ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
22 min

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
5 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
7 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
8 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
8 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
9 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
9 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
10 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
10 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
10 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
09.12.2020 - 18:19
Aggiornamento: 19:15

Covid, si vaccinerà solo con dati certi

La scelta inglese di accelerare la distribuzione di un preparato della Pfizer è ritenuta, dal farmacista cantonale Zanini, 'temeraria ed eticamente discutibile'

di Generoso Chiaradonna
covid-si-vaccinera-solo-con-dati-certi
Da sinistra: Giovan Maria Zanini e Giorgio Merlani (Ti-Press)

L’opinione pubblica rischia di essere frastornata dalle notizie di distribuzione di vaccini anti-Covid iniziate in alcuni paesi. La Gran Bretagna, per esempio, ha già avviato una campagna di distribuzione del preparato di Pfizer/BioNTech sulla base di una procedura di emergenza. Ma anche Cina e Russia stanno procedendo a somministrazioni di massa dei loro preparati. Da oggi anche gli Stati Uniti inizieranno a vaccinare la fetta più vulnerabile della loro popolazione con il vaccino di Moderna. In Svizzera, al di là delle dichiarazioni di Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica, che si è detta sicura che il primo vaccino dovrebbe avere il via libera di Swissmedic a inizio gennaio, non ci sono al momento evidenze che ciò avverrà. Non prima dell’inizio della prossima estate, ovvero aprile, maggio e giugno. «Nell’adottare la legge Covid-19, lo scorso settembre, il Parlamento ha rinunciato a prevedere un’omologazione di emergenza dei vaccini pandemici», spiega Giovan Maria Zanini, farmacista cantonale, spegnendo l’entusiasmo di chi immaginava di mettersi alle spalle in fretta questo particolare momento storico. «La scelta inglese - continua Zanini - a questo punto della ricerca scientifica è alquanto temeraria ed eticamente discutibile». «Non sono il solo a pensarla così, ma gran parte del mondo scientifico internazionale. Una omologazione di emergenza comporta dei rischi e non rassicura la popolazione», continua ancora il farmacista cantonale.

Non è l'Ebola

«Un conto è se fossimo stati confrontati con una malattia tipo l’Ebola con una mortalità nell’ordine del 60%, ma ciò non è il caso del Covid-19. Quindi, fino a quando Swissmedic non avrà esaminato tutte le informazioni disponibili sui quattro vaccini pandemici che hanno richiesto l’omologazione (AstraZeneca/UniOxford, Pfizer/BioNTech, Janssen-Cilag J&J e Moderna, ndr), non inizierà nessuna distribuzione di massa», continua ancora Giovan Maria Zanini. La stessa procedura - quella di una procedura accelerata basata però sulla revisione regolare di tutti dati man mano che sono generati - l’ha adottata anche l’Ema, l’agenzia europa del farmaco. Questo per dire che la Svizzera non è da sola in questa scelta prudenziale. «Il primo principio della medicina - afferma infatti il medico cantonale Giorgio Merlani - è quello di non nuocere (primum non nocere, ndr). Sono a favore dei vaccini, ma senza dati certi farei fatica a consigliare le persone a farlo». E quando il vaccino sarà disponibile anche in Svizzera, la situazione non cambierà di molto rispetto all’attuale. «I protocolli di sicurezza - distanziamento, disinfettante e mascherina - non verranno abbandonati e dovranno essere osservati anche nei prossimi mesi. Questo non vuole dire che la situazione attuale si protrarrà ancora così a lungo».

A ogni modo quando ci saranno dati «solidi e completi da dimostrare la qualità, la sicurezze e l’efficacia», la distribuzione potrà avvenire anche in Ticino. «L’organizzazione logistica è in corso e si prevedono fino a sei centri di vaccinazione. Inoltre, ci sarà la possibilità di vaccinare in strutture sanitarie e studi medici e se del caso, con il sostegno di squadre mobili», aggiunge ancora il farmacista cantonale Zanini. Infine, quando sarà nota la strategia vaccinale da parte dell’Ufficio federale della sanità pubblica, «si saprà quale popolazione a rischio (anziani o personale sanitario, ndr) e a quali condizioni potrà accedervi - volontariamente - per prima». I costi, in ogni caso, saranno interamenti coperti da Confederazione, Cantoni e Casse malati senza pesare  direttamente sui cittadini.

Leggi anche:

Covid-19: la vaccinazione sarà gratuita e non obbligatoria

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved