ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
9 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
20.12.2020 - 19:53
Aggiornamento: 20:27

La fondazione Cardiocentro: ‘Gli accordi erano altri’

Per Tiziano Moccetti si chiedeva solo uno spazio per 2-3 mezze giornate e senza costi per l’Eoc

la-fondazione-cardiocentro-gli-accordi-erano-altri
Tiziano Moccetti (archivio Ti-Press)

Non si è fatta attendere la reazione del Consiglio della Fondazione Cardiocentro alla replica dell’Eoc. Nel corso delle trattative - si ricorda - “ci era stato sempre stato assicurato che sarebbe stata trovata una soluzione adeguata e rispettosa per il professor Moccetti e per i suoi pazienti. Dal canto nostro ci siamo fidati, lasciando che fosse la nuova direzione dell’istituto, e in particolare i primari, a trovare la soluzione migliore per il futuro del Cardiocentro, nel rispetto dell’autonomia clinica sancita dagli accordi stipulati alla presenza del Consiglio di Stato”, si legge nella nota inviata da Boris Bignasca, compagno di partito di Paolo Sanvido.

“Nessuno ha mai chiesto di assumere, in qualsiasi forma, il professor Tiziano Moccetti. Questo sia per il rispetto dei regolamenti dell’ente che per volontà dello stesso Moccetti”. Stando alla nota del Consiglio di Fondazione, in data 21 ottobre la direzione del futuro istituto (primari, direzione amministrativa e responsabile infermieristico), in piena autonomia, ha inviato all’Eoc una proposta che prevedeva che Moccetti potesse continuare a visitare i suoi pazienti presso il suo studio - non come dipendente - per 2-3 mezze giornate la settimana. Il professore, si precisa, si sarebbe assunto i costi dell’affitto degli spazi, del segretariato e dell assicurazioni personali.

Lo stesso consiglio, si spiega ancora, negli ultimi giorni si era detto disponibile a concordare con l’Eoc una soluzione alternativa, qualora la proposta dei primari non fosse stata accolta, “per consentire a professor Moccetti di chiudere il suo studio in tempi ragionevoli e accompagnare i suoi pazienti verso questo importante cambiamento”. Risposta arrivata solo il 19 dicembre per e-mail, all’indomani della firma del contratto di trasferimento e a una decina di giorni dal passaggio formale del Cardiocentro all’Eoc. “Tempistiche, modalità comunicative e stile si commentano da soli”, si chiosa, ribadendo la richiesta “che l’uscita del professor Moccetti dal Cardiocentro venga concordata secondo tempistiche e modalità dei pazienti e, se del caso, si rivolgerà al Consigio di Stato, garante degli accordi tra Eoc e Cardiocentro”.

Leggi anche:

Eoc-Moccetti, ‘nessuno sfratto, ma rispetto delle regole’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved