laRegione
preventivo-in-gestione-un-si-che-divide
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
7 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
7 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
8 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
9 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Bellinzonese
9 ore

A Bellinzona ora anche i negozi chiusi fanno ‘take away’

La Società dei commercianti lancia l'iniziativa 'Click & Collect': i clienti possono ritirare mercoledì e sabato la merce ordinata
Ticino
01.12.2020 - 20:330
Aggiornamento : 23:01

Preventivo, in Gestione un sì che divide

Firmato il rapporto. Confermata e formalizzata la richiesta al Consiglio di Stato di presentare misure entro giugno per un autofinanziamento non negativo

“Il Preventivo 2021 non soddisfa invero nessuno, ma tutti riconoscono che una sua approvazione in dicembre sia indispensabile per compiere un passo avanti”. Parole che figurano nel rapporto redatto dal presidente della Gestione Matteo Quadranti (Plr) e che oggi la commissione parlamentare ha confermato sottoscrivendo il documento. C’è chi non lo ha firmato, come i Verdi, e chi lo ha fatto con riserva. Fatto sta che il dossier potrà essere affrontato dal Legislativo nella seduta di metà mese. Un Preventivo, quello che approderà a breve al plenum, che in questo difficile periodo a causa della pandemia, chiude con un disavanzo, per le casse del Cantone, di quasi 231 milioni di franchi. “Non ci sono i presupposti per porre correttivi in tempo utile per poterlo trattare durante la sessione del Gran Consiglio del 14 dicembre - si afferma nel rapporto -. Tutti o quasi sembrano aver accolto l’idea secondo cui il voler adottare rapidamente misure, che rischiano di essere improvvisate o poco approfondite, potrebbe essere non particolarmente utile, se non addirittura controproducente. Il pericolo, inoltre, è di creare tra le forze politiche contrapposizioni difficili da sanare”.  La Gestione, tuttavia, non si limita a invitare il Gran Consiglio “ad aderire al Preventivo 2021”: nel relativo decreto formalizza la preannunciata richiesta al Consiglio di Stato di presentare entro fine giugno al parlamento “un messaggio d‘aggiornamento” dei conti “contenente proposte di misure equilibrate che, riservata l’evoluzione della crisi pandemica nel primo semestre, siano finalizzate al raggiungimento di un autofinanziamento non negativo entro il 31 dicembre 2021”. «Ho firmato il rapporto unicamente perché c’è questo articolo nel decreto, proprio per non cominciare a indebitarci solo per poter pagare gli stipendi - dice Michele Foletti -. Come Lega - prosegue il suo capogruppo in Gran Consiglio - avevamo proposto alla commissione di formulare delle proposte per diminuire il deficit d’esercizio. La maggioranza preferisce attendere. Questa mancanza di misure da attuare già adesso per il rientro della spesa solleva nel nostro movimento non poche perplessità».

Il tenore dell’articolo - il numero 2 - inserito nel Decreto legislativo all’unanimità dei commissari della Gestione, anche se con molti distinguo a seconda delle diverse sensibilità politiche, è un invito a trovare una soluzione concordata. «La destra insiste con misure di rientro basate sui tagli alla spesa pubblica, mentre la sinistra è orientata a utilizzare la leva fiscale», precisa Matteo Quadranti. Ma l’obiettivo primario, quello di portare davanti al plenum del Gran Consiglio il Preventivo 2021 da approvare entro la fine dell’anno da tutte le forze di governo, è stato raggiunto. «Rinviare a gennaio l’approvazione del bilancio preventivo del Cantone non avrebbe risolto nulla e forse creato maggiori divisioni in seno alla commissione», continua il relatore. Ricordiamo che il conto degli investimenti chiude con un saldo di 258 milioni a cui si aggiunge un autofinanziamento negativo di oltre 22 milioni. «La commissione della Gestione si rende conto che toccare il Preventivo sarebbe un esercizio aleatorio, perché ancora non ci sono i mezzi per misurare l’ampiezza e la durata della pandemia e della crisi economica conseguente», commenta il parlamentare liberale radicale. Non ci sono quindi i presupposti per porre correttivi in tempo utile. Inoltre, gran parte delle spese scaturiscono o da leggi cantonali o da leggi federali difficilmente modificabili in un breve lasso di tempo.

Osserva il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni: «La maggioranza commissionale, un po' a fatica, è riuscita a convergere sull'obiettivo di non indebitare il Cantone per il finanziamento delle spese correnti. Siamo però tutti coscienti, anche per l'esperienza degli ultimi mesi, che oggi come oggi è impossibile prevedere come evolverà la situazione. La priorità - evidenzia Agustoni - sarà in ogni caso il sostegno dell'economia e della popolazione, soprattutto le fasce più fragili. In questo senso bisogna essere consapevoli che i conti potrebbero anche essere 'peggiori' rispetto a quanto preventivato». Afferma il capogruppo socialista Ivo Durisch: «Riconosciamo la necessità di contenere il debito pubblico e di rendere neutro l'autofinanziamento, ma dipende dal tipo di provvedimenti prospettati per il rientro. In ogni caso ci opporremo a eventuali tagli lineari. Per noi sono assolutamente imprescindibili, e vanno dunque implementate, le misure a favore dei cittadini, come il fondo sociale da noi proposto, come gli aiuti cantonali per i casi di rigore, per gli affitti commerciali e via dicendo. Ma anche le spese aggiuntive causa Covid per ospedali e trasporti pubblici».

Di parere diverso Paolo Pamini (Udc). «Noi riteniamo irresponsabile nella situazione attuale far finta di nulla e non incidere nel limite del possibile sulla spesa - annota il deputato democentrista -. I debiti prima o poi qualcuno deve pagarli e più se ne aggiungono, più difficile diventa pagarli. Faremo degli emendamenti in aula proponendo tagli alla spesa. Stiamo verificando alcuni aspetti formali, ci piacerebbe restare i più generici possibile per concentrarci sulla sostenibilità finanziaria del Cantone ed evitare disquisizioni sulle singoli voci di spesa. Idealmente proporremo di tagliare la spesa nel complesso, altrimenti faremo proposte per le macrovoci di spesa: personale, beni e servizi...».

In calce al rapporto uscito dalla Gestione non c’è la firma dei Verdi. «Anche in passato non abbiamo mai firmato perché riteniamo ancora insufficiente l’impegno verso i temi ambientali, anche se riconosciamo che la sensibilità, anche di altre forze politiche, negli ultimi anni è cresciuta», sostiene Samantha Bourgoin.

© Regiopress, All rights reserved