ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
37 min

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
1 ora

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
2 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
2 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
2 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
2 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
Locarnese
2 ore

Muralto, la partita su grande schermo

Una proposta abbinata a un aperitivo al Bar Incontro
Locarnese
2 ore

Locarno, aperitivo del Plr

Appuntamento prenatalizio con la Sezione cittadina del Partito liberale radicale
Ticino
4 ore

Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina

La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Bellinzonese
4 ore

Biasca, il nuovo corso del Carnevale inizia... dal Natale

Il rinnovato comitato propone una serie di eventi nel mese di dicembre
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, il cenacolo del movimento sacerdotale

Appuntamento nel pomeriggio di sabato 10 dicembre nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Bellinzonese
5 ore

Area Tir a Giornico, successo di pubblico per le porte aperte

Sabato la popolazione ha potuto scoprire gli spazi del nuovo Centro di controllo dei veicoli pesanti
TICINO
26.11.2020 - 06:00
Aggiornamento: 17:43

‘Abbiamo la stessa divisa, ma lavoriamo il doppio’

I corrieri sono sempre più sotto pressione e le condizioni nelle aziende di subappalto sono al limite del sopportabile

abbiamo-la-stessa-divisa-ma-lavoriamo-il-doppio
ti-press

«Si lavora anche 12 ore a turno e per riuscire a consegnare i 200 pacchi giornalieri si mette in pericolo la sicurezza stradale». Sembra assurdo, ma questo succede in Ticino e a raccontarlo è un corriere di un’impresa della logistica che lavora in subappalto per una ditta privata. «Anche le aziende che ricevono incarichi da altre devono sottostare alle condizioni del contratto collettivo, ma non sempre questo avviene», dice Marco Forte, segretario del sindacato Syndicom. La situazione è aggravata dall’aumento degli acquisti online in vista anche del ‘blackfriday’ di domani. «È diventato ingestibile – spiega il corriere –, le ore supplementari non vengono retribuite». C’è reticenza nel denunciare. La paura di perdere il posto di lavoro è grande: «Non puoi dire nulla perché chi decide veramente le cose non sono i tuoi superiori, ma l’azienda che commissiona il lavoro e fondamentalmente devi andare bene a loro», continua. «Inoltre per effettuare le attuali 110 consegne al giorno, è impossibile rispettare i limiti di velocità e parcheggiare in sicurezza. E le multe le paghi tu».

Carico aumentato a dismisura

Forte spiega che le condizioni sono migliori presso il PostLogistics, divisione della Posta, ma il lavoro è aumentato a dismisura e, stando a un addetto, i dipendenti sono in completa emergenza. «A fine ottobre stavano già trattando il numero di pacchi che solitamente vengono spartiti nel periodo natalizio», afferma il sindacalista. «Il numero continua ad aumentare e se dovesse ammalarsi qualcuno o andare in quarantena, non riuscirebbero più a gestire la mole di invii in arrivo. Serve più personale».

Un portavoce della Posta ammette che i lavoratori sono sotto pressione nonostante la rete quest’anno sia stata potenziata dall’apertura di tre centri di smistamento pacchi e dall’assunzione di 400 persone a inizio di quest’anno. Oltre ad avvalersi di collaboratori temporanei. «Non c’è mai stata una quantità simile nella storia dell’azienda», dice il portavoce. «Abbiamo un mandato del Consiglio federale che ci impone di recapitare circa il 95% dei pacchi puntualmente anche con gli attuali carichi». E fa presente: «anche una piccola percentuale di consegne effettuate in ritardo, se tradotte in numeri, sono comunque migliaia al giorno». Per sgravare gli impiegati di PostLogistics, anche gli addetti al recapito delle lettere distribuiscono i pacchi di piccole dimensioni. Ma la pressione rimane. Inoltre, spiega il portavoce, «i nostri clienti maggiori ci aiutano facendo già un primo smistamento a seconda della grandezza degli invii e comunicandoci le loro stime. Questo ci permette di organizzarci meglio».

In vista un vuoto contrattuale

«La situazione nelle ditte in subappalto peggiorerà l’anno prossimo quando scadrà il contratto collettivo», ricorda Marco Forte. «Lo avevamo comunque già disdetto perché volevamo rinegoziare le condizioni degli addetti al recapito. Purtroppo le aziende private non hanno voluto trovare un accordo col nostro sindacato. Hanno cercato altri partner sindacali ma a quanto pare non sono stati firmati accordi e probabilmente si andrà verso un vuoto contrattuale». Per impedire il collasso Matteo Antonini, membro del comitato direttivo di Syndicom, afferma che sono necessari salari superiori, un numero sufficiente di dipendenti fissi e misure per la protezione della salute, questo oltre a un «contratto collettivo di obbligatorietà generale per gli addetti al recapito dei fornitori privati».

«Le ore di lavoro sono troppe, le pause le gestisci tu e a volte hai tempo solo per fermarti quindici minuti a mangiare un panino», racconta il corriere. «Trovo ingiusto che porto la stessa divisa dei miei colleghi che lavorano per l’azienda principale, ma sono obbligato a fare il doppio delle consegne». Al riguardo l’Ufficio dell’ispettorato del lavoro non entra nei dettagli ma spiega: «Il settore della logistica dei pacchi, come quello della Posta, è stato assoggettato alla legge sul lavoro nel marzo del 2015». In base a essa, in questo settore non si può lavorare piu di 50 ore a settimana. «In caso di necessità – continua – è inoltre possibile svolgere del lavoro straordinario nella misura di due ore al giorno per singolo lavoratore, superate le 50 ore settimanali e di 140 ore straordinarie per anno civile». All’Ufficio non risultano inoltre segnalazioni di elusione di queste regole.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved