in-ticino-a-gennaio-17-000-dosi-di-vaccino-via-il-4-gennaio
(Keystone)
28.12.2020 - 12:23
Aggiornamento: 16:24

In Ticino a gennaio 17'000 dosi di vaccino, via il 4 gennaio

I direttori delle case anziani sono incaricati di informare i residenti e le loro famiglie e raccogliere il consenso di chi intende vaccinarsi

Nel corso del mese di gennaio  il Ticino riceverà tre forniture di vaccino, per un totale di circa 17'000 dosi. Lo comunica il Dipartimento Sanità e Socialità (dss), confermando che da lunedì 4 gennaio, in concomitanza con l’inizio della campagna di vaccinazione in tutta la Confederazione, si potrà cominciare la vaccinazione nelle case per anziani, con la somministrazione della prima dose ai residenti e al personale. Le direzioni delle case anziani sono state informate nei scorsi giorni dall’Ufficio del farmacista cantonale e del medico cantonale, d’intesa con l'associazione dei direttori delle case anziani (Adicasi). Queste sono state incaricate di informare a loro volta i residenti e le loro famiglie, in particolare con lo scopo di trasmettere le informazioni sulla vaccinazione preparate dall’UFSP (www.ufsp-coronavirus.ch/vaccinazione) e raccogliere il consenso di chi intende sottoporsi alla vaccinazione.

Questa procedura di informazione è centrale per garantire l’accesso consapevole alla vaccinazione per la popolazione. Al contempo, permetterà ai servizi cantonali di conoscere nei prossimi giorni il numero di dosi necessarie a soddisfare questa prima richiesta.

Il vaccino stoccato in Ticino

Dal punto di vista logistico, il Consiglio di Stato ha dato mandato all’Ufficio del farmacista cantonale di sottoscrivere i contratti con le ditte che garantiranno la conservazione, il riconfezionamento e la distribuzione dei vaccini in Ticino. Questa soluzione è stata adottata da diversi altri cantoni. Le stesse ditte garantiranno pure lo stoccaggio nel Cantone alle temperature previste dal produttore, cioè a -70 gradi. Questa soluzione garantisce un margine di manovra ideale quanto all’impiego del vaccino, che dal momento in cui viene tolto da queste rigide temperature esige di essere utilizzato nel giro di cinque giorni. La conservazione in Ticino consente di guadagnare un giorno nella ridistribuzione sul territorio. I vaccini forniti dalla Confederazione saranno comunque utilizzati subito, a mano a mano che giungeranno in Ticino.

Dal profilo informatico, la Confederazione si è assunta i costi dello sviluppo della soluzione per gestire la vaccinazione, mentre i Cantoni devono assumersi i costi locali di gestione del sistema informatico. Il Governo ha pertanto incaricato il Centro sistemi informativi (CSI) del Dipartimento delle finanze e dell’economia di concludere i contratti con le ditte indicate dalla Confederazione per l’implementazione dei software atti a supportare i principali processi, cioè in particolare la gestione dei dati dei cittadini interessati, dei centri di vaccinazione, degli stock di vaccino, delle riservazioni, della fatturazione e della produzione di certificati di vaccinazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
case anziani ticino vaccino anti-covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved