sconcertati-dalla-comunicazione-di-governo-e-polizia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa “matrimonio per tutti”
Locarnese
15 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
16 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
18 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
25.11.2020 - 10:290
Aggiornamento : 19:27

‘Sconcertati dalla comunicazione di Governo e Polizia’

L'Associazione ticinese dei giornalisti: ‘Attacco a Lugano, nella conferenza stampa tutti silenti e poi tre ore dopo un tweet sul fatto più importante? Perché?’

“Siamo sconcertati e delusi per le modalità con cui è stata organizzata e gestita la conferenza stampa di ieri a Bellinzona, in seguito al grave fatto di sangue alla Manor di Lugano”. Inizia così la durissima nota diffusa alla stampa dall'Associazione ticinese dei giornalisti, firmata dal suo presidente Roberto Porta. 

All'incontro, rileva l'Atg, “il presidente del governo Gobbi, il capo della polizia ticinese Cocchi e la responsabile della polizia federale Della Valle non hanno palesemente voluto dire quanto è stato poi comunicato, un paio d'ore più tardi, attraverso un messaggio twitter dalla stessa polizia federale: cioè che la donna di 28 anni arrestata alla Manor non solo era conosciuta alle autorità ma che era apparsa nel 2017 in un'inchiesta su questioni legate allo jihadismo”. A Bellinzona, invece, “ci si è limitati a dire che la persona era conosciuta dalle autorità, senza entrare nei dettagli, nonostante le domande dei giornalisti”.

’Perché su Twitter e non davanti alla stampa?‘

E la domanda, retorica fino a un certo punto: “Perché non dire alle 19 quello che poi è stato comunicato su Twitter tre ore dopo? Perché si organizza un conferenza stampa su un fatto di questa gravità per poi affidare la notizia più importante ai social media?”

L'impressione generale, per l'Atg, è che ci sia stata “della confusione, del dire per non dire e del trincerarsi dietro procedure amministrative. Per poi, presi in contropiede da quanto affermato dal cancelliere austriaco Kurz, affidarsi a un tweet in tarda serata”.

Insomma, “dopo le conferenze stampa senza la presenza dei giornalisti - in primavera - ora abbiamo avuto una conferenza stampa con i giornalisti ma con le autorità che hanno taciuto il fatto più importante. Le cose proprio non migliorano”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved