ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
14 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
42 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
15 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
16 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
16 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
16.11.2020 - 14:35
Aggiornamento: 18:33

Merlani: 'Probabilmente siamo arrivati al picco in Ticino'

Vicino il picco dei contagi, ma la discesa sarà più lenta che in primavera. Diminuito il numero delle quarantene per ogni caso positivo, attualmente 1,89

merlani-probabilmente-siamo-arrivati-al-picco-in-ticino
Il medico cantonale Giorgio Merlani (Ti-Press)

In corso un incontro informativo organizzato dalle autorità cantonali, in diretta streaming, per aggiornare la popolazione e i rappresentanti dei media sulla situazione in Ticino legata alla diffusione del nuovo Coronavirus. Presenti il Medico cantonale Giorgio Merlani e Marina Lang, Responsabile del contact tracing e psicologa della Polizia cantonale. 

Il Medico cantonale Giorgio Merlani insiste sulla necessità di farsi testare in caso di sintomi. «La situazione al momento sembra stabile, negli ultimi 14 giorni non c'è stata una crescita esponenziale, ancora tanti casi e stabilmente alti, ma siamo vicini al picco. Non ci sarà però, probabilmente, la discesa che si è avuta in primavera dopo il raggiungimento del picco, o quanto meno non sarà altrettanto ripida dato che le misure sono più modeste, quindi la discesa sarà più lenta: 'più di un picco si potrebbe parlare di un "colle". E non basta, per usare una metafora, scollinare, anzi non è detto che lo faremo come abbiamo fatto a marzo: occorre scendere fino a fondovalle» ha dichiarato Merlani. «Abbiamo davanti un inverno che passeremo al chiuso, se non prestiamo attenzione si rischia un secondo picco. Soprattutto sarà importante che gli ospedali inizino ad avere più dimissioni che ricoveri in modo da allentare la pressione.»

Focolai negli ospedali: prestare attenzione durante le visite

Il dato, prosegue Merlani, porta a chiedere di prestare attenzione sempre e comunque in particolare nel caso di visite in case anziani o ospedali. Ci sono ancora situazioni in cui durante le visite la mascherina viene indossata in modo errato o si pretende di entrare in troppi. 

I dati delle case anziani

Attualmente i dati dei contagi nelle casi anziani sono circa un terzo del totale. « I numeri degli ultimi casi sono importanti, ma è bene considerare che nelle case anziani vengono effettuati più tamponi» aggiunge Merlani, «e dunque i dati non sono facilmente confrontabili». «Visti i numeri relativamente importanti abbiamo discusso con i direttori e individuata un'altra piccola stretta, riguardo al fatto di effettuare le visite in camera o nei locali di visita, per cercare di ridurre ancora il rischio. Anche in merito alle uscite è stata emessa un'ulteriore piccola stretta: le uscite saranno permessi nel perimetro della casa, invece i trasporti privati saranno da evitare in quanto ci si trova in un abitacolo piccolo e chiuso» comunica il medico cantonale. 

Test rapidi

«I test rapidi non sono uno strumento in mano alla popolazione: è fondamentale usare quelli riconosciuti e valutati in termini di qualità, poichè su Internet viene offerto di tutto, quindi bisogna diffidare: i test non vengono venduti nei negozi, ma prescritti ed effettuati dal medico» ha precisato Merlani. Oggi aperti dei procedimenti per test rapidi eseguiti e venditi illegalmente

Ampliato il dispositivo per il contact tracing

Marina Lang: «Vi è stato un importante rinforzo del dispositivo affinchè possa durare nel tempo. Il team consta di 50 collaboratori, di cui 44 operatori per rispondere alle telefonate, tutti assunti tramite Ufficio regionale di collocamento, quindi attingendo alla disoccupazione. Il centro sistemi informatici ha sviluppato una nuova piattaforma attiva dalla prossima settimana che permetterà di avere una visione generale sull'andamento e maggiori informazioni sull'andamento». «Rispetto all'attività corrente il dispositivo permettere di evadere circa 300 casi al giorno, 2/3 in giornata, un terzo nelle rimanenti 24 ore, in questo ultimo caso soprattutto riguardo i contatti dei casi positivi», ha spiegato la responsabile del contact tracing. Sono 1898 le persone attualmente in isolamento, 3606 quelle in quarantena, l'età media delle quarantene è di circa 47 anni.

Meno quarantene per ogni caso positivo

«Stiamo assistendo a una diminuzione del numero di quarantene per caso positivo, 1,89 circa 2 persone per caso positivo'»ha spiegato Marina Lang, «evidentemente un segnale che c'è un rispetto delle norme e delle disposizioni, che permette di tracciare più facilmente le persone da mettere in quarantena. Per quanto concerne i luoghi di contagio, è più difficile risalire ad essi ma è nei contesti familiari che più facilmente le quarantene diventano casi positivi: se si chiudono prima possibile i contesti familiari l'attività di tracciamento trova il suo senso».

Cosa fare in caso di contatto con un positivo

Spiega Marina Lang: «In caso si sia stati in stretto contatto con un positivo: se si è un familiare, si va in quarantena automaticamente, altrimenti si valuta da solo se vi erano i 15 minuti di contatto, il metro e mezzo di distanza e la protezione, che sono i criteri che segue il contact tracing. Se si rientra nei criteri di rischio, ci si mette in quarantena e si aspetta la chiamata del servizio di contact tracing che fornirà fra l'altro l'attestato di quarantena da presentare al datore di lavoro. In questi 10 giorni si sorveglia il proprio stato di salute, se compaiono dei sintomi si chiama il medico di famiglia o la guardia medica che provvederà ad effettuare un tampone. Se non si sviluppano sintomi all'undicesimo giorno si può uscire dalla quarantena. Per il datore di lavoro fa testo l'indicazione del contact tracing, per le persone in isolamento fa testo il certificato medico che attesta la positività.» Riguardo la deroga all'obbligo di quarantena per i sanitari, in Ticino attualmente ciò è previsto solo per le strutture acute. Non è prevista per le case anziani. 

 

Leggi anche:

Covid, nelle case anziani 286 residenti positivi

Test rapidi eseguiti illegalmente, aperti procedimenti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved