ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
29 sec

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
16 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
24 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
30 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
4 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
4 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
4 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
20.12.2020 - 14:41

Eoc-Moccetti, ‘nessuno sfratto, ma rispetto delle regole’

Il Cda dell’ente ospedaliero replica alla presa di posizione della Fondazione Cardiocentro Ticino sullo ‘sfratto’ del promotore ‘dell’ospedale del cuore’

eoc-moccetti-nessuno-sfratto-ma-rispetto-delle-regole
Il professor Tiziano Moccetti (Tt-Press)

“Nessuno sfratto, semplicemente rispetto delle regole’. È chiaro già dal titolo la presa di posizione del Consiglio di amministrazione dell’Ente ospedaliero cantonale in riferimento alle recenti esternazioni sui media da parte del Consiglio di Fondazione del Cardiocentro Ticino. I Cda dell’Eoc “ritiene triste che in tempi di grande crisi sanitaria come quella che stiamo vivendo, con tanti lutti, con tutto il personale sanitario oltremodo sotto pressione e sollecitato e tutti quanti psicologicamente provati, si dia spazio e fiato a queste sterili, personali e autoreferenziali polemiche’.

Il CdA dell’Eoc conferma, in questa fattispecie, il suo pieno sostegno al presidente Paolo Sanvido e chiarisce i fatti, “con il solo interesse pubblico al centro delle proprie preoccupazione”, si legge.

“Il Presidente Sanvido, su incarico del CdA, ha risposto a una mail del Cardiocentro. È una risposta istituzionale, concertata, oggettiva, necessaria e rispettosa. Il professor Moccetti, indiscusso pioniere del Cardiocentro, ha sempre sostenuto che avrebbe lasciato la propria attività il 31 dicembre 2020”, si spiega. “A ulteriore riprova di questo fatto, lo stesso Cardiocentro ha fornito un elenco dei contratti di lavoro esistenti da trasferire a Eoc. Questa lista non contiene il nome del professor Moccetti”.

L’attività clinica non è permessa oltre i 70 anni di età negli ospedali pubblici

“Le direttive Eoc, condivise dalla maggioranza degli ospedali pubblici, non consentono di proseguire l’attività clinica oltre i 70 anni, per ovvie ragioni. Queste direttive sono state applicate in modo equo ad altri illustrissimi professori e predecessori del professor Tiziano Moccetti, ottantaduenne”, si precisa nella nota stampa.

Il CdA Eoc “è convinto che l’importante eredità del professor Moccetti e i suoi insegnamenti proseguiranno in quello che ha saputo tramandare. Un grande maestro, un grande “papà” è qualcuno che è anche in grado di tramandare il suo sapere, il suo entusiasmo e i suoi valori agli “allievi” che nel frattempo ha “fatto crescere”. In tal senso, i pazienti dovrebbero venire rassicurati e accompagnati dal proprio medico con fiducia ai successori che proseguono con lo stesso spirito, valori e competenza ciò che è stato loro donato e tramandato”.

“Il desiderio del nostro Consiglio di rendere omaggio al professor Tiziano Moccetti al momento del passaggio di testimone alla nuova direzione della sua opera è sentito e sincero”, si conclude.

La Fondazione Cardiocentro: ‘Gli accordi erano altri’

“Il Consiglio della Fondazione Cardiocentro Ticino è scioccato e indignato per la comunicazione odierna ricevuta dal Presidente dell’Ente Ospedaliero Cantonale Paolo Sanvido riguardo al futuro del Professor Tiziano Moccetti. Una e-mail (un’e-mail!) in cui si concedono tre mesi (tre mesi!) di tempo al fondatore del Cardiocentro per sgomberare l’ufficio e trasferirsi altrove con i suoi migliaia di pazienti. Un vero e proprio sfratto, vergognoso, in piena pandemia Covid19, che nessuno si sognerebbe d’imporre neanche a un ladro o ai molinari!”, si leggeva in un comunicato stampa diffuso sabato 19 dicembre in serata.

“Il Professor Moccetti in 25 anni di infaticabile lavoro, insieme a tutti i collaboratori, ha costruito un centro di eccellenza a livello nazionale e internazionale, salvando migliaia di vite e fermando il treno per Zurigo che i pazienti cardiopatici ticinesi erano costretti a prendere per potersi curare prima della nascita del Cardiocentro. E qual è il riconoscimento e il regalo di Natale del presidente dell’Eoc? Tre mesi di tempo per sloggiare con uno sfratto inviato via e-mail!”

Il Consiglio della Fondazione Cardiocentro, pur avendo ricevuto ampie rassicurazione dalla controparte nell’ambito delle trattative per l’integrazione dell’ospedale del cuore nell’Eoc, “ha sempre voluto rimanere un passo indietro rispetto al futuro del Professor Moccetti, lasciando campo libero alla futura direzione del Cardiocentro”. “Questo perché ha sempre ritenuto che la futura presenza di Moccetti fosse una questione medica e non politica”. “Ed è stata proprio la futura direzione dell’istituto - composta dai primari, dal responsabile infermieristico e dalla direzione amministrativa - a formulare in piena autonomia, per iscritto, al CdA dell’Eoc una proposta che consentisse al padre del Cardiocentro di poter continuare a prendersi cura dei suoi pazienti, pur senza più alcun ruolo dirigenziale od operativo nell’istituto. Proposta rimasta lettera morta per settimane fino a questa mattina quando, all’indomani della firma del contratto di trasferimento, è stata respinta, con l’aggiunta di sgomberare l’ufficio in tre mesi. Se questa è l’autonomia clinica che il CdA dell’Eoc intende lasciare al futuro istituto, cominciamo proprio male’.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved