Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
in-ticino-a-gennaio-17-000-dosi-di-vaccino-via-il-4-gennaio
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Imposizione dei frontalieri, altro passo avanti per l’accordo

La Commissione economia e tributi del Nazionale ha detto sì con un solo voto contrario all’intesa con l’Italia. A dicembre il via libera degli Stati
Ticino
30 min

Gli allievi della Commercio presentano le loro mini imprese

La Fiera regionale Ticino avrà luogo il 18 e 19 febbraio al Mercato Resega di Canobbio
Mendrisiotto
52 min

All’Obv il progetto di ospedale di giorno diventa realtà

Dopo la nuova ala, l’Ente ospedaliero fa un passo avanti in vista delle altre ristrutturazioni e strutture. Pubblicata la domanda di costruzione
Locarnese
56 min

‘No ai nostri bimbi salvagente del mondo economico!’

Mascherine alle Elementari: sono già più di 600 le firme, partite da Locarno, della ‘contestazione collettiva’ che andrà al Consiglio di Stato
Locarnese
1 ora

Locarno, chiusura momentanea di Via delle Vigne

Giovedì 27 gennaio all’altezza del numero civico 31 si procederà allo smontaggio di una gru da cantiere
Locarnese
1 ora

Scuola Svizzera di Sci Bosco Gurin, uscite giornaliere

In febbraio tre date da agendare per i bambini desiderosi di divertirsi e imparare sulla neve. Iscrizioni aperte da subito
Locarnese
1 ora

Locarno, ‘ti lascio perché ho finito l’ossitocina’

Lo spettacolo di e con Giulia Pont sarà di scena sabato 29 gennaio alle 20.30 alla Cambusateatro
Mendrisiotto
1 ora

Tre Quartieri, altrettanti cantieri a Mendrisio

In vista opere di pavimentazione stradale a Capolago, Arzo e nel Borgo a partire dalla fine del mese
28.12.2020 - 12:230
Aggiornamento : 16:24

In Ticino a gennaio 17'000 dosi di vaccino, via il 4 gennaio

I direttori delle case anziani sono incaricati di informare i residenti e le loro famiglie e raccogliere il consenso di chi intende vaccinarsi

a cura de laRegione

Nel corso del mese di gennaio  il Ticino riceverà tre forniture di vaccino, per un totale di circa 17'000 dosi. Lo comunica il Dipartimento Sanità e Socialità (dss), confermando che da lunedì 4 gennaio, in concomitanza con l’inizio della campagna di vaccinazione in tutta la Confederazione, si potrà cominciare la vaccinazione nelle case per anziani, con la somministrazione della prima dose ai residenti e al personale. Le direzioni delle case anziani sono state informate nei scorsi giorni dall’Ufficio del farmacista cantonale e del medico cantonale, d’intesa con l'associazione dei direttori delle case anziani (Adicasi). Queste sono state incaricate di informare a loro volta i residenti e le loro famiglie, in particolare con lo scopo di trasmettere le informazioni sulla vaccinazione preparate dall’UFSP (www.ufsp-coronavirus.ch/vaccinazione) e raccogliere il consenso di chi intende sottoporsi alla vaccinazione.

Questa procedura di informazione è centrale per garantire l’accesso consapevole alla vaccinazione per la popolazione. Al contempo, permetterà ai servizi cantonali di conoscere nei prossimi giorni il numero di dosi necessarie a soddisfare questa prima richiesta.

Il vaccino stoccato in Ticino

Dal punto di vista logistico, il Consiglio di Stato ha dato mandato all’Ufficio del farmacista cantonale di sottoscrivere i contratti con le ditte che garantiranno la conservazione, il riconfezionamento e la distribuzione dei vaccini in Ticino. Questa soluzione è stata adottata da diversi altri cantoni. Le stesse ditte garantiranno pure lo stoccaggio nel Cantone alle temperature previste dal produttore, cioè a -70 gradi. Questa soluzione garantisce un margine di manovra ideale quanto all’impiego del vaccino, che dal momento in cui viene tolto da queste rigide temperature esige di essere utilizzato nel giro di cinque giorni. La conservazione in Ticino consente di guadagnare un giorno nella ridistribuzione sul territorio. I vaccini forniti dalla Confederazione saranno comunque utilizzati subito, a mano a mano che giungeranno in Ticino.

Dal profilo informatico, la Confederazione si è assunta i costi dello sviluppo della soluzione per gestire la vaccinazione, mentre i Cantoni devono assumersi i costi locali di gestione del sistema informatico. Il Governo ha pertanto incaricato il Centro sistemi informativi (CSI) del Dipartimento delle finanze e dell’economia di concludere i contratti con le ditte indicate dalla Confederazione per l’implementazione dei software atti a supportare i principali processi, cioè in particolare la gestione dei dati dei cittadini interessati, dei centri di vaccinazione, degli stock di vaccino, delle riservazioni, della fatturazione e della produzione di certificati di vaccinazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved