merlani-probabilmente-siamo-arrivati-al-picco-in-ticino
Il medico cantonale Giorgio Merlani (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Conti 2020 di Bellinzona, tante critiche ma passa il ‘sì’

Disavanzo di 7 milioni: senza l’adesione di Verdi/Mps/Fa e Pc, il Legislativo ha votato il consuntivo in rosso
Mendrisiotto
3 ore

Villa Argentina, adesso Mendrisio ha un parco tutto suo

Il Consiglio comunale vista gli 8 milioni che daranno modo di avverare un sogno che i cittadini cullano dal 2009
Bellinzonese
5 ore

Ristrutturazione Liceo, ‘rischia di essere un inferno’

Il comitato studentesco critica la prevista sistemazione della sede scolastica di Bellinzona e invita il Gran Consiglio a una rivalutazione del progetto
Bellinzonese
5 ore

Il Cc di Bellinzona fa il gambero: torna l’alzata di mano

Problemi al nuovo sistema di voto elettronico. Il ricorso al Tf sul servizio della Rsi è di competenza municipale
Luganese
6 ore

Vettura in autocombustione a Rivera: nessun ferito

Intervento dei pompieri di Monteceneri a causa di un’auto andata in fiamme nei pressi di una stazione di benzina. Transennata l’area.
Bellinzonese
6 ore

Sostegno alla nuova Valascia, Bedretto comincia con due tessere

Unico Comune medio e alto leventinese a non avere concesso un credito a sostegno dello stadio, intende implementare altre modalità cammin facendo
Ticino
6 ore

Verso il sì al Consuntivo ’20, ma la politica è già nel futuro

Il Gran Consiglio discute i conti del 2020, con un deficit di 165 milioni. Domani il voto. Vitta: ‘Serve impegno attivo dai partiti, non si scappa’
Locarnese
7 ore

Giallo alla ‘Palma’, il buco clamoroso dell’ora del decesso

Nella prima giornata di processo al 32enne accusato della morte della 22enne inglese, il “j’accuse” del giudice sul lavoro del medico legale
Luganese
7 ore

Lugano, il nuovo sindaco è Michele Foletti

L’attuale vicesindaco è l’unico candidato (dei sette municipali) che si è presentato per sostituire Marco Borradori, scomparso l’11 agosto scorso
Luganese
8 ore

Polo sportivo, l’Ente regionale porterà il tema ai 44 Comuni

Il presidente, Franco Voci: dapprima sarà importante capire i desiderata della Città per poi trovare una soluzione condivisa con gli enti. Foletti nuovo delegato
Ticino
8 ore

Canoni d’acqua immutati almeno fino al 2030

Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale nell’ambito della discussione sul sostegno alle energie rinnovabili. Vitta: una vittoria per i Cantoni alpini
Ticino
8 ore

La sfida di ‘Ri-Attivare’ il patrimonio del costruito

È il tema della tavola rotonda che seguirà, il 22 settembre, l’Assemblea ticinese degli ingegneri e architetti
Bellinzonese
8 ore

Cittadini e vita politica, serata pubblica con ‘La gioventù dibatte’

Appuntamento per venerdì 24 settembre. Interverrà il professor Nenad Stojanovic che parlerà del progetto Demoscan
Locarnese
8 ore

Linescio, giornata di volontariato sui terrazzamenti

Organizzato dalla locale Pro, l’evento a favore delle peculiarità del territorio locale si terrà sabato
Locarnese
8 ore

Forze aeree, c’è un locarnese tra chi vola alto

Mirko Marazzani, di Locarno, ha superato l’ultima fase di preselezione e istruzione conclusasi, di recente, proprio all’aerodromo di Magadino
Bellinzonese
8 ore

Festa del Partito socialista in Piazza Grande a Giubiasco

Appuntamento per sabato 25 settembre a partire dalle 17
Ticino
16.11.2020 - 14:350
Aggiornamento : 18:33

Merlani: 'Probabilmente siamo arrivati al picco in Ticino'

Vicino il picco dei contagi, ma la discesa sarà più lenta che in primavera. Diminuito il numero delle quarantene per ogni caso positivo, attualmente 1,89

In corso un incontro informativo organizzato dalle autorità cantonali, in diretta streaming, per aggiornare la popolazione e i rappresentanti dei media sulla situazione in Ticino legata alla diffusione del nuovo Coronavirus. Presenti il Medico cantonale Giorgio Merlani e Marina Lang, Responsabile del contact tracing e psicologa della Polizia cantonale. 

Il Medico cantonale Giorgio Merlani insiste sulla necessità di farsi testare in caso di sintomi. «La situazione al momento sembra stabile, negli ultimi 14 giorni non c'è stata una crescita esponenziale, ancora tanti casi e stabilmente alti, ma siamo vicini al picco. Non ci sarà però, probabilmente, la discesa che si è avuta in primavera dopo il raggiungimento del picco, o quanto meno non sarà altrettanto ripida dato che le misure sono più modeste, quindi la discesa sarà più lenta: 'più di un picco si potrebbe parlare di un "colle". E non basta, per usare una metafora, scollinare, anzi non è detto che lo faremo come abbiamo fatto a marzo: occorre scendere fino a fondovalle» ha dichiarato Merlani. «Abbiamo davanti un inverno che passeremo al chiuso, se non prestiamo attenzione si rischia un secondo picco. Soprattutto sarà importante che gli ospedali inizino ad avere più dimissioni che ricoveri in modo da allentare la pressione.»

Focolai negli ospedali: prestare attenzione durante le visite

Il dato, prosegue Merlani, porta a chiedere di prestare attenzione sempre e comunque in particolare nel caso di visite in case anziani o ospedali. Ci sono ancora situazioni in cui durante le visite la mascherina viene indossata in modo errato o si pretende di entrare in troppi. 

I dati delle case anziani

Attualmente i dati dei contagi nelle casi anziani sono circa un terzo del totale. « I numeri degli ultimi casi sono importanti, ma è bene considerare che nelle case anziani vengono effettuati più tamponi» aggiunge Merlani, «e dunque i dati non sono facilmente confrontabili». «Visti i numeri relativamente importanti abbiamo discusso con i direttori e individuata un'altra piccola stretta, riguardo al fatto di effettuare le visite in camera o nei locali di visita, per cercare di ridurre ancora il rischio. Anche in merito alle uscite è stata emessa un'ulteriore piccola stretta: le uscite saranno permessi nel perimetro della casa, invece i trasporti privati saranno da evitare in quanto ci si trova in un abitacolo piccolo e chiuso» comunica il medico cantonale. 

Test rapidi

«I test rapidi non sono uno strumento in mano alla popolazione: è fondamentale usare quelli riconosciuti e valutati in termini di qualità, poichè su Internet viene offerto di tutto, quindi bisogna diffidare: i test non vengono venduti nei negozi, ma prescritti ed effettuati dal medico» ha precisato Merlani. Oggi aperti dei procedimenti per test rapidi eseguiti e venditi illegalmente

Ampliato il dispositivo per il contact tracing

Marina Lang: «Vi è stato un importante rinforzo del dispositivo affinchè possa durare nel tempo. Il team consta di 50 collaboratori, di cui 44 operatori per rispondere alle telefonate, tutti assunti tramite Ufficio regionale di collocamento, quindi attingendo alla disoccupazione. Il centro sistemi informatici ha sviluppato una nuova piattaforma attiva dalla prossima settimana che permetterà di avere una visione generale sull'andamento e maggiori informazioni sull'andamento». «Rispetto all'attività corrente il dispositivo permettere di evadere circa 300 casi al giorno, 2/3 in giornata, un terzo nelle rimanenti 24 ore, in questo ultimo caso soprattutto riguardo i contatti dei casi positivi», ha spiegato la responsabile del contact tracing. Sono 1898 le persone attualmente in isolamento, 3606 quelle in quarantena, l'età media delle quarantene è di circa 47 anni.

Meno quarantene per ogni caso positivo

«Stiamo assistendo a una diminuzione del numero di quarantene per caso positivo, 1,89 circa 2 persone per caso positivo'»ha spiegato Marina Lang, «evidentemente un segnale che c'è un rispetto delle norme e delle disposizioni, che permette di tracciare più facilmente le persone da mettere in quarantena. Per quanto concerne i luoghi di contagio, è più difficile risalire ad essi ma è nei contesti familiari che più facilmente le quarantene diventano casi positivi: se si chiudono prima possibile i contesti familiari l'attività di tracciamento trova il suo senso».

Cosa fare in caso di contatto con un positivo

Spiega Marina Lang: «In caso si sia stati in stretto contatto con un positivo: se si è un familiare, si va in quarantena automaticamente, altrimenti si valuta da solo se vi erano i 15 minuti di contatto, il metro e mezzo di distanza e la protezione, che sono i criteri che segue il contact tracing. Se si rientra nei criteri di rischio, ci si mette in quarantena e si aspetta la chiamata del servizio di contact tracing che fornirà fra l'altro l'attestato di quarantena da presentare al datore di lavoro. In questi 10 giorni si sorveglia il proprio stato di salute, se compaiono dei sintomi si chiama il medico di famiglia o la guardia medica che provvederà ad effettuare un tampone. Se non si sviluppano sintomi all'undicesimo giorno si può uscire dalla quarantena. Per il datore di lavoro fa testo l'indicazione del contact tracing, per le persone in isolamento fa testo il certificato medico che attesta la positività.» Riguardo la deroga all'obbligo di quarantena per i sanitari, in Ticino attualmente ciò è previsto solo per le strutture acute. Non è prevista per le case anziani. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved