vita-politica-e-non-di-cotti-nelle-parole-di-chi-l-ha-conosciuto
Uomo di ragionamento (archivio Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Muralto, botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
12 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
13 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
13 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
13 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
13 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
13 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
14 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
15 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
15 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
16 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
16 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
16 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
16 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
16 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
16 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
16 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
16.12.2020 - 22:35

Vita politica e non di Cotti nelle parole di chi l’ha conosciuto

Il ricordo di Fulvio Caccia, Armando Dadò, Renzo Respini, Luigi Pedrazzini, Fiorenzo Dadò e Maurizio Agustoni

«Ci siamo conosciuti da studenti quando entrambi militavamo nel movimento giovanile del Ppd. Lui è stato presidente del movimento giovanile fino al 1968 e io il suo successore». Risale a più 50 anni fa la frequentazione tra Fulvio Caccia e Flavio Cotti. «Furono gli anni della formazione politica», aggiunge ricordando che poi le rispettive strade si sono incrociate in seno al Consiglio di Stato dal 1977 al 1983, anno in cui Cotti fu eletto in consiglio nazionale. «Cotti era una personalità nata fare politica e per fare il politico. Rapidissimo nell’affermare la sostanza dei problemi. Dote che ha dimostrato quando è diventato Consigliere federale prendendo le redini del Dipartimento degli affari esteri. In quell’occasione assunse anche compiti a livello internazionale. Penso a quello assunto per conto dell’Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) durante la guerra nella ex Jugoslavia. Rappresentò bene la politica svizzera della neutralità ai massimi livelli internazionali», conclude.

Sui banchi del Papio

Un’amicizia di lunga, lunghissima data è stata quella fra Cotti e l'editore locarnese Armando Dadò, che lo ricorda con affetto: «Ci siamo conosciuti che eravamo studenti del Collegio Papio ad Ascona; lui aveva due anni in meno di me. Poi abbiamo mantenuto i contatti per oltre 50 anni. Spesso a pranzo e di persona, ma anche, quando lui era a Berna, con telefonate almeno settimanali. Non mi raccontava di certo i segreti di Stato, ma mi parlava della sua vita e dei suoi incontri con personalità dell’epoca, come il cancelliere della Germania Helmut Kohl o il presidente francese François Mitterand e altri ancora. Erano pure occasioni, preziose per entrambi, per parlare del più e del meno in tutta amicizia». Dadò lo definisce un uomo misurato, equilibrato: «Non aveva posizioni estreme e tentava di conciliare la sua sensibilità per le questioni sociali con le istanze di carattere economico. Sempre gentile e affabile aveva una vera e propria vocazione per la politica, accompagnata anche dall’ambizione. Qualità che gli hanno permesso di arrivare alle massime cariche federali. Negli ultimi tempi non è stato bene e le nostre telefonate si sono un po' diradate. L’ultima volta che l’ho sentito era circa una settimana fa, quand’era ospite alla residenza al Parco di Muralto». 

Politico di razza

È una conoscenza che risale alla fine degli anni 60, quando Cotti sedeva in gran consiglio ed era municipale di Locarno, quella con Renzo Respini, già Consigliere nazionale e consigliere di Stato Ppd. «Già in quegli anni ha dimostrato che era un politico di razza, caratteristica che non lo ha mai abbandonato nel corso della sua lunga carriera politica fino a servire il suo paese come Consigliere federale», ricorda Respini. «Lui credeva fermamente nell’azione politica e nel coinvolgimento dell’interlocutore. Un confronto che serviva a far venire fuori il meglio anche delle idee altrui, senza prevaricare e perseguire così il bene comune».

Grande spirito di servizio 

«Il Ticino e la Svizzera perdono una delle personalità politiche più importanti della seconda parte del ventesimo secolo», afferma il già consigliere di Stato Luigi Pedrazzini. Cotti è stato «un uomo che ha occupato praticamente tutte le funzioni della politica con un grande spirito di servizio, una grande dedizione e un grande impegno. In gioventù era tra virgolette progressista, aveva sostenuto diversi atti politici di apertura come ad esempio la Legge urbanistica. Poi è diventato più pragmatico, ma sempre dedito alla comunità». Prendendo anche «decisioni molto coraggiose in Consiglio federale. Grazie a lui - ricorda Pedrazzini - sono state date delle soluzioni al problema degli averi ebraici, è stato l’uomo che ha voluto spingere per una rivisitazione storica incisiva sul comportamento della Svizzera nella seconda guerra mondiale». Cotti, conclude, «non è mai venuto meno alla determinazione e al coraggio che aveva nel portare avanti le proprie posizioni».

Il Ticino gli deve molto

È commosso il ricordo che affida alla ‘Regione’ il presidente cantonale del Ppd Fiorenzo Dadò, suo amico di famiglia. «Abbiamo avuto degli scambi costanti fino a quasi all’ultimo, quando purtroppo si è ammalato. Rammento quando sono diventato presidente del partito e abbiamo fatto un pranzo a Locarno. Era molto contento della mia nomina, abbiamo avuto modo di confrontarci e parlare del futuro del Ppd». A Dadò piace ricordare anche che «Cotti è stato fino ad oggi l’ultimo uomo politico ticinese che ha avuto una rilevanza così grande a livello internazionale». Non c’è dubbio: «È una grossa perdita per il partito, per il cantone e per me: quando ho cominciato la mia attività politica ho avuto la fortuna di poterlo incontrare, di poter ricevere i suoi consigli e le sue opinioni. Era un uomo con una passione incredibile per la politica, e ci ha davvero insegnato tantissimo. Ha sostenuto veramente, con i fatti, il nostro cantone e tutte le istanze della Svizzera italiana: il Ticino gli deve molto».

Una presenza quasi mitica

«Flavio Cotti ha lasciato il Consiglio federale quando avevo 17 anni e non posso quindi dire di avere un ricordo personale della sua attività politica. Per me - aggiunge il capogruppo dei popolari democratici in Gran Consiglio Maurizio Agustoni - era soprattutto una presenza quasi mitica nella storia del Partito, resa concreta soprattutto dai racconti e dagli aneddoti di chi era stato al suo fianco. Le eccezionali doti intellettuali, la perfetta padronanza del tedesco, le riunioni fissate prima dell’alba, la straordinaria conoscenza del nostro elettorato (nomi, famiglie, origini, crucci). Ha governato una Svizzera molto diversa da quella di oggi, forse più ottimista, sicuramente più consensuale. Sono passati appena vent’anni, sembra trascorsa un’epoca. Il rimpianto per l’uomo Flavio Cotti è anche il rimpianto per un tempo in cui la popolarità non doveva pagare alcun prezzo alla serietà e alla competenza».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
flavio cotti ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved