bianchi-dss-vaccino-priorita-a-residenti-delle-case-anziani
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Dongio, torneo serale di calcio

La 23esima edizione si terrà dal 18 al 20 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche

Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
Grigioni
2 ore

Lostallo, l’associazione Un sorriso per Lova in assemblea

L’appuntamento del 16 agosto, alle 19.30 nella sala polifunzionale del palazzo scolastico, sarà caratterizzato dalla presenza di Suor Maria Albertini 
Locarnese
2 ore

Base aerea, l’ultimo gradino per i futuri piloti

Iniziata all’aerodromo militare di Locarno l’ultima fase di selezione per i venti candidati alla guida dei velivoli. Si vola in Ticino e Mesolcina
Locarnese
2 ore

Sabato la festa di S. Bernardo a Scaiano

Messa e grigliata mista con musica nel programma dell’appuntamento
Locarnese
3 ore

Fusio, festa in paese e mulini in azione

Si celebra il patrono mentre l’Apav metterà in mostra le macchine idrauliche per una macinata di segale
Locarnese
4 ore

Giumaglio, il paese è in festa

Appuntamento al Grotto Preonz con buona cucina e musica
Luganese
4 ore

Frontale tra due auto a Taverne

I due conducenti hanno riportato ferite di media gravità. Il tratto di strada è stato chiuso in entrambe le direzioni.
Locarnese
5 ore

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno
Bellinzonese
8 ore

Estate di successo grazie al fresco e al divertimento

Le aree di svago a Faido apprezzate per la frescura, mentre la Spiaggetta di Arbedo-Castione per i concerti. Buona affluenza per entrambe le zone.
Ticino
8 ore

Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’

I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
8 ore

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
16 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
17 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
18 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
18 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
19 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
20 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
28.12.2020 - 19:50
Aggiornamento: 20:23

Bianchi (Dss): 'Vaccino, priorità a residenti delle case anziani'

Le 17mila dosi in arrivo a gennaio per le strutture e il personale che vi lavora. Se sarà possibile sarà distribuito anche a over 80 e 85 che sono a casa

Saranno 17mila le dosi del vaccino Pfizer/Biontech che saranno somministrate in Ticino a partire dal 4 gennaio, ha comunicato oggi il Dipartimento sanità e socialità. «Ed è una notizia positiva - spiega raggiunto dalla ‘Regione’ il direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi - perché è un aumento rispetto alle stime che la Confederazione ci ha dato in precedenza». Più dosi del previsto insomma, che arriveranno «con tre forniture nel corso del mese di gennaio. La prima entro la fine di questa settimana, in modo da poter cominciare le somministrazioni lunedì». La priorità «assoluta», riprende Bianchi, «è fornire il vaccino ai residenti e al personale delle case anziani, mentre secondo le direttive della Confederazione il personale ospedaliero e sanitario in generale sarà in seconda priorità rispetto alle categorie a rischio. Le case anziani, visto che sono luoghi di vita per le persone più vulnerabili e con molti contatti interpersonali, hanno la priorità». Se ne saprà di più dalla conferenza stampa che sarà convocata per mercoledì - «dobbiamo ancora affinare gli ultimi aspetti» - ma quello che si sa già è che, comunque, «a livello logistico e sanitario le case anziani hanno tutte le risorse e le competenze per fare le vaccinazioni. Si consegneranno i vaccini e il materiale occorrente ai responsabili delle singole strutture, che poi provvederanno autonomamente alla vaccinazione. Importante sarà coordinare la distribuzione e la consegna in modo da non sprecare il prodotto».

Prioritario anche raggiungere la popolazione anziana nella propria abitazione

Resta prioritario «raggiungere anche la popolazione anziana che vive nella propria abitazione», riprende Bianchi. Le dosi di vaccino che arriveranno nel mese di gennaio «sono abbondanti rispetto al fabbisogno delle case anziani, soprattutto perché la Confederazione negli ultimi giorni ha dato indicazioni rassicuranti sulla regolarità dell'arrivo del vaccino». Quindi, richiedendo il vaccino di Pfizer/Biontech una seconda dose a tre settimane di distanza dalla prima, «se la terza fornitura dovesse arrivare prima dei 21 giorni dalla somministrazione ai residenti delle case anziani cominceremo la copertura generale delle persone con più di 85 o 80 anni. Dovesse invece arrivare prima, faremo il richiamo nelle strutture».

Per quello che concerne il dialogo con i Comuni in merito ai luoghi che verranno scelti per somministrare il vaccino e alle modalità con cui verranno informate e raggiunte le persone è presto per esprimersi. Occorre ricordare, dice il direttore della Divisione della salute pubblica, «che questi primi vaccini non si prestano alla somministrazione ordinaria attraverso studi medici o infermieri a domicilio per diverse questioni tecniche, come la temperatura di stoccaggio o il numero di dosi da dover somministrare in pochi giorni per questioni di confezionamento». Quindi saranno fondamentali i centri collettivi dove «l'orizzonte è quello di poter vaccinare, seguendo la chiave di riparto, 3'000 persone al giorno in Ticino». Sarà importante, con i Comuni, «non tanto decidere i luoghi, perché saranno pochi per meglio concentrare le forze, ma capire come raggiungere al meglio la popolazione anziana e non, come informarla». Si vedrà.

Intanto una categoria rimarrà esclusa dalle prime vaccinazioni. «Purtroppo - osserva Bianchi - le modalità di somministrazione non permettono di raggiungere gli anziani bloccati a casa loro e che non potranno recarsi in uno dei luoghi scelti per le vaccinazioni. Per loro, a malincuore, dovremo aspettare probabilmente il terzo vaccino, quello che si potrà inoculare negli studi medici o con un infermiere a domicilio».

Della Santa (Sel): ‘Attenzione agli anziani oggetto di una misura di protezione’

Nella campagna di vaccinazione giocheranno un ruolo importante anche i Comuni, in particolare per quel che riguarda la presa di contatto con gli anziani che vivono a domicilio, per informarli della possibilità di vaccinarsi, come spiegava nei giorni scorsi il capo della Sezione enti locali (Dipartimento istituzioni) Marzio Della Santa, da noi interpellato in relazione alla newsletter inviata dalla Sel il 21 dicembre in cui si poneva l'accento sul "gioco di squadra" per la riuscita di un'operazione di salute pubblica senza precedenti anche nel nostro cantone. Una campagna e allo stesso tempo una sfida non indifferente. Che i Comuni sono pronti a raccogliere. «Del resto fin dall'inizio della pandemia hanno sempre dato la massima disponibilità a collaborare con il Cantone, una collaborazione fattiva attraverso i propri servizi, fra cui i corpi di polizia», evidenzia Felice Dafond, sindaco di Minusio e presidente dell'Act, l'Associazione dei comuni ticinesi. «In questo anno del tutto particolare - aggiunge - i Comuni hanno messo in rete e condiviso esperienze, poi è chiaro che ogni realtà locale è diversa».  Tornando all'imminente avvio della campagna di vaccinazione, la Sezione enti locali attende ora le informazioni di dettaglio «da parte degli uffici del Medico cantonale e del Farmacista cantonale», riprende Della Santa. «Domani si terrà una riunione nella quale come Sel dovremmo saperne di più sugli aspetti operativi: trasmetteremo poi ai Comuni queste informazioni di dettaglio nei tempi e nei modi che verranno concordati - indica il responsabile della Sezione enti locali -. A noi preme mettere i Comuni nelle migliori condizioni operative. La riunione dovrebbe permettere anche di chiarire dei punti. Potrebbe per esempio sorgere qualche problema, pratico e di natura giuridica, nel caso in cui la persona anziana fosse oggetto di una misura di protezione, misura di cui il Comune non è forzatamente a conoscenza per via del rispetto della privacy. In questi casi la persona anziana dovrà essere contattata dall’amministrazione comunale o dal tutore che l'assiste?»

Leggi anche:

In Ticino a gennaio 17'000 dosi di vaccino, via il 4 gennaio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
case anziani coronavirus paolo bianchi vaccino anti-covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved