affitti-commerciali-chiesta-una-soluzione-cantonale
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
13 min

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
29 min

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
33 min

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
48 min

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
2 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
02.12.2020 - 19:18
Aggiornamento : 19:42

Affitti commerciali, chiesta una soluzione cantonale

La camere affossano definitivamente gli aiuti, ma il problema creato dal lockdown sussiste. In Ticino si ribussa alla porta del consiglio di Stato

Non ci sarà nessuna soluzione federale volta a sgravare gli esercizi commerciali dalle pigioni per il periodo del lockdown. Lunedì era stato il Consiglio nazionale a dire no alla legge sugli indennizzi. Oggi anche il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia per 30 voti contro 14 sul progetto del consiglio federale, elaborato in risposta a due mozioni simili trasmesse dalle camere federali lo scorso giugno. Il disegno di legge è quindi definitivamente tramontato.

Cosa prevedeva il progetto

Se la maggioranza delle due camere avesse accettato il testo, i gestori degli esercizi commerciali avrebbero pagato il 40% della pigione dovuta per tutto il periodo di chiusura forzata decisa in primavera dal governo. Tale soluzione avrebbe coperto fino a un massimo di 20 mila franchi di affitto mensile. Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - avrebbero potuto decidere di derogare a tale regola. La proposta di legge, inoltre, prevedeva anche che i locatori avrebbero potuto chiedere un indennizzo alla Confederazione nei casi di rigore. 

Secondo la commissione parlamentare, il testo avrebbe creato incertezza giuridica intervenendo nei rapporti contrattuali tra privati e per giunta in modo retroattivo. In ballo, secondo molti, vi erano anche i principi costituzionali di non retroattività e della sicurezza della proprietà. Era anche il timore del consigliere federale Guy Parmelin che non ha nascosto lo scetticismo del consiglio federale su questo dossier. Il ministro dell’economia ha ricordato che esiste pure sempre la possibilità per le parti coinvolte di mettersi d’accordo bonariamente o di ricorrere alla legge Covid per i casi di rigore. A tale riguardo il governo ha promesso un miliardo di franchi, di cui 680 milioni a carico della Confederazione e 320 dei Cantoni. La discussione su questo dossier è in corso.

Tema emerso durante il lockdown

«La scorsa primavera, come sezione ticinese dell’Associazione svizzera degli inquilini (Asi), ci eravamo fatti promotori di una richiesta al consiglio di stato per compensare, in parte, le pigioni a carico dei commercianti alle prese con il lockdown. Alla luce della decisione delle camere federali di bocciare la legge a livello nazionale, la richiesta di allora è ancora più di attualità». Così Adriano Venuti, presidente dell'Asi della Svizzera italiana. Ricordiamo che il modello preso a riferimento era quello adottato autonomamente dal Cantone di Ginevra sempre la scorsa primavera: un terzo della pigione a carico dell’inquilino, un terzo a carico del proprietario e un terzo lo avrebbe rifuso lo Stato. «È vero che alcuni Comuni, con i locali commerciali di loro proprietà, sono venuti incontro ai loro inquilini condonando parte della pigione. Non è avvenuto però per tutti. I piccoli commercianti, ma anche bar e ristoranti, inoltre, sono stati quelli più colpiti dalle decisioni di chiusura e un aiuto in questo senso sarebbe stato ben accetto», continua Venuti che fa notare che «nelle ultime settimane si sta vivendo un altro lockdown, questa volta mascherato». «Invitando le persone a non uscire, di fatto si penalizzano le attività commerciali senza però ordinare vere e proprie chiusure. In questo modo le autorità si deresponsabilizzano», conclude Venuti.

Christian Vitta: ‘Potrebbero rientrare nei casi di rigore’

Da parte del consiglio di Stato ticinese non sembra esserci preclusione su questi aspetti. «Il Governo ha già risposto al Gran Consiglio a seguito di una mozione sul tema. Attualmente si sta lavorando al sistema dei casi di rigore che permette d’intervenire anche con contributi a fondo perso nei settori più colpiti dalla pandemia», ci dichiara Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dfe. «A questo proposito, nelle prossime settimane verrà licenziato un messaggio. Questi aiuti, che possono assumere anche la forma di fondo perso, potranno contribuire a coprire anche i costi fissi, tra cui può rientrare anche il costo dell’affitto. Nel frattempo si è anche appreso che in vari casi proprietari e inquilini hanno trovato degli accordi bonari sull’importo dell’affitto», aggiunge Vitta.

Una petizione online

Il partito socialista e l’Associazione svizzera degli inquilini rilanciano comunque il tema del rimborso degli affitti in Ticino con una petizione online nei confronti del Gran Consiglio. Lo scorso 20 aprile la deputata al gran consiglio Anna Biscossa aveva presentato per conto del partito socialista una mozione che chiedeva al Ticino di agire, versando ai proprietari degli immobili la metà dell’onere dell’affitto (spese escluse) e invitando la Catef, la Camera ticinese dell’economia fondiaria a incoraggiare i proprietari, quando possibile, a fare un passo a favore di queste categorie di inquilini, rinunciando a loro volta alla metà dell’affitto dovuto. Il Consiglio di Stato - si legge in un comunicato a firma di Anna Biscossa, dei due copresidenti Laura Riget e Fabrizio Sirica, del capogruppo Ivo Durish, dai due deputati federali socialisti (Marina Carobbio agli Stati e Bruno Storni al Nazionale) e da Andriano Venuti (Asi) - aveva però rimandato a una soluzione a livello nazionale. Con la bocciatura si riapre la possibilità di una soluzione cantonale sulla falsariga di quanto già avvenuto in altri Cantoni. A oggi sarebbero sei i cantoni che hanno messo a punto la scorsa primavera dispositivi di aiuto (Vaud, Ginevra, Friburgo, Neuchâtel, Basilea Città e Soletta. Secondo l’Ufficio federale dell’abitazione ci sarebbero altri cinque cantoni (Vallese, Berna, Basilea Campagna, Appenzello Interno e anche i Ticino) che stanno pensando a misure di sostegno. “Questa misura, sostenuta anche dall’Associazione degli inquilini, porterebbe una
boccata di ossigeno alle piccole imprese e agli indipendenti”, conclude il comunicato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
affitti commerciali inquilini soluzione cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved