laRegione
procuratori-pubblici-fumata-bianca-in-commissione
(Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
8 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
8 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
8 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Ticino
30.11.2020 - 12:420
Aggiornamento : 17:42

Procuratori pubblici, fumata bianca in commissione

La 'Giustizia e diritti’ propone l’elezione dei 19 pp uscenti (più il pg), compresi i 5 ‘bocciati’ dal Cdm, e gli 8 ritenuti idonei dagli esperti. Le reazioni

Procuratori pubblici, giochi fatti nella commissione parlamentare. Questa mattina la ‘Giustizia e diritti’ ha firmato il rapporto (solo il Plr non lo ha sottoscritto), stilato dal presidente Luca Pagani (Ppd), con cui propone al plenum del Gran Consiglio l’elezione dei 19 procuratori pubblici uscenti (Andrea Minesso, come noto, aveva deciso di non sollecitare un nuovo mandato decennale), compresi dunque i cinque procuratori pubblici la cui nomina è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura (Cdm). La commissione ha pure deciso di proporre la rielezione del procuratore generale Andrea Pagani, unico candidato, e la nomina degli otto aspiranti procuratori considerati idonei dalla Commissione di esperti indipendenti. La parola ora al plenum del Gran Consiglio,  nella seduta che si aprirà il 14 dicembre, l'ultima utile per procedere alle elezioni dei magistrati inquirenti, tenuto conto che in seno alla Procura i mandati decennali scadono a fine anno.

Il presidente Luca Pagani: non c'erano elementi sufficientemente solidi

Dunque, ventisette pp candidati - fra uscenti e nuovi - per venti posti da procuratore pubblico: cosa succederà fra due settimane in parlamento? Nell'elenco come detto figurano i cinque 'bocciati' - con preavvisi inusualmente duri per i contenuti e i toni - dal Consiglio della magistratura, il quale ai pp in questione aveva negato in un primo tempo l'accesso agli atti, sollevando non poche polemiche «Abbiamo fatto i necessari approfondimenti e non abbiamo ravvisato elementi sufficientemente solidi per l'indicazione di una non rielezione, in particolare l'assenza di perentori avvertimenti formali e l'assenza di sanzioni disciplinari» a carico dei cinque procuratori, spiega, avvicinato dalla 'Regione', il presidente della commissione Luca Pagani. Di più: «I dati statistici forniti non sono stati ritenuti particolarmente dirimenti».

Si è in attesa di una risoluzione della stessa commissione: da nostre informazioni non mancherebbero critiche, seppur velate, all’operato del Consiglio della magistratura in questa procedura di rinnovo delle cariche. E si auspicherebbero, per quanto riguarda le competenze del Cdm nella valutazione dei pp che postulano un nuovo mandato, correttivi a livello normativo e organizzativo. Correttivi anche con riferimento al Ministero pubblico (maggior vigilanza)

Sabrina Aldi: un iter con tutta una serie di problemi

«Secondo me la commissione parlamentare ha fatto l'unica scelta che poteva fare, quella più ragionevole - osserva la prima vicepresidente della 'Giustizia e diritti' Sabrina Aldi (Lega) -. Abbiamo riscontrato tutta una serie di problemi in questo iter legato al rinnovo delle cariche che, ponderato il tutto, ci hanno portato all'unica, ripeto, soluzione ragionevole».

Fiorenzo Dadò: situazione intricata e non per colpa della nostra commissione

Evidenzia a sua volta il popolare democratico Fiorenzo Dadò: «In quattordici anni di Gran Consiglio è la prima volta che sono confrontato con una situazione del genere. Una situazione intricata, e non per colpa della nostra commissione. Uscirne non era facile. Ritengo che quella trovata sia la soluzione migliore». Rileva il socialista Carlo Lepori: «È stata una procedura piuttosto difficile: credo comunque che la commissione e dunque il legislativo abbia svolto il suo ruolo di alta vigilanza. Il Consiglio della magistratura non ha portato elementi soddisfacenti».

Giorgio Galusero e Marco Bertoli: preavvisi del Cdm validi 

Il rapporto, come scritto, non è stato firmato dai commissari del Plr. «Abbiamo detto fin dall'inizio - ricorda il liberale radicale Giorgio Galusero, secondo vicepresidente della 'Giustizia e diritti' - che i cinque preavvisi negativi stilati dal Consiglio della magistratura, cioè dall'autorità di vigilanza sul sistema giudiziario voluta a suo tempo dal parlamento e composta di personalità di sicuro spessore, presentano elementi sufficientemente validi per non proporre la rielezione dei cinque pp. Come mai allora la commissione aveva deciso a suo tempo di riaprire il concorso?...». Rilancia il collega di partito e di commissione Marco Bertoli: «Continuiamo a considerare i preavvisi del Cdm validi per fare una scelta responsabile e nel rispetto della Costituzione».

Il Plr non ha però firmato neppure la risoluzione. «È giunta solo ieri ai commissari - sostiene Galusero -. Avevamo pertanto chiesto che i gruppi parlamentari avessero il tempo di esaminarla. Così non è stato. In ogni caso noi come Plr lo faremo nella riunione di gruppo di mercoledì e decideremo se sottoscriverla». Ritenuto, aggiunge a sua volta Bertoli, che la risoluzione «non attiene alle nomine ma affronta questioni di carattere generale».

© Regiopress, All rights reserved