laRegione
gli-allievi-infermieri-sono-gia-in-corsia
ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
5 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
6 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
8 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
8 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
8 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
8 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
9 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
9 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Bellinzonese
10 ore

A Bellinzona ora anche i negozi chiusi fanno ‘take away’

La Società dei commercianti lancia l'iniziativa 'Click & Collect': i clienti possono ritirare mercoledì e sabato la merce ordinata
TICINO
27.11.2020 - 06:000

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio

Il sistema sanitario è sotto stress e qualsiasi aiuto è ben accetto, soprattutto quello dei giovani e delle giovani all’ultimo anno di studi infermieristici. «Alcune settimane fa abbiamo discusso con alcune istituzioni sanitarie in merito alla possibilità che i nostri studenti, così come avvenuto durante la scorsa primavera, potessero essere loro di supporto, in questo momento di forte sollecitazione», ci dice Carla Pedrazzani, responsabile del corso di laurea in cure infermieristiche alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi), ricordando che gli allievi attualmente in stage sono una novantina e poco meno di ottanta prolungheranno il periodo nei vari servizi sanitari del territorio. «Non siamo stati obbligati», spiega Marina (nome noto alla redazione, ndr), studentessa del terzo anno, «però durante l’incontro avvenuto a inizio mese, le nostre responsabili hanno puntato molto il discorso sui principi morali. Hanno parlato di valori, di solidarietà, disponibilità e dei doveri di un buon infermiere. Questo mi ha fatta sentire un po' spinta ad accettare». E aggiunge, «non l’hanno detto esplicitamente, ma a parer mio c’era anche in gioco l’immagine della scuola».

Agli studenti è stato chiesto di prolungare di sei settimane il loro stage già previsto dal corso di studi. «Si tratta di un periodo durante il quale gli studenti avrebbero svolto dei moduli opzionali – precisa Pedrazzani –, che vengono sostituiti con una pratica di stage che permette comunque loro di acquisire una serie di competenze e di conoscenze di natura più applicata. Il prolungamento non comporta quindi uno stravolgimento del piano di studi né tantomeno un’estensione della formazione. Verrà garantito l’accompagnamento delle persone di referenza e la retribuzione. Agli studenti verranno riconosciuti dei crediti formativi aggiuntivi».

A rallegrarsi della presenza degli allievi anche Annette Biegger, capo dell’area infermieristica dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc): «Sono un grande aiuto e non solo nei reparti Covid. Abbiamo bisogno anche negli altri perché l’attività ospedaliera continua e noi dobbiamo comunque garantire la presa a carico dei pazienti che non sono affetti da coronavirus. Questo si traduce in un’attività abbastanza alta anche negli altri reparti». E ricordando la prima ondata di Covid-19 afferma: «È stata un’ottima esperienza anche per loro e ci siamo attivati anche in questa seconda fase della pandemia».

Un aiuto necessario

La situazione particolare non lascia indifferenti: «A inizio stage avevo un po’ paura – ci racconta Marina –, ma poi ho visto che il team era molto coeso, nonostante ci sia personale che arrivi da altri ospedali». Riguardo alla formazione degli allievi infermieri Annette Biegger ricorda: «Sicuramente non è un anno semplice per nessuno studente e per tutti coloro che stanno svolgendo una formazione. Ci sarebbe bisogno di più tempo da dedicargli, ma quest’anno gli allievi sono necessari soprattutto nella pratica e quindi abbiamo bisogno che imparino il più velocemente possibile».

Sul lavoro che stanno svolgendo i futuri infermieri Carla Pedrazzani si dice soddisfatta: «Come negli scorsi mesi, gli studenti ci stanno dando una dimostrazione di grande responsabilità e di capacità di adattamento a una situazione di fatto complessa. Si rendono conto di quanto in questo momento sia importante la loro presenza e come quest’esperienza sia qualcosa di estremamente formativo, che li farà crescere da un punto di vista professionale ma anche personale. La risposta da parte degli allievi è dunque, così come ce l’aspettavamo, molto matura e responsabile».

Anche se l’emergenza sanitaria lo richiedesse, non sarà probabilmente possibile un ulteriore prolungamento del periodo di pratica: «Dobbiamo garantire agli studenti del terzo anno la possibilità di concludere la formazione entro agosto, come previsto dal loro piano di studi. Se sarà necessario ripenseremo a soluzioni alternative che, comunque, non penalizzino in alcun modo gli studenti».

Gli allievi che hanno accettato le sei settimane extra di stage continueranno a lavorare nei reparti e nei servizi dove sono già operativi o dove hanno svolto recentemente un periodo di pratica, spiega Carla Pedrazzani che aggiunge: «I nostri studenti sono dislocati su molte strutture. Riallocazioni in altri contesti sono possibili, ma questi vengono discussi e concordati con gli studenti e sono in ogni caso in contesti già a loro noti», conclude.

L'interrogazione

Nomina all’Eoc contestata

Il posto di primario di urologia all’ospedale regionale di Lugano e quello di professore ordinario di Urologia presso l’Usi è andato al dottor Andrea Gallina di Milano. La scelta è contestata dalla deputata Lara Filippini (Udc) e co-firmatari che hanno inoltrato al Governo un’interrogazione, chiedendo per quale motivo sia stato scelto un medico italiano invece del concorrente dottor Seiler-Blarer dell’Inselspital di Berna. “Non è nostra intenzione mettere in discussione le competenze del dr. Gallina, ma è un fatto che i ticinesi hanno espresso la loro volontà che sia data la precedenza ai residenti per i posti di lavoro pubblici e parastatali. Questo principio è stato inserito nella Costituzione cantonale”, si legge nel testo. I firmatari chiedono chiarezza sulla scelta e domandano se corrisponde al vero che la Società svizzera di urologia si sia schierata a favore di Seiler-Blaler. E questo prima dell’ufficialità della nomina di Gallina. Come ultimo punto viene chiesto se il CdS “intende porre rimedio a fronte di una decisione chiaramente in totale contrasto” con le leggi.

© Regiopress, All rights reserved