ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
15 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
15 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
15 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
15 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
01.12.2020 - 20:33
Aggiornamento: 23:01

Preventivo, in Gestione un sì che divide

Firmato il rapporto. Confermata e formalizzata la richiesta al Consiglio di Stato di presentare misure entro giugno per un autofinanziamento non negativo

preventivo-in-gestione-un-si-che-divide
(archivio Ti-Press)

“Il Preventivo 2021 non soddisfa invero nessuno, ma tutti riconoscono che una sua approvazione in dicembre sia indispensabile per compiere un passo avanti”. Parole che figurano nel rapporto redatto dal presidente della Gestione Matteo Quadranti (Plr) e che oggi la commissione parlamentare ha confermato sottoscrivendo il documento. C’è chi non lo ha firmato, come i Verdi, e chi lo ha fatto con riserva. Fatto sta che il dossier potrà essere affrontato dal Legislativo nella seduta di metà mese. Un Preventivo, quello che approderà a breve al plenum, che in questo difficile periodo a causa della pandemia, chiude con un disavanzo, per le casse del Cantone, di quasi 231 milioni di franchi. “Non ci sono i presupposti per porre correttivi in tempo utile per poterlo trattare durante la sessione del Gran Consiglio del 14 dicembre - si afferma nel rapporto -. Tutti o quasi sembrano aver accolto l’idea secondo cui il voler adottare rapidamente misure, che rischiano di essere improvvisate o poco approfondite, potrebbe essere non particolarmente utile, se non addirittura controproducente. Il pericolo, inoltre, è di creare tra le forze politiche contrapposizioni difficili da sanare”.  La Gestione, tuttavia, non si limita a invitare il Gran Consiglio “ad aderire al Preventivo 2021”: nel relativo decreto formalizza la preannunciata richiesta al Consiglio di Stato di presentare entro fine giugno al parlamento “un messaggio d‘aggiornamento” dei conti “contenente proposte di misure equilibrate che, riservata l’evoluzione della crisi pandemica nel primo semestre, siano finalizzate al raggiungimento di un autofinanziamento non negativo entro il 31 dicembre 2021”. «Ho firmato il rapporto unicamente perché c’è questo articolo nel decreto, proprio per non cominciare a indebitarci solo per poter pagare gli stipendi - dice Michele Foletti -. Come Lega - prosegue il suo capogruppo in Gran Consiglio - avevamo proposto alla commissione di formulare delle proposte per diminuire il deficit d’esercizio. La maggioranza preferisce attendere. Questa mancanza di misure da attuare già adesso per il rientro della spesa solleva nel nostro movimento non poche perplessità».

Il tenore dell’articolo - il numero 2 - inserito nel Decreto legislativo all’unanimità dei commissari della Gestione, anche se con molti distinguo a seconda delle diverse sensibilità politiche, è un invito a trovare una soluzione concordata. «La destra insiste con misure di rientro basate sui tagli alla spesa pubblica, mentre la sinistra è orientata a utilizzare la leva fiscale», precisa Matteo Quadranti. Ma l’obiettivo primario, quello di portare davanti al plenum del Gran Consiglio il Preventivo 2021 da approvare entro la fine dell’anno da tutte le forze di governo, è stato raggiunto. «Rinviare a gennaio l’approvazione del bilancio preventivo del Cantone non avrebbe risolto nulla e forse creato maggiori divisioni in seno alla commissione», continua il relatore. Ricordiamo che il conto degli investimenti chiude con un saldo di 258 milioni a cui si aggiunge un autofinanziamento negativo di oltre 22 milioni. «La commissione della Gestione si rende conto che toccare il Preventivo sarebbe un esercizio aleatorio, perché ancora non ci sono i mezzi per misurare l’ampiezza e la durata della pandemia e della crisi economica conseguente», commenta il parlamentare liberale radicale. Non ci sono quindi i presupposti per porre correttivi in tempo utile. Inoltre, gran parte delle spese scaturiscono o da leggi cantonali o da leggi federali difficilmente modificabili in un breve lasso di tempo.

Osserva il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni: «La maggioranza commissionale, un po' a fatica, è riuscita a convergere sull'obiettivo di non indebitare il Cantone per il finanziamento delle spese correnti. Siamo però tutti coscienti, anche per l'esperienza degli ultimi mesi, che oggi come oggi è impossibile prevedere come evolverà la situazione. La priorità - evidenzia Agustoni - sarà in ogni caso il sostegno dell'economia e della popolazione, soprattutto le fasce più fragili. In questo senso bisogna essere consapevoli che i conti potrebbero anche essere 'peggiori' rispetto a quanto preventivato». Afferma il capogruppo socialista Ivo Durisch: «Riconosciamo la necessità di contenere il debito pubblico e di rendere neutro l'autofinanziamento, ma dipende dal tipo di provvedimenti prospettati per il rientro. In ogni caso ci opporremo a eventuali tagli lineari. Per noi sono assolutamente imprescindibili, e vanno dunque implementate, le misure a favore dei cittadini, come il fondo sociale da noi proposto, come gli aiuti cantonali per i casi di rigore, per gli affitti commerciali e via dicendo. Ma anche le spese aggiuntive causa Covid per ospedali e trasporti pubblici».

Di parere diverso Paolo Pamini (Udc). «Noi riteniamo irresponsabile nella situazione attuale far finta di nulla e non incidere nel limite del possibile sulla spesa - annota il deputato democentrista -. I debiti prima o poi qualcuno deve pagarli e più se ne aggiungono, più difficile diventa pagarli. Faremo degli emendamenti in aula proponendo tagli alla spesa. Stiamo verificando alcuni aspetti formali, ci piacerebbe restare i più generici possibile per concentrarci sulla sostenibilità finanziaria del Cantone ed evitare disquisizioni sulle singoli voci di spesa. Idealmente proporremo di tagliare la spesa nel complesso, altrimenti faremo proposte per le macrovoci di spesa: personale, beni e servizi...».

In calce al rapporto uscito dalla Gestione non c’è la firma dei Verdi. «Anche in passato non abbiamo mai firmato perché riteniamo ancora insufficiente l’impegno verso i temi ambientali, anche se riconosciamo che la sensibilità, anche di altre forze politiche, negli ultimi anni è cresciuta», sostiene Samantha Bourgoin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved