ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
1 ora

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
8 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
8 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
11 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
13 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
14 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
14 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
16 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
18 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
19 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
21 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
07.12.2020 - 16:37
Aggiornamento: 08.12.2020 - 08:06

In Ticino da domani bar chiusi alle 19, ristoranti alle 22

Mantenute le misure già in vigore fino al 23 dicembre, in aggiunta dalla mezzanotte di mercoledì i bar dovranno chiudere alle ore 19, i ristoranti alle 22

in-ticino-da-domani-bar-chiusi-alle-19-ristoranti-alle-22
(Ti-Press)

Il Consiglio di Stato, presenti il presidente del Governo Norman Gobbi, il direttore del Dss Raffaele De Rosa e il medico cantonale Giorgio Merlani, ha comunicato le nuove misure di contenimento della pandemia.

Norman Gobbi: «La situazione non è soddisfacente, c'è pressione sulle strutture sanitarie. La percezione sul territorio nazionale è differenziata, alcuni cantoni hanno reagito, altri all'invito del governo a rafforzare le misure hanno risposto picche». 

Il Presidente del Consiglio di Stato ha messo in guardia sulla situazione in fase di stallo, evocando la mefafora dello scollinamento del picco e del fondovalle, in chiave leventinese: «In caso di una terza ondata non partiremmo dal fondovalle ma dalla Biaschina. Il canton Ticino ha vissuto fasi di lockdown totale, sappiamo come comportarci ma dobbiamo ricordarcelo».

Riguardo ai piani di protezione, Gobbi ha dichiarato che le forze di controllo hanno dovuto constatare l'insufficienza di alcuni di essi. Sarà dato mandato alla polizia cantonale e comunale di verificare il rispetto di tali piani di protezione, ad esempio le distanze fra i tavoli e le sedie nei locali. 

Mantenute le misure già in vigore fino al 23 dicembre, in aggiunta a partire dalla mezzanotte di mercoledi i bar e servizi di bar dovranno chiudere alle ore 19. I ristoranti e i servizi di asporto dovranno chiudere alle 22, così come casinò, case da gioco (inclusi le sale da bowling, da biliardo, da tombola e da gioco in generale), locali erotici e gli altri locali notturni. 

«Le normative vogliono essere garanti della sicurezza sanitaria ma anche della libertà individuale. Se le misure non dovessero dare i risultati auspicati bisogna stringere ancora, ma vogliamo evitare chiusure generalizzate» Ha detto Gobbi. Il presidente del Consiglio di Stato ha richiamato anche l'attenzione a quanto avviene in territorio lombardo, auspicando di poter passare un Natale con restrizioni minori rispetto a quelle in vigore nella vicina penisola.

'I commerci controllino meglio gli accessi'

Il Consiglio di Stato si rivolge poi a tutti gli attori economici: i controlli svolti nelle attività commerciali sono molto sollecitati. Il passaggio ai 10 metri quadri per persona deciso dalla Confederazione non è rispettato da tutti, si è verificata una disattenzione al controllo del numero degli accessi negli esercizi commerciali, dunque il Governo domanda uno sforzo anche all'ambito del commercio, utilizzando sistemi di controllo degli accessi tecnologico o con l'ausilio di personale di sicurezza.

 Gobbi: 'Il tampone non è invasivo, fatelo ai primi sintomi'

Norman Gobbi ha inoltre invitato «di cuore» a farsi testare ai primi sintomi «Io stesso l'ho fatto per sicurezza dopo il contatto con una persona, fatelo, davvero, pensate a voi stessi, ai vostri cari e a chi ci sta vicino, soprattutto all'avvicinarsi del Natale»

Sulla stessa linea il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa: «La diminuzione dei contagi è stata lenta, ora assistiamo a una stabilizzazione, nell'ultima settimana c'è stato anche un leggero aumento. Ci auguriamo non avvenga un'inversione di tendenza. L'assestamento sta avvenendo su livelli troppo alti. Occorre ridurre i contatti e assumere comportamenti responsabili. Con questi numeri non ci sono i margini per assorbire una nuova impennata dei casi»

De Rosa ha ribadito la necessità di selezionare i contatti, scegliere occasioni di incontro magari all'aperto, rimanere in ambito familiare. 

Merlani: 'Discesa dei casi lenta, ma l'impressione è che siamo di nuovo in crescita'

Il medico cantonale comunica che il tasso di riproduzione del virus, l'Rt, ha di nuovo superato l'1. «Se uno non fa il test, non possiamo sapere se è positivo e non possiamo mettere in quarantena i suoi contatti. Non ci vuole per forza tosse o febbre persistente: per esempio, il sottoscritto ha avuto febbre per meno di 24 ore, senza il test non avrei saputo di essere positivo e avrei potuto infettare il Consiglio di Stato. Anche un raffreddore o una stanchezza inspiegabile e improvvisa può essere un sintomo. Il test va fatto il più rapidamente possibile, altrimenti i suoi contatti vengono messi in quarantena troppo tardi».

Infine, una frecciatina di Merlani a chi ironizza sugli orari delle aperture: «Non è che il virus ha orari, ma in base all'orario cambia l'atteggiamento delle persone. Con gli orari serali aumenta magari anche il tasso alcolico, che riduce le distanze sociali e l'attenzione alle misure di prevenzione, per cui anche gli orari di chiusura hanno un effetto sulla diffusione del virus»

«Avrei voluto che i valori scendessero di più, e proporre magari delle aperture per Natale, adesso non è possibile. Il "malato Ticino" è ancora sotto osservazione» ha aggiunto Merlani, e sul contact tracing: «Non vorrei vedere gli episodi di festicciole e assembramenti che ho visto e temo che ce ne saranno altri nei prossimi giorni, e temo la tendenza a sottoporsi meno al test»

Rischio di assembramenti al di fuori dei bar o in case private?

Riguardo la possibilità che la chiusura dei bar sposti gli assembramenti al di fuori, Merlani constata come comunque esso riguarda solo una parte delle persone, molte delle quali invece interpretano le misure come delle precauzioni da rispettare. Il rischio va corso, secondo Merlani, in quanto ci si aspetta più benefici che svantaggi.

Merlani: 'Tasso di mortalità probabilmente in discesa, molti morti per picco di ospedalizzati'

Il medico cantonale ha evidenziato come anche il tasso di mortalità sia più basso, sia per il maggior numero di test effettuati, sia per l'esperienza accumulata dai sanitari circa le terapie da seguire: i numeri sono alti a causa di un picco di malati ospedalizzati, ma il tasso di mortalità sembra comunque diminuire.

Gobbi: 'Sulle attività economiche, colpire il singolo che trasgredisce, non tutto il settore'

Sugli eventuali sacrifichi chiesti al mondo economico, Gobbi ha sottolineato che si preferisce «usare il bastone», e sanzionare solo chi non rispetta le norme di sicurezza e i piani di protezione, non tutto il settore. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved