dello scorso anno – commenta Ricciardi – siamo riusciti a ottenere soluzioni che tenessero conto degli interessi dell’una e dell’altra parte: la protezione della salute dei lavoratori e della popolazione da un lato, e le esigenze dell’economia dall’altra». Per quanto riguarda la situazione attuale, Ricciardi chiede il rigoroso rispetto delle misure di protezione e di distanziamento anche con maggiori controlli di polizia. 

La documentazione di Berna non è ancora arrivata

Intanto il Consiglio di Stato, come anticipato, si è riunito ieri, ma non ha preso ancora posizione sulla proposta del Consiglio federale di prolungare le attuali misure come la chiusura di ristoranti, bar, attività culturali e fitness. La documentazione per la consultazione, infatti, non è ancora arrivata a Bellinzona. 

A essere fortemente contraria a una chiusura generalizzata è la Camera di commercio del cantone Ticino. Secondo Michele Rossi, delegato delle relazioni esterne, la questione è chiara: «Non sono i luoghi di lavoro i vettori di contagio. Si tratta di spazi fortemente regolamentati sottoposti a piani di protezione». Per Rossi procedere con una chiusura a tappeto si accentuerebbe una situazione economica dalla quale sarà difficile uscire. Il delegato è anche critico riguardo al prolungamento delle misure già in vigore: «Nonostante siano presenti da alcune settimane non hanno sortito l’effetto sperato. Quindi se non sono efficaci, per quale motivo riproporle?». E aggiunge: «Non metto in discussione l’esigenza di tutelare la salute. È evidente che queste misure però non stanno funzionando».

Anche le industrie, per quanto meno toccate dalle restrizioni attuali, lanciano un grido d’allarme. «Il nostro è un settore che non può essere fermato», afferma Stefano Modenini, direttore di Aiti (Associazione industrie ticinesi). «Facciamo parte di una filiera internazionale e i costi causati da un blocco del settore sarebbero miliardari». La situazione dal punto di vista operativo è migliore rispetto alla prima ondata, durante la quale si lavorava con un sistema di autorizzazioni. Il quadro congiunturale però non è dei migliori: «I fatturati di questi mesi arrivano a un massimo del 50% rispetto a quelli del 2019», prosegue Modenini. Una situazione che ha delle forti ripercussioni sulla liquidità aziendale. La manodopera sembra per il momento protetta dalle indennità per il lavoro ridotto, ma le prospettive a lungo termine preoccupano: «Se le cose non migliorano è probabile che alcune aziende dovranno ricorrere a una ristrutturazione interna», conclude il direttore di Aiti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved